Turismo delle cellule staminali, casi raccapriccianti

 

 

 

 

 

Le autorità sanitarie hanno avvertito che gli aspetti negativi dei trattamenti non provati a base di cellule staminali non riguardano semplicemente l’inefficacia, ma possono rivelarsi letali. Lo riporta un articolo del Los Angeles Times dello scorso luglio.

 

Un team di medici canadesi ha appena riportato un esempio particolarmente raccapricciante di ciò che può andare storto quando i pazienti disperati sono disposti a ricorrere a cure estreme in quello che è definito turismo delle cellule staminali. Il soggetto in esame è un 38enne di Terranova che è diventato paraplegico all’età di 20 anni in seguito a un incidente con il trampolino in cui aveva riportato una ferita alla colonna vertebrale.

 

Sei anni dopo, si è recato in Portogallo per sottoporsi a un trattamento con cellule staminali. I medici hanno trapiantato cellule della mucosa olfattiva, prelevate dalle cavità nasali superiori, nel punto della lesione spinale. Non è mai migliorato, ma anni dopo ha iniziato a peggiorare.

 

I ricercatori hanno stilato un elenco di 35 reazioni avverse derivanti da trattamenti con cellule staminali non provate eseguiti principalmente in Cina, Tailandia, Argentina, Messico, Costa Rica, Egitto, Repubblica Dominicana e Russia. Alcuni sono stati effettuati anche in Germania, Australia e Stati Uniti. Gli esiti negativi includevano tumori, cecità, emorragie cerebrali, ictus, polmonite e morte

I medici della Memorial University di Terranova hanno scoperto che le cellule olfattive non si erano mai differenziate in cellule neuronali, come apparentemente si aspettava la clinica portoghese, ma continuavano a crescere da sole, producendo un tumore di cellule nasali ormai troppo grande per essere asportato chirurgicamente.

 

«Questo era un giovane con un infortunio che gli aveva cambiato la vita e avrebbe provato di tutto pur di avere la possibilità di camminare di nuovo», ha detto Nanette Hache, uno dei medici. L’operazione in Portogallo è costata $ 50.000, senza contare le spese per viaggi, alloggio e supporto postoperatorio. I medici hanno pubblicato il caso (con il consenso del paziente) «perché vogliamo assicurarci che la stessa cosa non accada a nessun altro».

 

Altri tre casi simili sono stati identificati nei rapporti di riviste scientifiche, secondo Leigh Turner, esperto di bioetica all’Università del Minnesota che segue da diversi anni la proliferazione di trattamenti con cellule staminali non provate. Tutti si sono rivolti alla stessa clinica in Portogallo, che ha affermato di aver curato più di 120 pazienti.

 

Gli esperti hanno seriamente iniziato a mettere in guardia dai rischi del turismo delle cellule staminali. Dato che le autorità negli Stati Uniti, in Canada e in alcune parti d’Europa hanno represso il ruolo dei promotori di trattamenti a base di cellule staminali privi di validità scientifica, le cliniche in luoghi meno regolamentati rappresentano un salto nel vuoto. Questi promotori non sono sottoposti a controlli governativi, e spesso possono evitare di denunciare risultati negativi del loro lavoro che potrebbero mettere in guardia potenziali vittime.

 

L’anno scorso, i ricercatori di Berlino hanno stilato un elenco di 35 reazioni avverse derivanti da trattamenti con cellule staminali non provate eseguiti principalmente in Cina, Tailandia, Argentina, Messico, Costa Rica, Egitto, Repubblica Dominicana e Russia. Alcuni sono stati effettuati anche in Germania, Australia e Stati Uniti. Gli esiti negativi includevano tumori, cecità, emorragie cerebrali, ictus, polmonite e morte.

 

I ricercatori hanno osservato, tuttavia, che la loro lista era quasi certamente incompleta, in parte perché il vero numero di trattamenti è sconosciuto. Le prove a disposizione indicavano «un sostanziale sfruttamento del paziente usando il “potere della speranza”».

 

Il soggetto si è recato in Portogallo per sottoporsi a un trattamento con cellule staminali. I medici hanno trapiantato cellule della mucosa olfattiva, prelevate dalle cavità nasali superiori, nel punto della lesione spinale. Non è mai migliorato, ma anni dopo ha iniziato a peggiorare

Le notizie riportate in maniera ingenua dai media non fanno altro che aumentare i danni. Come dimostra l’esperienza recentemente riportata di Caroline Wyatt, importante giornalista della BBC che all’età di 49 anni ha subito un trattamento con cellule staminali per la sclerosi multipla in Messico nel 2017, attirata lì da notizie (sulla BBC) di «risultati quasi miracolosi». Ha raccolto $ 84.000 da amici e familiari, perché il sistema sanitario britannico non avrebbe coperto la procedura. Un mese dopo il trattamento, ha detto a un programma della BBC che si sentiva »meglio di quanto non si sia sentita per molto tempo».

 

Il miglioramento non è durato. In un controllo a febbraio, ha dichiarato: «Oggi mi sento peggio di prima.» Alcuni dei pazienti con cui è rimasta in contatto hanno riportato miglioramenti, mentre altri hanno riferito cambiamenti minimi. «Alcuni hanno detto che ora si sentono peggio di prima … e rimpiangono di aver effettuato il trattamento». Come è consapevole, le cause della sclerosi multipla – e quindi i trattamenti adeguati – sono sconosciute.

 

Le cliniche che offrono cure a base di cellule staminali negli Stati Uniti usano tipicamente cellule derivate dal grasso che vengono rimosse dai pazienti mediante liposuzione, presumibilmente trattate per concentrare le cellule staminali, per poi essere iniettate nel corpo del cliente.

 

L’uso di cellule olfattive sembra essere un’applicazione relativamente nuova per le lesioni del midollo spinale. Il procedimento non è completamente privo di logica scientifica. Le cellule della mucosa olfattiva hanno caratteristiche neuronali e sono note per rigenerarsi, il che suggerisce che potrebbero svolgere la funzione delle cellule spinali che non si rigenerano, almeno in teoria.

 

«Non è del tutto “esterno”», dice Hache. «La ricerca legittima è in corso, ma per quanto riguarda la prossima fase, il trapianto nei pazienti – non ci siamo ancora».

I tumori provocati dai trapianti potrebbero non svilupparsi per anni

 

Un problema reso evidente dal caso di Terranova e altri è che i tumori provocati dai trapianti potrebbero non svilupparsi per anni. La clinica portoghese, che ha reso note le esperienze di 20 pazienti nel 2010, li ha seguiti solo per circa due anni e nessuno è stato seguito per più di quattro.

 

Il tumore del paziente di Terranova, tuttavia, non si è manifestato per più di sette anni dopo il trapianto, ed è emerso solo perché le sue condizioni stavano peggiorando con l’avanzare del tumore.

 

La lezione, dice Turner, è che «se metti le cellule sbagliate nel posto sbagliato possono accadere cose brutte, anche se i sintomi non si manifestano subito.»