Rischi e benefici delle mascherine: esiste un piano?

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Renovatio 21 offre la traduzione di questo pezzo di CHD per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Nel corso dell’epidemia di COVID-19 abbiamo assistito a cambiamenti di posizione riguardo l’uso delle mascherine.

 

Inizialmente non era raccomandato, poi abbiamo ricevuto istruzioni diverse dal Chirurgo Generale degli Stati Uniti, Dr. Jerome Adams, e dai rappresentanti del CDC, del NIH e di altre agenzie.

 

Recentemente, le linee guida che raccomandano di indossare maschere per il viso sono diventate più diffuse e spesso sono obbligatorie nei luoghi pubblici.

 

Esistono solide basi mediche o scientifiche per tali raccomandazioni? Si tratta di un segno di civiltà? Esiste una logica legittima per cui, indossandola, si proteggono i più vulnerabili? E se sì, a quale costo per il resto della società?

Esistono solide basi mediche o scientifiche per tali raccomandazioni? Si tratta di un segno di civiltà? Esiste una logica legittima per cui, indossandola, si proteggono i più vulnerabili? E se sì, a quale costo per il resto della società?

 

Ci sono molte considerazioni importanti da fare, tra cui il rapporto rischio/beneficio. Quindi, quali sono i rischi e quali i benefici? Ancora, ci sarebbe una ragione di parte per alcuni politici che spingono per l’una o l’altra? Perché, per quanto sfortunato sia, tutte le decisioni e le pratiche devono essere viste da almeno due lati, la politica e chi ne trarrà benefici finanziari?

 

Diamo un’occhiata alle due parti del dibattito:

 

Il vantaggio è maggiore del rischio:

I sostenitori delle mascherine usano i seguenti argomenti:

 

Possiamo impedire alle persone infette malate o asintomatiche di infettare gli altri indossando mascherine.

La persona infetta che indossa la maschera potrebbe, come conseguenza, peggiorare la propria infezione

Potrebbero esserci alcune prove credibili per suggerire questo, ma nel farlo la persona infetta che indossa la maschera potrebbe, come conseguenza, peggiorare la propria infezione.

 

L’affermazione «indossarle solo in ambito medico» lo dimostrerà. È stato dimostrato che le maschere N-95 bloccano il 95% delle particelle sospese nell’aria con un diametro medio> 0,3 μm (maggiore di 0,3 micrometri o micron quadrati), mentre le maschere facciali standard possono bloccare il 50-70% delle particelle a seconda della mascherina. (http://medcraveonline.com/JLPRR/JLPRR-01-00021.pdf) 

 

Se le persone sane indossano maschere per il viso, saranno protette da quelle che potrebbero essere infette.

Il contrappunto nella sezione successiva sarà l’argomento contro quella logica. 

Le persone maneggiano frequentemente la maschera quando la adattano al viso, per rimuoverla e per indossarla. Tutti questi tocchi aumentano le probabilità che la trasmissione virale dalla maschera può quindi trasferirsi alle cavità nasali e orali

 

Se indossi una maschera, è meno probabile che tocchi il naso, la bocca o gli occhi, che è dove inizia la stragrande maggioranza delle infezioni.

Alcuni sostengono che ciò sia vero, ma si può argomentare che le persone maneggiano frequentemente la maschera quando la adattano al viso, per rimuoverla e per indossarla.

 

Tutti questi tocchi aumentano le probabilità che la trasmissione virale dalla maschera può quindi trasferirsi alle cavità nasali e orali. Un recente video delle conferenze stampa della Task Force per il Coronavirus lo ha sottolineato, dal momento che il dottor Fauci e altri membri della task force vengono spesso ripresi mentre armeggiano con le loro mascherine sullo sfondo.

