Siria, i Caschi Bianchi trafficano organi

 

 

Il gruppo «umanitario» dei White Helmets («Caschi Bianchi»), appoggiato dall’Occidente (nonché protagonista di una serie Netflix, vincitore di un Oscar per il miglior documentario breve e ora candidato al Nobel per la Pace), è coinvolto nel traffico di organi, nel supporto della logistica dei terroristi e nei saccheggi in Siria, è riferito in un rapporto presentato all’ONU.

 

Le prove sono state presentate giovedì dal direttore della Fondazione per la Ricerca sulla democrazia in Russia Maxim Grigoriev.

 

Il rapporto si basa su interviste con oltre 100 testimoni oculari, tra cui 40 membri dei White Helmets, 50 residenti locali e 15 ex combattenti terroristi.

Oltre 500 civili sono stati intervistati nelle città siriane di Aleppo e Deraa.

Sono stati presentati resoconti sconvolgenti che indicano il coinvolgimento dei Caschi Bianchi nel traffico di organi umani

 

«Esistono prove schiaccianti che dimostrano che i centri dei White Helmets sono coinvolti in modo permanente nella costruzione di posizioni di fortificazione per terroristi e gruppi armati illegali a cui fornivano acqua e cibo;  evacuando inoltre i terroristi feriti dalla linea del fronte», ha detto Grigoriev.

 

Grigoriev spiega come il gruppo abbia fornito supporto logistico ai gruppi armati, fornendo assistenza nel trasporto di truppe e rifornimenti.

 

Il ricercatore ha continuato a citare un membro dei White Helmets della ex città siriana di Douma (fino a poco fa sotto dominio terrorista) che diceva: «per esempio, abbiamo scavato trincee nelle città di Mesraba e al-Shaifuniya e costruito un tumulo di terra».

 

Il direttore ha presentato resoconti sconvolgenti che indicano il coinvolgimento del gruppo nel traffico di organi umani.

 

«Le persone evacuate dagli elmetti bianchi spesso non sono tornate vive», ha detto Grigoriev citando un testimone da un’area in cui il gruppo ha operato. «Ad esempio, una persona riceve una ferita minore, viene salvata, evacuata e poi portata indietro con lo stomaco aperto e con gli organi interni mancanti».

 

Citando i resoconti dei membri dell’organizzazione nella città siriana di Saqba, lo studio ha anche rivelato un’estesa corruzione all’interno della rete del gruppo, con i leader che hanno ottenuto guadagni privati ​​dalle donazioni e membri che saccheggiavano la popolazione civile.

 

«Una persona riceve una ferita minore, viene salvata, evacuata e poi portata indietro con lo stomaco aperto e con gli organi interni mancanti»

«A volte venivamo in aiuto, entravamo in un appartamento e, se trovavamo oro o gioielli, li prendevamo», Grigoriev sostiene un membro dei White Helmets a Douma. «In un appartamento c’era una donna che si sentiva male, siamo venuti ad aiutarla, abbiamo trovato dell’oro e l’abbiamo rubato».

 

Ribadendo le precedenti relazioni sui tentativi del gruppo di mettere in scena vittime civili e attacchi chimici, Grigoriev ha fatto riferimento a un caso particolare a Jisr al-Haj, Aleppo, dove sono stati bruciati rifiuti e alcuni corpi sono stati portati da un obitorio locale per mettere in scena una finta operazione di salvataggio di cui far girare il video.

 

Una testimonianza scritta di un membro del White Helmet ha affermato che tutte le persone coinvolte hanno ricevuto $ 50 per lo sforzo.

Grigoriev ha proseguito spiegando che «prove innegabili» indicavano che il gruppo aveva preso ordini scritti da gruppi terroristici e che quasi tutti i membri del gruppo erano pagati come staff, non erano dunque volontari.

 

Le prove, ha detto il ricercatore, hanno dimostrato che i White Helmets non sono un «gruppo di aiuto», ma un’estensione di gruppi terroristici in Siria.

 

«Gli account Facebook dei membri dei White Helmets sono pieni di materiale propagandistico di gruppi terroristici, tra cui Daesh [cioè l’ISIS, NdR] e al-Qaeda, nonché di lodi per Osama bin Laden e altri individui elencati dalle Nazioni Unite come terroristi», ha aggiunto Grigoriev. Il direttore ha sottolineato che «centinaia di foto con le armi in mano» erano disponibili sui social media.

«I White Helmets meritano di essere nella lista dei terroristi designati dalle Nazioni Unite».

 

L’inviato delle Nazioni Unite della Russia Vassily Nebenzia, che era presente anche all’udienza delle Nazioni Unite, ha detto che le prove dimostrano che «i White Helmets meritano di essere nella lista dei terroristi designati dalle Nazioni Unite».

 

Il cosiddetto gruppo White Helmets, progettato dall’Occidente come “addetti alla protezione civile”, è stato istituito dall’ex ufficiale dell’esercito britannico James Le Mesurier nel 2014.

 

Il sedicente gruppo volontario di salvataggio è stato ripetutamente accusato di fungere da braccio dei media per i gruppi terroristici takfiri e accusato di aver messo in atto attacchi chimici falsi nel tentativo di sollecitare l’intervento militare occidentale in Siria. A luglio, diverse centinaia di persone affiliate al gruppo sono state evacuate  dal sud della Siria in Israele, nel bel mezzo di un’operazione riuscita dell’esercito siriano nella regione.

Il Regno Unito, il Canada e la Germania hanno annunciato con orgoglio l’interesse ad accettare i White Helmets come rifugiati.