Vaccini COVID, la narrativa è in continua evoluzione

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo editoriale di Robert Kennedy jr per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Dopo averci risucchiato in un rovinoso blocco in attesa del salvataggio con il vaccino, i truffatori Pharma stanno freneticamente ridimensionando le aspettative che hanno gonfiato.

 

Tony Fauci di NIH ha ammesso che l’immunità ai vaccini può durare solo pochi mesi…

Durante una teleconferenza della FDA l’8 luglio, il direttore del CBER Peter Marks ha dichiarato che la FDA è ora disposta a concedere in licenza i vaccini COVID con una lugubre efficacia del 50% e fino al 30%, un umiliante ritiro dalla promessa di Gates / Fauci di un vaccino che intendono dare a sette miliardi di persone affinché la società torni alla normalità.

 

Anche lui intento a sgonfiare, Tony Fauci di NIH ha ammesso che l’immunità ai vaccini può durare solo pochi mesi…

 

 

… e si è unito a Gates suggerendo che il vaccino potrebbe anche non impedire la trasmissione:

 

 

Astra Zeneca sta producendo due miliardi di dosi del suo vaccino”Oxford” (Gates ha fortemente investito) nonostante le prove che le scimmie vaccinate trasmettano COVID. Paul Offit ha detto alla CBS che il vaccino potrebbe non arrestare la trasmissione e potrebbe solo indebolire non prevenire i sintomi.

 

«Possiamo mostrarvi qualche calcolo su come ci siamo arrivati? No»

Marks ha ammesso che un vaccino con un’efficacia del 50% non fermerà il virus. «Avremo bisogno di un vaccino che sia probabilmente nell’ordine del 70% efficace e che almeno il 70% della popolazione dovrà prenderlo».

 

La giustificata volontà della FDA di Marks di autorizzare il vaccino con una patetica efficacia del 30-50% cita la convenienza del settore.

 

Il timore che il virus selvaggio possa svanire prima che un vaccino sia pronto per i test sull’uomo ha spinto la FDA a scartare la sua tradizionale repulsione etica per i «challenge test» in cui le compagnie farmaceutiche espongono deliberatamente l’uomo ai virus selvatici

«Possiamo mostrarvi qualche calcolo su come ci siamo arrivati? No», ha confessato , aggiungendo «Se si scende molto al di sotto del 50%, i limiti inferiori delle cose iniziano a raggiungere un luogo in cui i vaccini possono avere pochissima efficacia … D’altra parte, se tenessimo quel numero al 70% a 80% … potremmo non avere un vaccino fino a quando l’immunità da gregge non si è verificata naturalmente».

 

Il timore che il virus selvaggio possa svanire prima che un vaccino sia pronto per i test sull’uomo ha spinto la FDA a scartare la sua tradizionale repulsione etica per i «challenge test» in cui le compagnie farmaceutiche espongono deliberatamente l’uomo ai virus selvatici.

 

La FDA ha emesso nuovi protocolli per «modelli di infezione umana controllata» in cui le compagnie farmaceutiche espongono intenzionalmente volontari vaccinati a un agente patogeno.

 

La FDA ha emesso nuovi protocolli per «modelli di infezione umana controllata» in cui le compagnie farmaceutiche espongono intenzionalmente volontari vaccinati a un agente patogeno.

La FDA afferma che tali studi potrebbero essere necessari se COVID diventa così raro che «non è più possibile dimostrare l’efficacia del vaccino attraverso la conduzione di studi clinici sull’efficacia dell’endpoint della malattia». Quando la stampa chiamerà questa frode con il suo nome?

 

 

Robert F. Kennedy Jr.

 

 

 

© 28 luglio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.