Il dottor Fauci e altri membri della task force vengono spesso ripresi mentre armeggiano con le loro mascherine sullo sfondo

 

Il rischio è maggiore del beneficio (tranne in ambito medico) –

I detrattori dall’uso regolare di mascherine citano quanto segue:

 

Le mascherine non proteggono chi le indossa dalla trasmissione da parte di altri-

L’American Medical Association ha appena pubblicato un documento programmatico sull’uso delle mascherine in cui si legge:

 

«Le mascherine non devono essere indossate da individui sani per proteggersi dall’acquisizione di infezioni respiratorie perché non ci sono prove che suggeriscano che le mascherine indossate da individui sani siano efficaci nel prevenire che le persone si ammalino» JAMA 21 aprile 2020

«Le mascherine devono essere utilizzate solo da soggetti che presentano sintomi di infezione respiratoria come tosse, starnuti o, in alcuni casi, febbre. Le mascherine devono essere indossate anche dagli operatori sanitari, dalle persone che si prendono cura o sono in stretto contatto con persone che hanno infezioni respiratorie o come altrimenti indicato da un medico. Le mascherine non devono essere indossate da individui sani per proteggersi dall’acquisizione di infezioni respiratorie perché non ci sono prove che suggeriscano che le mascherine indossate da individui sani siano efficaci nel prevenire che le persone si ammalino. Le mascherine dovrebbero essere riservate a coloro che ne hanno bisogno perché possono scarseggiare durante i periodi di infezione respiratoria diffusa. Poiché le mascherine N95 richiedono test di adattamento speciali, non sono raccomandate per l’uso da parte del pubblico.» (Journal of American Medical Association (JAMA); 21 aprile 2020, volume 323, numero 15 https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2762694)

 

Un recente attento esame della letteratura, in cui sono stati analizzati 17 dei migliori studi, ha concluso che: «Nessuno degli studi ha stabilito una relazione conclusiva tra l’uso della mascherina/respiratore e la protezione contro l’infezione influenzale». (bin-Reza F et al., L’uso di mascherine e respiratori per prevenire la trasmissione dell’influenza: una revisione sistematica delle prove scientifiche. Resp Viruses 2012; 6 (4): 257-67. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5779801/)

«Nessuno degli studi ha stabilito una relazione conclusiva tra l’uso della mascherina/respiratore e la protezione contro l’infezione influenzale»

 

Le mascherine limitano l’eliminazione del virus, facendo ricircolare il virus nei passaggi nasale/sinusale e respiratorio superiore-

«Indossando una mascherina, i virus espirati non saranno in grado di allontanarsi e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello». Articolo di Russell Blaylock, medico, pubblicato il 14 maggio 2020 su Technocracy News & Trends.

 

Il Dr. Blaylock è un importante neurochirurgo in pensione e autore di libri sulla salute. «Sappiamo che le persone con le peggiori reazioni al Coronavirus hanno le più alte concentrazioni virali all’inizio. E questo porta alla micidiale tempesta di citochine in un numero determinato di persone». (Blaylock: Face Masks Pose Serious Risks To The Healthy; https://www.technocracy.news/blaylock-face-masks-pose-serious-risks-to-the-healthy/)

 

«Indossando una mascherina, i virus espirati non saranno in grado di allontanarsi e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello»

Questa rigenerazione diretta del virus nei passaggi nasali può contribuire alla migrazione del virus nel cervello. (1, 2)

 

«Prove più recenti suggeriscono che in alcuni casi il virus può entrare nel cervello. Nella maggior parte dei casi entra nel cervello attraverso i nervi olfattivi, che si collegano direttamente con l’area del cervello dedicata alla memoria recente e al suo consolidamento. «Indossando una mascherina, i virus espirati non saranno in grado di allontanarsi e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello.» (3)

 

Baig AM et al. Prove del COVID-19 che colpisce il sistema nervoso centrale: distribuzione dei tessuti, interazione host-virus e meccanismi neurotropici proposti. ACS Chem Neurosci 2020; 11: 7: 995-998. 

 

Wu Y et al.  Coinvolgimento del sistema nervoso dopo l’infezione da COVID-19 e altri coronavirus. Comportamento cerebrale e immunità. 

 

Perlman S et al. Diffusione di un coronavirus murino neurotropico nel sistema nervoso centrale attraverso i nervi trigemino e olfattivo. Virologia 1989; 170: 556-560. 

 

Indossare una mascherina può causare mal di testa e ridurre i livelli di ossigeno.

