Se Trump perde le elezioni si ricandiderà nel 2024, dice Steve Bannon

 

 

 

L’ex capo stratega della Casa Bianca Steve Bannon afferma che se Donald Trump perderà le elezioni contro Joe Biden il mese prossimo si candiderà di nuovo alla presidenza nel 2024.

 

Nonostante mantenga la sua convinzione che Trump «vincerà il giorno delle elezioni», Bannon ha detto all’Australian che una vittoria di Biden non significherebbe la fine di Trump.

 

«Se per qualsiasi motivo le elezioni vengono rubate o in qualche modo Joe Biden viene dichiarato vincitore, Trump annuncerà che si candiderà alla rielezione nel 2024»

«Farò subito questa previsione: se per qualsiasi motivo le elezioni vengono rubate o in qualche modo Joe Biden viene dichiarato vincitore, Trump annuncerà che si candiderà alla rielezione nel 2024», ha detto Bannon.

 

Bannon ha altresì affermato che l’attuale corsa presidenziale è molto più vicina di quanto suggeriscono i sondaggi e che il suo esito «non sarà risolto presto» e potrebbe finire davanti alla Corte Suprema.

 

Bannon in precedenza aveva affermato che Trump sarebbe stato in grado di rivendicare la vittoria già «alle 10 o alle 11» il 3 novembre dopo aver vinto l’Ohio ed essere in Florida e Pennsylvania.

 

È stato anche recentemente rivelato come Bannon possa essere l’architetto dietro il lancio dei contenuti del laptop di Hunter Biden

«Le élite sono traumatizzate. Non vogliono mettersi in fila e votare. Questo, signore e signori, è un punto di svolta», ha detto Bannon.

 

Ricorda Summit News, che è stato anche recentemente rivelato come Bannon possa essere l’architetto dietro il lancio dei contenuti del laptop di Hunter Biden.

 

 

 

 

Immagine di Gage Skidmore via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)