Roundup e cancro, la Bayer pagherà 10 miliardi

 

 

La Bayer, società chimica tra le più potenti al mondo, pagherà fino a 10,9 miliardi di dollari  per saldare le richieste di cancro legate al suo diserbante Roundup.

 

Il prodotto a base di glifosato è stato oggetto di circa 125.000 azioni legali per i suoi presunti effetti cancerogeni. Lo studio legale Weitz & Luxenberg di New York afferma di aver raggiunto un accordo per quasi 100.000 persone.

 

La Bayer nega qualsiasi illecito, ma afferma che il pagamento porrebbe fine all’incertezza. Lo riporta la BBC.

La Bayer pagherà fino a 10,9 miliardi di dollari  per saldare le richieste di cancro legate al suo diserbante Roundup

 

Il Roundup è stato originariamente lanciato dalla società americana Monsanto, acquistata da Bayer nel 2018. Dalla sua introduzione più di quattro decenni fa, è diventato noto come il diserbante più popolare al mondo.

 

Come parte dell’accordo, Bayer pagherà fino a  9,6 miliardi di dollari per risolvere i reclami in sospeso e accantonerà altri  1,25 miliardi di dollari per far fronte a qualsiasi azione futura, ha dichiarato la società in una nota sul suo sito web.

 

Il prodotto a base di glifosato è stato oggetto di circa 125.000 azioni legali per i suoi presunti effetti cancerogeni. Lo studio legale Weitz & Luxenberg di New York afferma di aver raggiunto un accordo per quasi 100.000 persone

Quest’anno verranno erogati fino a 5 miliardi di dollari pagamenti concordati, con altri  5 miliardi che verranno pagati nel 2021. Bayer ha dichiarato che non è stato ancora raggiunto un accordo per circa il 25% delle richieste in sospeso.

 

La multinazionale tedesca tuttavia puntualizza: «l’accordo Roundup è l’azione giusta al momento giusto affinché Bayer possa porre fine a un lungo periodo di incertezza», ha scritto Werner Baumann, amministratore delegato di Bayer, che tuttavia ha ribadito l’opinione della società secondo cui la scienza indica che «il Roundup non causa il cancro e, pertanto, non è responsabile delle malattie asserite in questo contenzioso».

 

Il gigante chimico tedesco aveva  acquistato il produttore del Roundup, la Monsanto, per 63 miliardi di dollari due anni fa

Il gigante chimico tedesco aveva  acquistato il produttore del Roundup, la Monsanto, per 63 miliardi di dollari due anni fa e ha sùbito subìto battaglie legali per il controverso erbicida.

 

Nell’agosto 2018, un tribunale della California ha emesso la prima sentenza che collega il Roundup al cancro, assegnando ai richiedenti un risarcimento sostanziale.

 

Nelle loro azioni legali, gli utilizzatori accusano il Roundup e il suo principio attivo – il glifosato – per il loro linfoma non-Hodgkin ed altri tumori.

Nelle loro azioni legali, gli utilizzatori accusano il Roundup e il suo principio attivo – il glifosato – per il loro linfoma non-Hodgkin ed altri tumori

 

Il glifosato è l’ingrediente attivo in molti diserbanti. Alcuni paesi hanno vietato gli erbicidi che contengono glifosato mentre altri continuano a usarli.

 

Bayer nega che il glifosato sia un agente cancerogeno, una posizione sostenuta anche dalla US Environmental Protection Agency.

 

Bayer nega che il glifosato sia un agente cancerogeno

Oltre alla compensazione Roundup, Bayer pagherà anche circa 820 milioni di dollari per risolvere i casi relativi all’inquinamento idrico dall’uso del composto chimico tossico ora vietato policlorurato bifenile (PCB).

 

Inoltre, Bayer pagherà altri 400 milioni di dollari per risolvere le accuse secondo cui il suo erbicida a base di dicamba ha causato danni alle colture. Anche questa sostanza ora è stata bandita in America.

 

La storia della Bayer è piena di fasi controverse. Ad esempio, la Bayer introdusse nel mercato tra Otto e Novecento la diacetilmorfina con il nome di «eroina», sostanza ora illegale  che crea dipendenza.

 

La storia della Bayer è piena di fasi controverse. Ad esempio, la Bayer introdusse nel mercato tra Otto e Novecento la diacetilmorfina con il nome di «eroina»

L’eroina fu introdotta come sostituto non tossico della morfina, e commercializzata da Bayer dal 1898 al 1910 come soppressore della tosse e trattamento da banco per altri disturbi comuni, tra cui polmonite e tubercolosi. Gli scienziati della Bayer non furono i primi a produrre eroina, ma la compagnia aprì la strada alla sua commercializzazione.

 

L’eroina era un marchio commerciale Bayer fino alla fine della prima guerra mondiale  Il direttore della farmacologia di Bayer non voleva che il farmaco avesse «un nome troppo complicato», quindi la Bayer si basò su heroisch, la parola tedesca per «eroico».

 

IG Farben, società madre di Bayer, utilizzava schiavi nelle fabbriche costruite nei campi di concentramento tedeschi

 

Helge Wehmeier, allora CEO di Bayer, nel 1995 offrì scuse pubbliche per le azioni della compagnia durante la seconda guerra mondiale  e l’Olocausto. IG Farben, società madre di Bayer, utilizzava schiavi nelle fabbriche costruite nei campi di concentramento tedeschi, in particolare nel campo di concentramento di Monowitz (noto come Auschwitz III), parte del complesso del campo di Auschwitz nella Polonia occupata dai tedeschi.