Un recente studio che ha coinvolto 159 operatori sanitari di età compresa tra 21 e 35 anni ha scoperto che l’81% ha sviluppato mal di testa indossando la mascherina …

 

Un recente studio che ha coinvolto 159 operatori sanitari di età compresa tra 21 e 35 anni ha scoperto che l’81% ha sviluppato mal di testa indossando la mascherina

Cioè, una riduzione dell’ossigenazione del sangue (ipossia) o un aumento della CO2 nel sangue (ipercapnia). È noto che la mascherina N95, se indossata per ore, può ridurre l’ossigenazione del sangue fino al 20%. E una corretta ossigenazione del sangue è essenziale per l’energia, la chiarezza mentale, la concentrazione e il benessere emotivo. (Ong JJY et al. Emicrania associata a dispositivi di protezione individuale – Uno studio trasversale tra gli operatori sanitari in prima linea durante il COVID-19. Headache 2020; 60 (5): 864-877.)

 

Indossare una mascherina reimmette nella respirazione l’anidride carbonica (CO2), che i polmoni stanno tentando di espellere

questo a sua volta riduce la risposta immunitaria, influisce negativamente sulla funzione delle cellule epiteliali (dei polmoni e dei vasi sanguigni) e abbassa lo di scambio di ossigeno attraverso le membrane alveolari. Nell’articolo si legge:

È noto che la mascherina N95, se indossata per ore, può ridurre l’ossigenazione del sangue fino al 20%. E una corretta ossigenazione del sangue è essenziale per l’energia, la chiarezza mentale, la concentrazione e il benessere emotivo

 

«L’ipercapnia, l’elevata concentrazione di anidride carbonica (CO2) nel sangue e nei tessuti, si verifica comunemente nelle malattie respiratorie acute e croniche gravi ed è associata ad un aumentato rischio di mortalità. Studi recenti hanno dimostrato che l’ipercapnia influisce negativamente sull’immunità innata, la difesa dell’ospite, l’eliminazione dell’edema polmonare e la proliferazione cellulare. La disfunzione epiteliale delle vie aeree è una caratteristica della malattia polmonare avanzata… Questi cambiamenti nell’espressione genica indicano il potenziale per l’ipercapnia di influire sulla funzione delle cellule epiteliali bronchiali in modi che possono produrre scarsi risultati clinici in pazienti con gravi malattie polmonari acute o croniche avanzate».

 

Questo chiaramente può avere un impatto negativo con una malattia come il COVID-19. (https://www.nature.com/articles/s41598-018-32008-x.pdf)

 

Indossare una mascherina può aumentare il rischio di infezioni.

L’ultimo punto tratta dell’abbassamento dei livelli di ossigeno dopo aver indossato una mascherina. Un calo dei livelli di ossigeno (ipossia) è associato a compromissione del sistema immunitario.

 

Gli studi hanno dimostrato che l’ipossia può inibire le principali cellule immunitarie utilizzate per combattere le infezioni virali chiamate linfociti T CD4 +

Gli studi hanno dimostrato che l’ipossia può inibire le principali cellule immunitarie utilizzate per combattere le infezioni virali chiamate linfociti T CD4 +. Ciò si verifica perché l’ipossia aumenta il livello di un composto chiamato fattore 1 inducibile dall’ipossia (HIF-1), che inibisce i linfociti T e stimola una potente cellula inibitrice del sistema immunitario chiamata T-regs.

 

Questo pone le basi per contrarre qualsiasi infezione, incluso il COVID-19, e aggravarne le conseguenze. In sostanza, la tua mascherina potrebbe benissimo causare un aumento del rischio di infezioni e, in tal caso, queste avranno un decorso molto peggiore. Inoltre, una ridotta ossigenazione può accelerare la crescita del cancro. (1. Shehade H et al. Cutting edge: Hypoxia-Inducible Factor-1 negatively regulates Th1 function. J Immunol 2015; 195: 1372-1376. 2.Westendorf AM et al.  L’ipossia favorisce l’immunosoppressione inibendo la funzione dei linfociti-T CD4 + e stimolando l’attività delle cellule T-reg. Cell Physiol Biochem 2017; 41: 1271-84. 3.Sceneay J et al. L’immunosoppressione causata dall’ipossia contribuisce alla nicchia premetastatica. Oncoimmunology 2013; 2: 1 e22355.)

 

Indossare mascherine è un costante promemoria che dovremmo temere questo nemico invisibile o «mostro», come alcuni politici lo hanno definito.

