Trapianti di uteri, trapianti di uteri di donne morte, uteri artificiali

 

 

L’avanzamento della tecnica moderna non considera in alcun modo i limiti della natura umana. La biotecnologia ora consente ciò che non può essere ottenuto naturalmente. Ogni desiderio incolmabile, egoistico, può essere soddisfatto con i nuovi artifizi del progresso scientifico, che, come noto, non guarda in faccia nessuno e, soprattutto, non bada a spese.

 

Un recente ed allarmante caso, rimbalzato dalle cronache internazionali alle colonne di ogni quotidiano italiano, è quello di un trapianto di utero avvenuto in Brasile, attraverso il quale è stata portata avanti una gravidanza giunta poi a termine. La bambina è nata un anno fa, ma la notizia è stata diffusa solo in questi giorni dall’Università di San Paolo attraverso la pubblicazione del caso clinico su Lancet, una delle più importanti riviste scientifiche del mondo.

 

Tutto iniziò nel 2016, quando una donna di 32 anni affetta da sindrome di Mayer-Rokitansky-Kuster-Hauser (una condizione patologica che provoca l’assenza dell’utero ma non delle ovaie) scelse di sottoporsi ad un trapianto sperimentale di utero: le venne trapiantato l’utero di una donatrice deceduta a 45 anni per un’emorragia cerebrale.

Questo è il disprezzo per la genitorialità, il disprezzo per la famiglia per come naturalmente è fondata; è la barbarie più tremenda – questa sì – che una società può intraprendere contro la Vita

 

A differenza delle descrizioni solite presenti nella letteratura medica, riferite a trapianti di utero di donne viventi, il caso brasiliano apre ad una possibilità di cui forse non si conosce ancora la portata, con tutte le annesse conseguenze in campo scientifico, antropologico, morale e, quindi, etico.

 

Il trapianto riuscì, e qualche mese dopo l’operazione l’embrione crioconservato e ottenuto precedentemente attraverso fecondazione in vitro dall’ovulo della donna (a cui trapiantarono l’utero della defunta) e lo spermatozoo del marito fu trasferito dai medici nell’utero della donna morta trapiantato. L’impianto funzionò procurando la gravidanza, con la nascita della bambina attraverso parto cesareo programmato a 36 settimane, il 15 dicembre dello scorso anno.

 

Non era mai successo, prima, di una gravidanza portata a termine con il trapianto di un utero di donna deceduta, visto che i pochi casi – se ne stimano circa tredici – di bambini nati dall’organo trapiantato fanno riferimento a donatrici di utero viventi. Quasi tutti i suddetti casi sono avvenuti in Svezia, a partire dal 2014. Solo uno, invece, più recente, negli USA.

Non era mai successo, prima, di una gravidanza portata a termine con il trapianto di un utero di donna deceduta, visto che i pochi casi – se ne stimano circa tredici – di bambini nati dall’organo trapiantato fanno riferimento a donatrici di utero viventi

 

In passato, già nel 2011, alcune cliniche turche e americane provarono a portare avanti gravidanze con uteri donati da donne defunte, ma tutte le gravidanze si risolsero con aborti spontanei quasi immediati. I ricercatori decretarono quindi che l’utero potesse essere un organo strettamente legato all’apporto di sangue, non più presente dopo la morte e quindi capace di danneggiare in modo irreparabile l’utero da trapiantare. Il «successo» brasiliano però, cambia le prospettive dei ricercatori, visto che in questo caso l’utero trapiantato, secondo quanto riportato dall’equipe medica, ha resistito otto ore senza flusso sanguigno: quasi il doppio rispetto a quanto avviene nelle operazioni alle donatrici viventi.

 

Questa pratica apre ora gli orizzonti ad un bacino di donatrici più ampio, visto che sono poche le donne viventi disposte a sottoporsi ad un intervento così delicato e invasivo come il trapianto di utero. Il problema verrà risolto dai defunti, o meglio dai loro organi.

