Putin deride l’ambasciata americana che sventola la bandiera gay

 

 

Il presidente russo Vladimir Putin ha suggerito che una bandiera di «orgoglio gay» – il noto vessillo con l’arcobaleno rovesciato – che sventolava dall’ambasciata degli Stati Uniti a Mosca indica che le persone che lavorano lì sono omosessuali.

 

Quando a Putin è stato detto durante una videoconferenza televisiva che l’ambasciata degli Stati Uniti aveva una bandiera dell’orgoglio appesa davanti al suo edificio per celebrare il mese del Gay Pride di giugno ha chiesto: «Chi lavora in questo edificio?».

 

Quando al presidente è stato detto «Americani», egli ha risposto «Lasciateli festeggiare».

 

«Chi lavora in questo edificio?» «Americani»  «Lasciateli festeggiare»

«Hanno mostrato qualcosa sulle persone che lavorano lì», ha aggiunto con un sorriso, secondo il Moscow Times, sembrando suggerire che far sventolare la bandiera arcobaleno potrebbe essere un riflesso dell’omosessualità o del transgenderismo dei lavoratori dell’ambasciata.

Venerdì, durante una videoconferenza, Putin ha anche affermato che «abbiamo approvato una legge che vieta la propaganda dell’omosessualità tra i minori. E allora? Lascia che le persone crescano, diventino adulti e quindi decidano i loro destini» riporta Lifesitenews.

 

Nel giugno 2019, NBC News ha riferito: «L’amministrazione Trump sta respingendo le richieste delle ambasciate statunitensi di far sventolare la bandiera dell’orgoglio arcobaleno sulle aste della bandiera dell’ambasciata a giugno, LGBTQ Pride Month».

«L’amministrazione Trump sta respingendo le richieste delle ambasciate statunitensi di far sventolare la bandiera dell’orgoglio arcobaleno sulle aste della bandiera dell’ambasciata a giugno»

 

«Durante l’amministrazione Obama, il governo ha concesso il pieno permesso alle ambasciate all’estero di sventolare la bandiera dell’orgoglio a giugno», ha continuato NBC News.

 

«Quest’anno, hanno affermato i diplomatici statunitensi, alle ambasciate è stato detto che possono mostrare la bandiera dell’orgoglio in altri luoghi, comprese le ambasciate interne, ma che le richieste di farla volare sull’asta della bandiera devono essere specificamente approvate. Non sono state concesse autorizzazioni».

 

«Durante l’amministrazione Obama, il governo ha concesso il pieno permesso alle ambasciate all’estero di sventolare la bandiera dell’orgoglio a giugno»

A Mosca nel 2020, la bandiera arcobaleno non è stata fatta sventolare su un pennone ma fuori da una finestra, posta in posizione prominente proprio sotto la bandiera americana.

 

Nel frattempo, un nuovo emendamento alla Costituzione Russa è stato approvato dal popolo solo pochi giorni fa. Tale emendamento determina che solo i sindacati eterosessuali monogami sono riconosciuti come matrimoni.

 

Nel frattempo, un nuovo emendamento alla Costituzione Russa è stato approvato dal popolo solo pochi giorni fa. Tale emendamento determina che solo i sindacati eterosessuali monogami sono riconosciuti come matrimoni

Altri emendamenti proposti per il referendum includono uno che aggiunge la frase «fede in Dio» alla costituzione russa e un altro che eliminerebbe i limiti di mandato per il presidente russo, permettendo a Putin di rimanere al potere per tutta la vita.

 

Putin ha dichiarato all’inizio di quest’anno: «Dobbiamo chiarire alcune cose. Un matrimonio è un’unione di uomo e donna. Una famiglia è una cosa diversa, ma l’idea è giusta e dovrebbe essere supportata. Dobbiamo solo pensare a come formularlo e dove».

 

«Per quanto riguarda “genitore n. 1” e “genitore n. 2 , l’ho già detto pubblicamente e lo ripeterò ancora una volta: finché sarò presidente, non avremo i genitori n. 1 e n. 2, avremo “papà” e “mamma”», ha aggiunto il presidente russo.

 

Nel 2013, come primo ministro, Putin ha firmato un disegno di legge che proibisce la promozione dell’omosessualità, il «matrimonio» omosessuale e le cosiddette «manifestazioni dell’orgoglio gay» in tutto il paese.

«Dobbiamo chiarire alcune cose. Un matrimonio è un’unione di uomo e donna. Finché sarò presidente, non avremo i genitori n. 1 e n. 2, avremo “papà” e “mamma”»

 

La legge ha vietato la distribuzione di informazioni su «concetti sessuali non tradizionali» ai bambini, descrivendo tali azioni come attraenti, promuovendo una «comprensione distorta dell’uguaglianza sociale delle relazioni tradizionali e non tradizionali» ed essendo coinvolti nella «sollecitazione indesiderata di informazioni che potrebbero suscitare interesse in tali relazioni».