Non c’è dubbio che indossare una mascherina rafforza la preoccupazione e la paura del COVID-19. Stare in un luogo pubblico senza mascherina e vedere che la maggior parte delle persone la indossa trasmette un senso di angoscia. Paura, preoccupazione e ansia sono emozioni che indeboliscono il sistema immunitario. Questo è un altro fattore relativo agli effetti immunosoppressivi delle mascherine. Si collega a una sezione di un libro del 2007, Cytokines: Stress and Immunity- Seconda edizione 2007. Il capitolo 2 è intitolato Worried to Death? Preoccupazione e alterazione immunitaria in salute e HIV. È interessante notare che l’HIV è un’infezione virale simile al SARS-C0V-2 (COVID-19).

Stare in un luogo pubblico senza mascherina e vedere che la maggior parte delle persone la indossa trasmette un senso di angoscia. Paura, preoccupazione e ansia sono emozioni che indeboliscono il sistema immunitario

 

 

Cosa stanno dicendo alcune agenzie governative?

Il 27 aprile 2020, il Dipartimento di sanità pubblica della contea di Ventura, in California, ha pubblicato un documento riepilogativo dei pro e contro sulle mascherine (link alla fine di questa sezione).

 

Invitano le persone a non acquistare e utilizzare maschere N-95 a causa della scarsità di questi DPI per il personale sanitario. Questo è un consiglio molto saggio. (https://www.simivalley.org/home/showdocument?id=22324)

 

Cita anche alcuni altri piccoli vantaggi della prevenzione della trasmissione, abbastanza ben caratterizzati da questa citazione:

È interessante notare che l’HIV è un’infezione virale simile al SARS-C0V-2 (COVID-19)

 

«Esiste un “leggerissimo vantaggio protettivo” nell’indossare una mascherina chirurgica invece di non indossare nulla in un contesto comunitario. Il rischio di contrarre un’infezione virale è ridotto del 6%. Quando si è entrambi malati e si indossa correttamente una maschera medica in famiglia, il rischio si riduce del 19%. Vi sono più “prove a sostegno dell’uso di maschere mediche per brevi periodi di tempo da parte di soggetti particolarmente vulnerabili in situazioni transitorie ad alto rischio».

 

 

Che altro dicono?

E quali prove scientifiche presentano che descrivono l’efficacia delle mascherine e che mettono in guardia contro il loro uso da parte della popolazione? Ecco un buon campionamento … 

Con un uso pressoché universale di tessuti e maschere mediche indossate in pubblico a Wuhan, in Cina durante la stagione influenzale 2019-2020 che ha portato allo scoppio del COVID-19, l’epidemia si è diffusa praticamente senza controllo

 

  • Con un uso pressoché universale di tessuti e maschere mediche indossate in pubblico a Wuhan, in Cina durante la stagione influenzale 2019-2020 che ha portato allo scoppio del COVID-19, l’epidemia si è diffusa praticamente senza controllo. 

 

  • «Le prove disponibili mostrano che (maschere di stoffa) … possono persino aumentare il rischio di infezione a causa dell’umidità, della diffusione di liquidi e della ritenzione del virus. La penetrazione di particelle attraverso il tessuto è elevata».

 

  • «Complessivamente, le comuni maschere in tessuto non sono considerate protettive contro i virus respiratori e il loro uso non dovrebbe essere incoraggiato».

(https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/hcp/ppe-strategy/face-masks.html)

«Le prove disponibili mostrano che (maschere di stoffa) … possono persino aumentare il rischio di infezione a causa dell’umidità, della diffusione di liquidi e della ritenzione del virus. La penetrazione di particelle attraverso il tessuto è elevata

 

  • «La ritenzione di umidità, il riutilizzo delle maschere in tessuto e la scarsa filtrazione possono comportare un aumento del rischio di infezione».

 

  • «Il virus può sopravvivere sulla superficie delle maschere».

 

 

«Complessivamente, le comuni maschere in tessuto non sono considerate protettive contro i virus respiratori e il loro uso non dovrebbe essere incoraggiato».

