Scandalo vaccini in Cina

 

 

Esiste un luogo in cui le società farmaceutiche che producono i vaccini sono punite a causa dei loro prodotti, e dove il governo attacca Big Pharma quando l’abuso passa il segno.

 

Questo luogo non è in Europa, e non si annovera nemmeno tra quelle che chiamano «democrazie». Si tratta invece della Cina guidata dal Partito Comunista Cinese, che ora cerca di riscattarsi dopo la mala gestione di varie crisi sanitarie del Paese.

 

Lo chiamano scandalo Changsheng.

Il premier cinese Li Keqiang ha chiesto un’indagine immediata sulla vendita di 250.000 vaccini contro la rabbia rivelatisi difettosi. Li ha sollecitato una punizione severa per le società e le persone implicate.

 

L’indignazione ha travolto i social media cinesi lunedì, quando i regolatori e i funzionari hanno cercato di contenere le ricadute sulle rivelazioni che uno dei maggiori produttori di vaccini del paese aveva somministrato ai bambini vaccini difettosi.

Esiste un luogo in cui le società farmaceutiche che producono i vaccini sono punite a causa dei loro prodotti, e dove il governo attacca Big Pharma quando l’abuso passa il segno. È la Cina

 

 

I regolatori la scorsa settimana hanno ordinato alla società biotech Changsheng di interrompere la produzione di un vaccino contro la rabbia, dopo che gli investigatori grazie ad una soffiata hanno trovato dati di produzione e ispezione falsificati. Changsheng ha detto nel corso della settimana che le autorità hanno puntito la società per un vaccino DPT ( difterite, pertosse e tetano) giudicato sotto lo standard.

 

Chansheng, il cui nome significa «lunga vita», dichiara che tutta la produzione è stata interrotta. La società ha rilasciato una dichiarazione che esprime le sue «scuse più profonde».

 

La mancanza di fiducia pubblica continua, poiché i genitori ricordano la gestione da parte del governo di precedenti crisi di salute pubblica. Nel 2008, sei bambini sono morti e 300.000 si sono ammalati dopo aver bevuto latte in polvere contaminato con melammina, un caso che i funzionari avevano inizialmente coperto.

«Voglio solo esprimere l’ansia di una madre… il caso del vaccino è come versare del veleno nel pozzo», ha scritto una commentatrice su Weibo, un social network cinese.

 

«Voglio solo esprimere l’ansia di una madre… il caso del vaccino è come versare del veleno nel pozzo», ha scritto una commentatrice su Weibo, un social network cinese. «Sono davvero terrorizzato». Un altro ha scritto: «La gente chiede perché non ho figli. È perché non voglio che mio figlio beva latte in polvere contaminato, gli vengano iniettati  vaccini falsi… Non voglio vedere quello che è successo alla nostra generazione accadere alla prossima».

 

I censori, che in un primo momento avevano cancellato gli articoli critici di Wechat, sembravano consentire il dilagare della discussione pubblica. L’hashtag #Changsheng vaccine case # è stato visto oltre 470 milioni di volte a partire da lunedì.

 

Il premier cinese Li Keqiang ha condannato la vendita dei vaccini difettosi: «rifiutiamo risolutamente gli atti criminali e illegali che mettono in pericolo la sicurezza della vita delle persone, puniremo  risolutamente i trasgressori secondo la legge e critichiamo risolutamente e severamente l’abbandono del dovere nella supervisione».

 

Non è chiaro quanti bambini hanno ricevuto i vaccini Changsheng. I genitori cinesi sono tenuti a seguire un programma di vaccinazione per i loro bambini.

 

I media statali cinesi hanno riferito che 250.000 dosi del vaccino DPT in questione erano state vendute nella provincia dello Shandong. La società ha richiamato 186 dosi che erano ancora in magazzino presso il centro regionale per le malattie. Changsheng ha detto che altre agenzie regionali per il controllo delle malattie hanno sospeso l’uso di alcuni degli altri vaccini della società.

 

Changsheng è di proprietà del miliardario cinese Gao Junfang. Le azioni della scorsa settimana per Changsheng, quotate a Shenzhen, hanno perso il 10%, l’ammontare massimo concesso alla caduta di un titolo. La società ha perso il 40% del suo valore azionario dalla scorsa settimana, quando il caso è diventato pubblico.

L’ atto di sovranità del governo cinese contro le farmaceutiche, cioè un atto di primato della politica sull’economia, è quello che è demandato dalla gente (che esso deve proteggere) e dal minimo sindacale dell’idea di Stato. L’Italia, purtroppo, non ha nemmeno quello

 

Il caso Changsheng erode ulteriormente la fiducia del pubblico nei confronti delle droghe cinesi, che il governo ha cercato di promuovere. Nel 2016 la polizia della provincia di Shandong ha scoperto che 90 milioni di dollari di vaccini erano stati immagazzinati in modo improprio e venduti in tutto il paese. La scorsa settimana, un farmaco per il cuore prodotto da Zhejiang Huaihai Pharmaceutical è stato richiamato dopo che i regolatori hanno riscontrato un’impurità legata al cancro.

 

«I vaccini riguardano direttamente la salute dei bambini e sono legati alla vita» scrive un editoriale del quotidiano cinese Global Times. «Ogni notizia negativa in quest’area farà sì che tutta la società la guardi». Beata ingenuità.

 

Sappiamo tutti che non è così: la società guarda dove guardano i giornali e i governi. Sino a che Big Pharma sarà incistata in queste due realtà, nessuno scandalo, per quanto cruento, cambierà le cose.

 

L’ atto di sovranità del governo cinese contro le farmaceutiche, cioè un atto di primato della politica sull’economia, è quello che è demandato dalla gente (che esso deve proteggere) e dal minimo sindacale dell’idea di Stato. L’Italia, purtroppo, non ha nemmeno quello