Provincia di gente squartata: la classifica

 

 

 

 

«Il Centro Nazionale Trapianti ha elaborato un indice per valutare i risultati delle donazioni di organi e tessuti attraverso il rilascio o il rinnovo della carta d’identità elettronica», ci informa Yahoo News.

 

«Provincia di gente squartata / in quanto a benessere / in quanto ad ideologia». In realtà, questi versi andrebbero molto asciugati: Italia provincia di gente squartata, e basta.

«L’Indice del Dono 2019, così si chiama, si basa sui dati dei 6.274 comuni in cui è già possibile, in Italia, registrarsi come donatori». Come noto, l’anagrafe è stata resa una rampa di lancio per l’espianto degli organi a cuor battente.

 

Nel 2019 vi sono state 2.319.223 dichiarazioni (+22,5% rispetto al 2018). Non c’è unanimità: 1.559.171 consensi (il 67,2%, lo 0,3% in meno del 2018) mentre le opposizioni registrate hanno toccato la cifra di 760.052.

 

Dobbiamo ammettere che è un risultato che non ci aspettavano, e che scalfisce  l’apparente granitica narrazione della «donazione» come cosa buona e bella e soprattutto altruista (egoista tu che pretendi che gli organi ti vengano lasciati mentre il cuore ti batte ancora!).

 

Un terzo degli italiani che sono andati all’anagrafe  si oppone alla predazione degli organi. Ha capito che qualcosa, nel racconto rose e fiori, non torna

Quantomeno terzo degli italiani che sono andati all’anagrafe, insomma, non è che nutra dubbi sulla «donazione» (cioè, fuor di lingua orwelliana, sulla predazione) dei propri organi. Proprio si oppone: non lo vuole fare. Ha capito che qualcosa, nel racconto rose e fiori, non torna.

 

Purtroppo non ci è risparmiata la classifica dei comuni più «virtuosi», perché lasciarsi squartare appena avuto un incidente deve essere diventata una virtù.

 

«Tra le realtà più virtuose, è Cagliari la città con più di 50mila abitanti che registra il maggior numero di donazioni. Nel 2019 i consensi nel capoluogo sardo hanno superato il 79%. Seguono Sassari e Pordenone, mentre tra i comuni di medie dimensioni (tra i 15 e i 50mila abitanti) la cittadina più virtuosa del 2019 è in provincia di Livorno: Collesalvetti, con un tasso di consensi vicino al 95%» prosegue il portale.

 

«Il comune più generoso nella classe demografica dai 1000 ai 5mila residenti è Marianopoli, in provincia di Caltanissetta, Sicilia. Qui, nel 2019 non è stata registrata alcuna opposizione. Il paesino più virtuoso tra quelli con meno di mille abitanti è invece in Trentino, al Nord: si tratta di Luserna».

 

La palma di regione più espiantata del 2019 va alla Valle d’Aosta, ma sul podio salgono anche la Provincia autonoma di Trento (quella retta per decenni dai residui della Democrazia Cristiana) e dalla nobilerrima Sardegna.

 

Bello il quadretto: l’Italia dei cento campanili, è finalmente, da Nord a Sud, unita in questo stupendo atto d’amore moderno che è lo smembramento utilitaristico delle persone. Dove non riuscirono il Risorgimento e i Savoia, riuscì la «donazione». Applaudite.

 

Bello il quadretto: l’Italia dei cento campanili, è finalmente, da Nord a Sud, unita in questo stupendo atto d’amore moderno che è lo smembramento utilitaristico delle persone

Tuttavia, questa trionfalistica classifica non si pone neanche lontanamente il problema dell’effetto che essa può fare su chi, come noi e probabilmente larga parte di quel 33% che si oppone, considera la «donazione» (cioè, la predazione) una barbarie infinita.

 

Chi infatti non crede alla definizione di «morte cerebrale» così come elaborata mezzo secolo fa (tanto tempo: la scienzah non ha fatto nessun passo avanti? Possibile che essa avanzi sempre in direzione della Morte?) vede nascosto nell’espianto di organi un potenziale omicidio per squartamento, che ha come aggravanti:

 

a) l’impossibilità della vittima di difendersi;

 

b) il fine economico (i trapianti costano, i farmaci antirigetto ai quali si viene abbonati a vita pure);

 

c) il fine utilitaristico dell’atto sanguinario (la logica del mors tua vita mea , la filosofia del male minore a fronte di un maggiore godimento della popolazione tipico del pensiero utilitaristico angloide);

 

d) l’assoluta appartenenza di questo processo a quella che chiamiamo Cultura della Morte, o Necrocultura.

 

Dobbiamo ricordarci che la definizione di morte cerebrale di Harvard null’altro è se non una convenzione. Un artificio umano, una regola posta lì come un’altra. Come il divieto di fumare nei bar entrato in vigore con la legge Sirchia.

 

Dobbiamo ricordarci che la definizione di morte cerebrale di Harvard null’altro è se non una convenzione

Una convenzione che è pure stata recepita in modo diverso dai diversi Paesi, per cui, nel medesimo stato fisico, posso risultare morto – cioè squartabile – in un Paese ma non in un altro. Come quando andate a San Marino e la gente, cosa incredibile, fuma nei bar, perché lì mica hanno la legge italiana, e questa questione del tabacco e del cancro si vede che la interpretano in modo diverso.

 

La classifica delle città squartatrici, quindi, ci fa un po’ orrore.

Non si tratta nemmeno di uno di quei fenomeni di intrattenimento come le liste dei serial killer più prolifici, perché i serial killer fanno molti meno morti (due o tre ordini di grandezza in meno!), non agiscono con i nostri danari delle tasse, e non si ammantano – per il momento di un aura di bontà infallibile. Soprattutto, le probabilità di — incontrare un serial killer e divenirne vittima sono in genere, per lo meno in Italia, molto basse: le probabilità di fare un incidente stradale, e quindi finire candidati all’espianto a cuor battente, sono altissime.

 

Le probabilità di incontrare un serial killer e divenirne vittima sono  molto basse: le probabilità di fare un incidente stradale, e quindi finire candidati all’espianto a cuor battente, sono altissime

Di qui la necessità che avvertiamo, fortissima, di difendere i nostri cari e noi stessi, perché la predazione degli organi, figlia prediletta della Necrocultura medico-statale, è solo un’altra forma di guerra contro la popolazione (su un piano numerico) e contro la Vita (sul piano morale).

 

Potete chiedere un’opinione a quella famiglia texana il cui bambino si è svegliato poco prima che gli portassero via gli organi, a modulo già firmato dai genitori (lì ti fanno questa cortesia). Ora il ragazzino sta bene.

 

Cantava Giovanni Lindo Ferretti con i CCCP nell’Italia degli anni Ottanta: «Provincia di gente squartata / in quanto a benessere / in quanto ad ideologia».

 

In realtà, questi versi andrebbero molto asciugati: Italia provincia di gente squartata, e basta.

 

E dell’Italia squartata e squartatrice hanno fatto pure la classifica, e ci tengono a farla conoscere. Viviano un’era di morte che è spaventosa quanto impudica.

 

 

Roberto Dal Bosco