  • I materiali tessili (che possono essere utilizzati per le maschere di stoffa) possono contenere sostanze chimiche e coloranti nocivi (ad es. formaldeide). Non sono disponibili ricerche sulla sicurezza della respirazione attraverso tali materiali, ma la formaldeide è un gas che può irritare gli occhi, il naso, la gola e i polmoni di una persona o innescare un attacco d’asma, anche a basse concentrazioni. L’esposizione prolungata alla formaldeide può causare il cancro. ( https://ww2.arb.ca.gov/resources/fact-sheets/formaldehyde e https://www.gao.gov/new.items/d10875.pdf)

 

 

«È possibile l’autocontaminazione per uso ripetuto e incuria nel toglierla»

 

  • «Né le maschere chirurgiche né quelle di cotone hanno efficacemente filtrato SARS – CoV-2 durante i colpi di tosse di pazienti infetti … le dimensioni e le concentrazioni delle particelle di SARS – CoV-2 generate durante la tosse sono sconosciute. Oberg e Brousseau hanno dimostrato che le maschere chirurgiche non mostravano adeguate prestazioni del filtro contro particelle di 0,9, 2,0 e 3,1 μm di diametro. Lee e colleghi hanno dimostrato che le particelle da 0,04 a 0,2 μm possono penetrare nelle mascherine chirurgiche. La dimensione della particella SARS-CoV dall’epidemia 2002-2004 è stata stimata da 0,08 a 0,14 μm; supponendo che SARS-CoV-2 abbia dimensioni simili, è improbabile che le maschere chirurgiche filtrino efficacemente questo virus». (https://annals.org/aim/fullarticle/2764367)

 

«Il virus può sopravvivere sulla superficie delle maschere»

In totale, il documento ha presentato 18 argomenti e studi contro l’efficacia e l’uso delle maschere e 10 mostrano alcuni vantaggi limitati.

 

Dopo un attento esame dei pro e dei contro, propendo nettamente contro il loro uso all’infuori del personale medico in ambito clinico o se un individuo che si trova nelle immediate vicinanze di una persona infetta con il rischio di che gli si tossisca o starnutisca vicino, quando ci si prende cura o si visita una persona malata. (https://vcportal.ventura.org/CEO/VCNC/2020-05-05_VCNC_Masks_Pros_and_Cons.pdf)

 

La conclusione dell’articolo del Dr. Russell Blaylock afferma quanto segue:

«È evidente da questa recensione che non ci sono prove sufficienti che indossare una maschera di qualsiasi tipo possa avere un impatto significativo nel prevenire la diffusione di questo virus. Il fatto che questo virus sia un’infezione relativamente benigna per la stragrande maggioranza della popolazione e che anche la maggior parte del gruppo a rischio sopravviva, dal punto di vista epidemiologico e per come sono le malattie infettive, lasciando che il virus si diffonda attraverso la popolazione più sana, raggiungeremo un livello di immunità di gregge piuttosto rapidamente che metterà fine a questa pandemia in tempi brevi e impedirà un ritorno il prossimo inverno».

 

«È evidente da questa recensione che non ci sono prove sufficienti che indossare una maschera di qualsiasi tipo possa avere un impatto significativo nel prevenire la diffusione di questo virus»

«Durante questo periodo, dobbiamo proteggere la popolazione a rischio evitando il contatto ravvicinato, aumentando la sua immunità con composti che aumentano l’immunità cellulare e, in generale, prendendoci cura di loro. Non si dovrebbe attaccare e insultare coloro che hanno scelto di non indossare una mascherina, poiché questi studi suggeriscono che sia la scelta più saggia». 

 

 

Quindi, quali sono le ragioni per indossarla?

Date tutte queste informazioni, è tempo di porre l’ovvia domanda.

 

Quale potrebbe essere la possibile motivazione per spingere la propaganda sulle mascherine per il viso e in alcuni casi renderle obbligatorie? E in che modo tale motivazione si interfaccia con gli ordini rimanere a casa?

Quale potrebbe essere la possibile motivazione per spingere la propaganda sulle mascherine per il viso e in alcuni casi renderle obbligatorie? E in che modo tale motivazione si interfaccia con gli ordini rimanere a casa? Abbiamo “appiattito la curva” per prevenire il rischio di sovraccaricare il nostro sistema sanitario (ma così ha fatto la Svezia senza blocchi – un ottimo argomento per un altro post), quindi perché prolungare il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine?

 

Ecco un’ipotesi, ma sotto forma di due domande. Implica un malinteso che non posso dimostrare oltre l’ombra di un dubbio, ma concedermi un momento. Alla fine, ognuno deve decidere da solo. Ecco…

 

Se si desidera impedire alla popolazione di ottenere l’immunità gregge, il che sosterrebbe ulteriormente la necessità e il desiderio di un vaccino, quale sarebbe il modo migliore per farlo?

