Shulamith Firestone, paladina del gender

 

 

 

 

La paladina e il simbolo della prospettiva di genere è Shulamith Firestone, la femminista lesbica morta suicida nel 2012 a sessantasette anni, del cui pensiero (per molti versi profetico) è utile fornire un breve florilegio.

 

Per la Firestone il sessismo, così come l’intero sistema di oppressione che vi fa capo, si radica nel modo in cui si configura in natura la riproduzione umana: la schiavitù della donna passa per i suoi «specifici legami con la riproduzione biologica e l’allevamento dei bambini». Per liberarsene – sostiene – occorre operare non solo sul piano simbolico, ma anche su quello biologico approfittando del progresso tecnologico.

 

«Il fine ultimo della rivoluzione femminista deve essere […] non solo l’eliminazione dei privilegi maschili, ma la stessa distinzione in sessi»

Ecco che «il fine ultimo della rivoluzione femminista deve essere […] non solo l’eliminazione dei privilegi maschili, ma la stessa distinzione in sessi», e la chiave per raggiungere questo risultato è il controllo della riproduzione, capace di liberare le donne dal peso di far nascere i figli.

 

«Se le donne si rifiutassero di far figli – osserva la Firestone – gli uomini sarebbero costretti a inventarsi una soluzione tecnologica del problema e se la riproduzione della specie venisse rimpiazzata dalla riproduzione artificiale, i bambini nascerebbero uguali di entrambi i sessi, o indipendenti da questo fattore» e «la tirannia della famiglia biologica sarebbe finalmente spezzata». 

 

Come si vede, la signora ha preconizzato in tempi ancora non sospetti gli esiti attuali, ormai totalmente fuori controllo, del processo di fabbricazione dell’uomo in laboratorio, cioè della industria manifatturiera degli esseri umani che, come tale, è soggetta alle regole del mercato e alla logica del profitto; per cui l’uomo oggi si può produrre, selezionare, congelare, eliminare se fallato o semplicemente non corrispondente alla domanda del suo aspirante detentore. (1)

Se la riproduzione della specie venisse rimpiazzata dalla riproduzione artificiale, i bambini nascerebbero uguali di entrambi i sessi, o indipendenti da questo fattore» e «la tirannia della famiglia biologica sarebbe finalmente spezzata»

 

A ciò si accompagna, nel pensiero della Firestone, la liberazione della sessualità da ogni restrizione riguardante il numero, il sesso, l’età, i rapporti biologici o lo stato dei partecipanti, in vista del ritorno a un «pansessualismo senza ostacoli, in cui la perversità polimorfa di Freud sostituirà l’etero, l’omo, la bi-sessualità».

 

Su questa base, la Firestone reclama anche la totale liberazione sessuale dei bambini e la liberalizzazione dell’incesto. Tutti i rapporti intimi, per lei, includerebbero anche la fisicità. «Il tabù dell’incesto – dice – attualmente serve solo a preservare la famiglia: se ci sbarazzassimo della famiglia ci sbarazzeremmo anche delle repressioni che vedono la sessualità posta in formazioni specifiche. Una volta che tutto sia livellato in parità, la maggior parte della gente potrebbe ancora preferire il sesso opposto semplicemente perché è fisicamente più conveniente» (sic!). E «una volta eliminato il tabù dell’incesto, non ci sarebbe niente di male se un bambino avesse dei rapporti sessuali con la madre». 

 

«Il tabù dell’incesto – dice – attualmente serve solo a preservare la famiglia: se ci sbarazzassimo della famiglia ci sbarazzeremmo anche delle repressioni che vedono la sessualità posta in formazioni specifiche» 

Anche sotto questo aspetto, bisogna riconoscere la lungimiranza della signora: auspicava allora la legalizzazione dell’incesto – il tabù dei tabù, il tabù originario – e della pedofilia, che si intravvede ora come traguardo prossimo venturo. Lasciando peraltro trasparire chiaramente il legame ideologico tra il femminismo radicale e il movimento che si appella capziosamente ai «diritti dei bambini».

 

 

Elisabetta Frezza

 

 

 

«Una volta eliminato il tabù dell’incesto, non ci sarebbe niente di male se un bambino avesse dei rapporti sessuali con la madre»

NOTE

(1) Sono tutti aspetti, interconnessi, della avanzata antiumana che è sotto i nostri occhi (aborto, eutanasia, omosessualismo, indifferentismo sessuale, fabbricazione dell’uomo in provetta) e che prendono origine dalla medesima premessa: la perdita del senso del limite e la volontà di dominio sulla vita da parte dell’uomo padrone della vita e arbitro del bene e del male, creatore di se stesso e dio di se stesso. Il che non può non sfociare nella prevaricazione dell’uomo sull’uomo, dell’uomo più forte nei confronti del suo simile più debole e privo di difese.

 

Questo è un brano del libro Malascuola: «Gender», affettività, emozioni. ll sistema «educativo» per abolire la ragione e manipolare i nostri figla di Elisabetta Frezza. È possibile acquistarne copia presso il sito dell’editore.

 

 

 

ABBIAMO PARLATO DI

Per approfondire

In affiliazione Amazon