Scienziato britannico ammette: il lockdown è stato «errore monumentale su scala globale»

 

 

 

Un consulente scientifico del governo britannico afferma che il lockdown per il  coronavirus è stata una «misura di panico» e un «errore monumentale su scala globale».

 

L’esperto di malattie infettive e professore dell’Università di Edimburgo Mark Woolhouse ha riconosciuto che la decisione di bloccare a marzo è stata una «misura approssimativa» che è stata emanata perché «non potevamo pensare a niente di meglio da fare».

 

«Credo che la storia dirà che cercare di controllare il COVID-19 attraverso il lockdown è stato un errore monumentale su scala globale, la cura è stata peggiore della malattia»

«Il lockdown era una misura di panico e credo che la storia dirà che cercare di controllare il COVID-19 attraverso il lockdown è stato un errore monumentale su scala globale, la cura è stata peggiore della malattia», ha detto Woolhouse, che ora chiede al governo di sbloccare società prima che venga fatto più danno.

 

«Non voglio più vedere il blocco nazionale», ha aggiunto. «È sempre stata una misura temporanea che ha semplicemente ritardato la fase dell’epidemia che vediamo ora. Non cambierà mai nulla di fondamentale».

 

Il professore afferma che l’impatto della risposta al coronavirus sarà peggiore del virus stesso, riporta Summit News.

«È sempre stata una misura temporanea che ha semplicemente ritardato la fase dell’epidemia che vediamo ora. Non cambierà mai nulla di fondamentale»

 

«Credo che il danno che il blocco sta arrecando alla nostra istruzione, all’accesso all’assistenza sanitaria e ad aspetti più ampi della nostra economia e società si rivelerà essere almeno pari al danno causato dal COVID-19», ha detto Woolhouse.

 

Richard Sullivan, professore di cancro al King’s College di Londra, in precedenza aveva avvertito che nel Regno Unito ci saranno più morti per cancro in eccesso nei prossimi 5 anni rispetto al numero di persone che muoiono di coronavirus  a causa dell’interruzione causata dal blocco del coronavirus, che sta impedendo alle vittime del  cancro di ottenere cure.

 

Nel Regno Unito ci saranno più morti per cancro in eccesso nei prossimi 5 anni rispetto al numero di persone che muoiono di coronavirus  a causa dell’interruzione causata dal blocco del coronavirus, che sta impedendo alle vittime del  cancro di ottenere cure

I dati mostrano anche che durante la stagione influenzale 2017-18 si sono verificati più decessi (circa 50.000) rispetto al numero totale di persone nel Regno Unito che sono morte a causa del coronavirus (41.433).

 

Tuttavia, un sondaggio condotto il mese scorso ha rilevato che i britannici pensavano che circa il 7% della popolazione, 5 milioni di persone, fosse stata uccisa da COVID-19.