1. Se si desidera impedire alla popolazione di ottenere l’immunità gregge, il che sosterrebbe ulteriormente la necessità e il desiderio di un vaccino, quale sarebbe il modo migliore per farlo?

 

2. Se si è riusciti a impedire alle persone di sviluppare l’immunità naturale mantenendo tutti i soggetti sani e giovani a basso rischio separati l’uno dall’altro e si voleva aumentare le possibilità di una seconda ondata del virus in pochi mesi, come si è potuto aumentare le possibilità che queste persone si infettino e garantire una seconda ondata una volta uscite dalla quarantena e quando hanno ricominciato a frequentarsi?

 

Ora abbina queste due domande con le risposte corrette:

A. Sopprimere il loro sistema immunitario con paura, perdita di reddito, mancanza di esercizio fisico e sole e mascherine ogni volta che ci si allontana da casa.

Sopprimere il loro sistema immunitario con paura, perdita di reddito, mancanza di esercizio fisico e sole e mascherine ogni volta che ci si allontana da casa

 

B. Mantenere le persone giovani e sane a casa e separate l’una dall’altra.

 

Se hai accoppiato 1 con B e 2 con A, congratulazioni! Benvenuti nel numero crescente di persone che pensano in modo libero che stanno collegando i punti.

 

Mantenere le persone giovani e sane a casa e separate l’una dall’altra

Una cosa certa è che tante persone hanno portato l’uso delle mascherine e il distanziamento sociale a un estremo bizzarro.

 

Qualche giorno fa, ho visto una donna nel quartiere uscire a fare una passeggiata in pieno giorno. Le ho detto che era un momento estremamente caldo della giornata per uscire a passeggiare. Mi guardò con un’espressione strana di preoccupazione sul viso e disse: «Sì, ma almeno non ci sono altre persone adesso».

 

Altri esempi comuni sono le persone che guidano da sole nella loro auto con una mascherina e persone che le indossano mentre camminano nei parcheggi, lungo i marciapiedi non affollati o al parco. Il mio scopo nel menzionare questi esempi non è quello di essere condiscendente o critico nei confronti di individui eccessivamente paurosi o ignari del danno che le mascherine possono causare.

 

Queste persone sono state ingannate dai media complici che hanno continuato a funzionare con i modelli assolutamente, ridicolmente, oltraggiosamente imprecisi e non hanno mai regolato il loro livello di clamore e paura a lungo dopo che quei modelli erano stati esposti per quello che erano – ridicoli

Queste persone sono state ingannate dai media complici che hanno continuato a funzionare con i modelli assolutamente, ridicolmente, oltraggiosamente imprecisi e non hanno mai regolato il loro livello di clamore e paura a lungo dopo che quei modelli erano stati esposti per quello che erano – ridicoli. Nel frattempo, le persone che vivono con un livello irrazionale di paura, vengono danneggiate fisicamente ed emotivamente.

 

 

Le raccomandazioni del CDC per l’apertura delle scuole prevedono che i bambini indossino le mascherine

Immaginate aule di bambini che indossano mascherine. Per me è ripugnante su tanti livelli.

 

Tuttavia, le linee guida CDC aggiornate il 19 maggio 2020 e pubblicate sul loro sito col titolo Considerazioni per le scuole, raccomandano ai bambini di età superiore ai 2 anni di indossare maschere. In una parte, dice: «Insegna e rafforza l’uso di coperture facciali in stoffa». Quindi continua…

 

lL persone che vivono con un livello irrazionale di paura, vengono danneggiate fisicamente ed emotivamente

Nota: le coperture in tessuto non devono essere utilizzate su:

 

E molti nel governo e nel sistema educativo fanno eco a queste assurde raccomandazioni. La mia opinione basata sulla scienza che abbiamo appena visto è che questo sarebbe un grosso errore.

 

Far indossare ai bambini maschere per il viso ha il potenziale per causare danni psicologici, emotivi e fisici a lungo termine. Promuove una paura eccessiva di germi (fobia) e delle interazioni sociali.

Far indossare ai bambini maschere per il viso ha il potenziale per causare danni psicologici, emotivi e fisici a lungo termine. Promuove una paura eccessiva di germi (fobia) e delle interazioni sociali.

