USA, disabili e anziani agli ultimi posti per l’assistenza COVID-19 in almeno 25 stati

 

 

 

Come nel resto del mondo, quella che possiamo chiamare «morte da triage» è pienamente in azione negli Stati Uniti d’America dell’era del Coronavirus.

 

In pratica, la decisione di chi vive e chi muore viene presa dall’ospedale, dal personale ospedaliero. Questo laddove non intervenga una legislazione che ne limiti le decisioni – ma anche in questo caso nessuno ci assicura che le priorità di trattamento non siano assegnate secondo un principio di «qualità della vita» del paziente che eventualmente sopravvive.

 

Alcune linee guida statali americane affermano che i pazienti con fibrosi cistica non dovrebbero nemmeno essere considerati per i ventilatori; sei stati affermano che gli ospedali dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di togliere i ventilatori ai pazienti che ne hanno bisogno quotidianamente se altri ne hanno maggiore necessità, pratica che, secondo i sostenitori dei diritti dei disabili, scoraggerebbe le persone dal richiedere cure per il COVID-19. Lo riporta il sito nordamericano Lifesitenews, che analizza alcune situazioni negli Stati USA.

L’assassinio – o meglio il genocidio – da triage è una delle più spaventose realtà fatte emergere dal C-19. Più che con il virus, dovremo convivere e lottare con tale abominio bioetico e la sua scia di morte

 

I pazienti affetti da Coronavirus che presentano disabilità o in età avanzata potrebbero essere collocati in «fondo della lista per le cure salvavita» negli Stati americani in caso di carenza di forniture mediche come ventilatori; è quanto emerge da un rapporto investigativo del Center for Public Integrity.

 

Il rapporto ha analizzato il razionamento delle forniture di emergenza o le «politiche standard di assistenza in caso di crisi» di 30 stati e ha concluso che in 25 «le scarse disponibilità possono far sì che i disabili siano gli ultimi della lista per i trattamenti salvavita», come temono i sostenitori dei diritti civili. Il Center for Public Integrity afferma che gli altri 20 stati «non avevano stabilito politiche di razionamento o non le hanno rese note».

 

«Le scarse disponibilità possono far sì che i disabili siano gli ultimi della lista per i trattamenti salvavita»

Il rapporto sostiene inoltre che «gli Stati devono attuare politiche ora, prima che i casi di coronavirus raggiungano il picco, e non dovrebbero nasconderle» perché i medici senza una guida univoca per decidere chi vive e chi muore in una situazione di crisi potrebbero «basarsi su pregiudizi e stereotipi personali, anche inconsapevolmente».

 

 I sostenitori dei diritti dei disabili avevano presentato una denuncia contro l’Alabama sostenendo che i piani dello Stato dell’Alabama in caso di emergenza «consentivano di negare i servizi di ventilazione alle persone basandosi sulla presenza di disabilità intellettive, tra cui “ritardo mentale profondo” e “demenza da moderata a grave”». 

 

Un gruppo di avvocati statunitensi ha recentemente avvertito che il razionamento dell’assistenza sanitaria in base alla disabilità o all’età durante l’epidemia di coronavirus viola la legge federale sui diritti civili.

 

I medici senza una guida univoca per decidere chi vive e chi muore in una situazione di crisi potrebbero «basarsi su pregiudizi e stereotipi personali, anche inconsapevolmente»

Una donna dell’Alabama, madre di un 37enne con sindrome di Down ha detto al Center for Public Integrity di essere ancora preoccupata per suo figlio.

 

«Ho paura per Matthew – ha detto Susan Ellis – Mi offende che le autorità o i politici del nostro stato si possono preoccupare così poco delle persone con disabilità intellettive da affermare che il QI potrebbe determinare se una persona è degna di vivere o no».

 

L’assassinio – o meglio il genocidio – da triage è una delle più spaventose realtà fatte emergere dal C-19. Più che con il virus, dovremo convivere e lottare con tale abominio bioetico e la sua scia di morte.