Sposa un bambolotto zombie. “È amore”

 

 

Cronache dall’era dell’amore.

 

Felicity Kadlec Rossi, 20 anni, ha sposato un manichino di un bambino-zombie dopo una relazione «emotiva e intima» di sette anni. La signora altresì afferma di aver addirittura «consumato» il loro matrimonio. Tuttavia, da quando ha condiviso il suo amore per lo sposo bambino-manichino-zombie, Felicity  ha ricevuto messaggi di odio con le persone che credevano che si fosse sposata con un bambino morto.

 

Ha chiesto quindi l’aiuto della sua polizia locale a Vinita, in Oklahoma, per convincerli a verificare che il suo sposo altro è un manichino e non il cadavere di un bimbo.

 

«Ho deciso di andare dalla polizia perché mi hanno detto che la gente stava chiamando la polizia dicendo che ero sposato con un bambino morto».

 

«Anche quando dicevo alla gente che era solo una bambola, la gente non mi credeva, così ho deciso di andare dalla polizia per ottenere una verifica».

 

«Quando ero lì, la polizia ha confermato che era solo una bambola e abbiamo fatto una foto per affermarlo in modo che potessi condividerla sui social media. Sono stufa delle persone che pensano che Kelly sia un bambino e insinuando che mi piacciono i bambini, quindi sapevo che dovevo chiarire le cose per porre fine a queste affermazioni».

 

Il manichino zombie, secondo Felicty, è femmina e si chiamerebbe Kelly.

 

Durante la sua visita alla stazione di polizia di Vinita il 28 marzo, Felicity ha scattato una foto con Kelly e un poliziotto che aveva in mano un cartello che diceva: «La polizia di Vinita l’ha verificato. È solo una bambola».

 

Felicity spera che andando dalla polizia la gente lascerà lei e Kelly da sole per godersi la loro relazione.

 

«Ho conosciuto Kelly quando ero più giovane come amica e si è trasformata in una relazione. Kelly è invecchiata con me e l’ho vista solo da adulta – non è mai stata una bambina ai miei occhi. Anche se è solo una bambola, credo che l’energia che Kelly ha sia quella di un adulto, ed è quello che amo di lei».

 

«Sapevo che dovevo convincere la polizia a controllare la situazione per aiutarmi ad andare avanti con la mia relazione con Kelly. Da quando le persone mi hanno chiamato pedofila, ho avuto difficoltà a essere affettuoso con Kelly. Ora che è stato confermato, voglio essere in grado di andare avanti e godermi la nostra relazione e il matrimonio».

 

 

Dopo il loro matrimonio, Felicity aveva detto che Kelly era lo sposo perché «assume il ruolo maschile nella nostra relazione» e l’ha vestita con un abito perché è una maschiaccio. Ha ricevuto Kelly dal suo defunto padre dopo essere diventata ossessionata dai film dell’orrore quando aveva 13 anni.

 

Felicity ha detto di aver iniziato a sviluppare sentimenti per lei quando aveva 16 anni e dopo la morte di suo padre si è rivolta alla bambola per conforto.

 

Siamo davanti ad un caso complesso: pedofilia e necrofilia si stemperano nello scenario dell’oggettofilia, cioè la passione erotica per gli oggetti. È interessante anche il ruolo dello Stato: la signora tira in ballo l’istituto del matrimonio e, in qualche modo, lo fa vidimare dalla polizia, sia pure solo per controllare che non vi siano reati.

 

Eppure, la famiglia – a quanto dicono – è basata sull’amore. Di recente, in risposta ad un lettera aperta del cofondatore di Renovatio 21 Cristiano Lugli pubblicata sui giornali, una consigliera regionale emiliano-romagnola fiancheggiatrice della causa LGBT ha dichiarato che «dove c’è amore c’è famiglia».

 

Ci chiediamo: è una famiglia questa? Vogliamo dare a questa famiglia anche qualche bambino in adozione?