 

I ridotti livelli di ossigeno aumenteranno l’ansia, l’affaticamento e l’offuscamento del cervello, diminuiranno la capacità di apprendimento a causa della diminuzione dell’ossigeno nel cervello, indeboliranno il sistema immunitario e possono portare a un aumento del tasso e della gravità di tutti i tipi di infezione, non solo di COVID-19.

 

I ridotti livelli di ossigeno aumenteranno l’ansia, l’affaticamento e l’offuscamento del cervello, diminuiranno la capacità di apprendimento a causa della diminuzione dell’ossigeno nel cervello, indeboliranno il sistema immunitario e possono portare a un aumento del tasso e della gravità di tutti i tipi di infezione, non solo di COVID-19.

Sappiamo che i bambini hanno un rischio molto basso di complicanze da COVID-19. Tuttavia, la pratica di indossare mascherine potrebbe potenzialmente aumentare quel livello di rischio.

 

Insegnare ai bambini le buone pratiche igieniche e che il loro sistema immunitario può aiutare a prevenire e combattere i «germi» se mangiano cibi sani, fanno esercizio e praticano abitudini salutari farebbe molto per potenziarli con conoscenze positive e pratiche che possono imparare e usare per tutta la vita.

 

 

Prospettive future

Mentre apprendiamo dei calcoli sbagliati generati da modelli enormemente esagerati, la codifica imprecisa e i calcoli delle morti COVID-19 che gonfiano i numeri, le grandi percentuali di persone che sono già immuni perché hanno avuto l’infezione e si sono riprese, molti non sanno nemmeno di essere malati, ci rendiamo conto che il tasso di mortalità da COVID-19 non è affatto vicino a quello che avevamo pensato.

Sappiamo che i bambini hanno un rischio molto basso di complicanze da COVID-19. Tuttavia, la pratica di indossare mascherine potrebbe potenzialmente aumentare quel livello di rischio.

 

Poi ci sono gli errori commessi nelle case di cura e nelle strutture di assistenza a lungo termine, tra cui l’invio di pazienti COVID positivi in tali strutture e gli errori nel modo in cui abbiamo trattato molti casi con i ventilatori.

 

In un’analisi retrospettiva di tutti questi fattori, credo che ci renderemo conto che la mortalità per COVID-19 non è grave nemmeno come la «normale» influenza e polmonite stagionale.

 

Questo non vuol dire che inizialmente non avremmo dovuto considerare il COVID-19 come una potenziale crisi sanitaria grave, ma è bene ricordare anche che da 50.000 a 80.000 persone muoiono di influenza e polmonite ogni inverno.

 

La mia più grande preoccupazione è la distruzione dell’economia, la perdita di posti di lavoro, la chiusura di piccole imprese, gli effetti sui matrimoni e sulle famiglie, i disordini vertiginosi della salute mentale, le malattie legate allo stress e le morti dovute alla disperazione e alla perdita di speranza, le persone che non ottengono cure mediche per problemi cardiaci, ipertensione e cancro che in condizioni normali otterrebbero se avessero accesso agli ospedali e alle procedure di routine.

 

La mia più grande preoccupazione è la distruzione dell’economia, la perdita di posti di lavoro, la chiusura di piccole imprese, gli effetti sui matrimoni e sulle famiglie, i disordini vertiginosi della salute mentale, le malattie legate allo stress e le morti dovute alla disperazione e alla perdita di speranza, le persone che non ottengono cure mediche per problemi cardiaci, ipertensione e cancro che in condizioni normali otterrebbero se avessero accesso agli ospedali e alle procedure di routine.

Queste sono tutte le conseguenze non intenzionali di ciò che abbiamo già fatto e se continueremo a ignorare le nuove prove dei dati, della scienza e delle esperienze dei medici in prima linea, causeremo sicuramente molti più danni che benefici. Andando avanti con la situazione attuale (e in caso si verificasse un focolaio virale in futuro), è necessario ponderare il rischio rispetto al beneficio di ogni decisione.

 

 

A cura del dott. Alan Palmer

Scrittore collaboratore CHD

 

 

Il Dr. Alan Palmer è l’autore di un ebook GRATUITO intitolato 1200 Studies- Truth Will Prevail. È uno straordinario strumento di ricerca con semplici strumenti di navigazione, contenente estratti e sintesi di oltre 1.400 studi che contraddicono ciò che viene detto al pubblico sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini.

 

Traduzione di Alessandra Boni.

 

© 26 maggio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.