Singapore, ecco i robot per il distanziamento sociale

 

 

Singapore ha avuto uno dei più alti totali di infezione in tutta l’Asia, principalmente a causa dei dormitori di lavoratori stranieri dove si è registrato un aumento dei casi da aprile.

 

Ciò ha spinto il governo a impiegare robot autonomi in almeno un dormitorio, una mossa che si spera possa imporre rigide regole di distanza sociale.

 

Il minuscolo paese asiatico continua a riaprire la sua economia gravemente danneggiata dopo diversi mesi di lockdown: i casi confermati di COVID-19 nel paese hanno superato i 38.000 casi lunedì, con un totale di 25 morti.

 

La task force  del governo ha detto a Reuters che almeno la metà dei casi di virus recentemente scoperti nel paese sono asintomatici. Circa 6.294 infezioni nelle ultime due settimane sono derivate da lavoratori migranti.

In risposta all’epidemia , la polizia di Singapore ha dispiegato robot autonomi in almeno un dormitorio di lavoratori stranieri nella parte orientale del paese al fine di far rispettare le distanze sociali.

 

In risposta all’epidemia , testate asiatiche hanno riferito che le forze di polizia di Singapore hanno dispiegato robot autonomi in almeno un dormitorio di lavoratori stranieri nella parte orientale del paese al fine di far rispettare le distanze sociali.

 

Due MATAR, robot autonomi capaci di operare in qualsiasi terreno, sono stati dispiegati all’inizio di maggio in un dormitorio per lavoratori stranieri.

 

 

Ogni robot ha telecamere e altoparlanti e può essere controllato da remoto tramite un operatore.

 

L’ispettore di polizia di Singapore Teo Wan-Ling, che guida 15 ufficiali nel dormitorio, ha affermato che i robot aiutano la loro capacità di far rispettare meglio il distanziamento sociale tra i residenti.

 

«C’è un numero considerevole di persone (nel dormitorio). A volte quando fanno la fila per il loro cibo, non aderiscono alle misure di distanza di sicurezza. Quindi, in questo caso, puoi semplicemente dare loro un promemoria verbale sul MATAR».

La diffusione di dispositivi di sorveglianza orwelliana come i robot MATAR (che in una lingua parlata da mezzo mondo, lo spagnuolo, significa «uccidere») sta diventando più comune in un mondo post-corona.

 

«Il MATAR svolge anche un ruolo dissuasivo», ha detto, osservando che gli operai in genere tendono a seguire le misure di distanza sicure una volta che vedono il robot in pattuglia.

 

L’assistente soprintendente della polizia Daniel Toh, funzionario delle operazioni della divisione operazioni e pianificazione della polizia, ha affermato che i robot trasmettono messaggi di trasmissione in diverse lingue.

 

«Il robot in realtà ci aiuta ad automatizzare alcune attività ordinarie e banali, quindi gli agenti non devono viaggiare e fare i passi. Invece, questi robot possono aiutare a ridurre l’affaticamento umano ed eseguire i lavori disponibili».

 

I robot navigano autonomamente attraverso la struttura con una telecamera a 360 gradi, che copre eventuali punti ciechi durante le pattuglie. Altri robot MATAR sono in uso nel paese. Un robot, in particolare, può schierare un drone che può volare fino a 120 piedi di altezza.

 

 

L’impiego di forze di polizia robotiche dalla fantascienza distopica diviene realtà accettabile: la finestra di Overton sul nuovo totalitarismo robo-digitale inizia a spalancarsi.

Aveva destato  stupore, qualche settimana fa, l’utilizzo di cani robotici della Boston Dynamics nei parchi pubblici, sempre con il fine di imporre il distanziamento sociale.

 

La diffusione di dispositivi di sorveglianza orwelliana come i robot MATAR (che in una lingua parlata da mezzo mondo, lo spagnuolo, significa «uccidere») sta diventando più comune in un mondo post-corona.

 

L’impiego di forze di polizia robotiche dalla fantascienza distopica diviene realtà accettabile: la finestra di Overton sul nuovo totalitarismo robo-digitale inizia a spalancarsi.