 

Attraverso donne decedute i cui organi sono disposti per le donazioni, si potrà appagare il desiderio egoistico ed edonistico di tante altre donne: ciò che la natura, per svariati motivi non dispone, lo dispone la tecnica correlata alla Necrocultura che avanza

Attraverso donne decedute i cui organi sono disposti per le donazioni, si potrà appagare il desiderio egoistico ed edonistico di tante altre donne: ciò che la natura, per svariati motivi non dispone, lo dispone la tecnica correlata alla Necrocultura che avanza. Nessuno può infatti negare che la biotecnica collabori, particolarmente in questo caso, proprio con la cultura della morte.

 

Ma c’è di più.

La donazione di utero da donne decedute non è nient’altro che un’apripista per permettere ai cosiddetti transgender di «avere» figli attraverso questa pratica artificiale e disumana. Un ulteriore passo verso un transumanesimo di carattere sessuale e procreatico: l’immissione di un organo di una donna morta, in un corpo maschile, allo scopo di avviarvi una «gravidanza» impossibile in natura.

 

Il passo  successivo porta direttamente all’utero artificiale

Il passo  successivo porta direttamente all’utero artificiale. A parlarne in questi giorni è stato il sito di Wired, che ha ipotizzato la possibilità di ricorrere ad esso per mettere la parola fine alla «differenza di genere», dove la donna deve essere l’unica ad avere gravidanze e a soffrire i dolori del parto.

 

Il primo centro di ricerca a condurre gli esperimenti con utero artificiale si trovava in Emilia-Romagna, a pochi chilometri da chi scrive: Bologna. Era il 1987 quando il Dott. Carlo Flamigni, insieme al suo collaboratore romagnolo Carlo Bulletti – ancora oggi particolarmente attivo nel campo della promozione della ricerca in materia – impiantò un embrione umano in un utero asportato e tenuto vivo artificialmente.

 

Libro di Flamigni e Bulletti sull’utero artificiale

Erano gli albori della cosiddetta riproduzione ectogenetica, cioè la «produzione» di bambini al di fuori del corpo umano. In quel caso pare che l’embrione si impiantò, ma Flamigni, preoccupato dei contraccolpi politici, interruppe l’esperimento, esternando poi i propri pentimenti al Corriere della Sera: «Mi è mancato il coraggio e oggi me ne pento (…) Anche perché avevamo ottenuto qualcosa di straordinario. (…) A Bologna, a quell’epoca stavamo facendo davvero ricerca d’avanguardia; quando si mette le mani sopra questa merce rara, non si deve abbandonare» (Corriere della Sera, 20 settembre 2010).

 

Dal trapianto di uteri di donne viventi, al trapianto di uteri di corpi non più viventi; da questo si passa al trapianto di uteri in corpi maschili e, per finire, si passa alla costruzione di uteri artificiali per rendere la gravidanza «gender neutral».

Dal trapianto di uteri di donne viventi, al trapianto di uteri di corpi non più viventi; da questo si passa al trapianto di uteri in corpi maschili e, per finire, si passa alla costruzione di uteri artificiali per rendere la gravidanza «gender neutral»

 

Non a caso il sito di Wired cita nel medesimo articolo di lode alla donazione di uteri di donne morte Shulamite Firestone, pioniera della teoria del gender, riportando ciò che lei stessa scrisse nel suo libro-manifesto La dialettica dei sessi:

 

«La gravidanza è barbarica e il parto è tutt’al più necessario e tollerabile. Ma per niente divertente. (Come cagare una zucca, mi disse un’amica quando chiesi informazioni sulla Grande-Esperienza-che-ti-manca)».

 

Questo è il disprezzo per la genitorialità, il disprezzo per la famiglia per come naturalmente è fondata; è la barbarie più tremenda – questa sì – che una società può intraprendere contro la Vita.

 

A noi il compito di contrastarla. Con tutte le nostre forze, rialzando il muro della bioetica ormai crollato.

 

 

Cristiano Lugli