Propaganda cinese deliberata per un lockdown globale, dice una ricerca

 

 

 

Il ricercatore e avvocato Michael P.Senger suggerisce che il governo cinese abbia lanciato un’aggressiva campagna di propaganda per esagerare la gravità del coronavirus al fine di costringere il resto del mondo a un blocco draconiano che sarebbe servito a beneficio di Pechino, riporta Summit News.

 

In un articolo per Tablet Magazine, Senger descrive in dettaglio come alla fine di gennaio «è iniziata l’isteria internazionale COVID-19» con una serie di video sospetti pubblicati su siti di social media che mostrano persone in Cina che collassano improvvisamente per le strade, incluso un tendere il braccio per interrompere la caduta, suggerendo che il crollo fosse stato inscenato.

 

Senger descrive in dettaglio come alla fine di gennaio «è iniziata l’isteria internazionale COVID-19» con una serie di video sospetti pubblicati su siti di social media che mostrano persone in Cina che collassano improvvisamente per le strade

Dopo che decine di milioni di persone sono state confinate nelle loro case durante uno dei blocchi più brutalmente applicati nella storia, Senger osserva come a febbraio il PCC «ha riportato un calo esponenziale dei casi di coronavirus, fino al 19 marzo quando hanno annunciato che il loro blocco aveva eliminato i casi domestici  interamente».

 

La Cina ha ufficialmente registrato solo 4.634 morti per coronavirus, nonostante abbia una popolazione quasi cinque volte più numerosa degli Stati Uniti, dove l’attuale bilancio delle vittime è di oltre 205.000.

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e altri esperti scientifici si sono poi espressi in modo complimentoso riguardo la risposta della Cina al COVID-19, che è ciò che ha portato praticamente ogni altro paese del pianeta a rispecchiare il suo approccio.

Senger sostiene che l’isteria iniziale su COVID e il blocco che ne è seguito potrebbe essere stata una campagna di propaganda cinese attentamente orchestrata per ingannare i suoi concorrenti egemonici a distruggere le proprie economie in risposta a un virus con un tasso di mortalità relativamente basso

 

Tuttavia, Senger sostiene che l’isteria iniziale su COVID e il blocco che ne è seguito potrebbe essere stata una campagna di propaganda cinese attentamente orchestrata per ingannare i suoi concorrenti egemonici a distruggere le proprie economie in risposta a un virus con un tasso di mortalità relativamente basso.

 

Il ricercatore documenta come eserciti di account bot cinesi su Twitter siano stati determinanti nel promuovere blocchi precoci in paesi come l’Italia mentre bombardavano figure politiche che si rifiutavano di ordinare blocchi rigorosi, come il governatore del Sud Dakota Kristi Noem, con critiche e abusi.

 

Il Senger sottolinea anche come gli organi dei media statali cinesi abbiano aggredito l’approccio dell’«immunità di gregge», inizialmente considerato ma poi respinto da diversi leader occidentali, come una violazione dei «diritti umani».

 

Il ricercatore documenta come eserciti di account bot cinesi su Twitter siano stati determinanti nel promuovere blocchi precoci in paesi come l’Italia

Anche la Svezia, che ha optato per l’approccio dell’immunità di gregge rifiutandosi di imporre un blocco ed è uscita economicamente migliore di qualsiasi altro paese europeo, è stata presa di mira dai bot, così come il primo ministro britannico Boris Johnson, che è stato accusato di essere coinvolto in un «genocidio», avendo lui considerato inizialmente l’approccio dell’immunità di greggio.

 

La conclusione di Senger esplora il motivo per cui la Cina ha sottolineato in modo aggressivo la necessità di lockdown globali.

 

«La spiegazione più benevola possibile per la campagna del PCC per i blocchi globali è che il partito ha promosso in modo aggressivo la stessa menzogna a livello internazionale e nazionale: che i blocchi hanno funzionato».

«E poi c’è la possibilità che chiudendo il mondo, Xi Jinping – che ha scavalcato le fila del partito, cita antichi studiosi cinesi, domina debiti e derivati, studia la scienza della complessità e prevede un futuro socialista con la Cina al centro – sapeva esattamente cosa stava facendo»

 

«Per i membri del partito, quando Wuhan ha chiuso i battenti probabilmente era ovvio che il blocco avrebbe “eliminato” il coronavirus; se Xi voleva che fosse vero, allora doveva essere così. Questa è la patologia totalitaria che George Orwell chiamava “doppio pensiero”. Ma il fatto che i regimi autoritari mentano sempre non dà loro il diritto di diffondere menzogne ​​mortali nel resto del mondo, specialmente con mezzi clandestini».

 

«E poi c’è la possibilità che chiudendo il mondo, Xi Jinping – che ha scavalcato le fila del partito, cita antichi studiosi cinesi, domina debiti e derivati, studia la scienza della complessità e prevede un futuro socialista con la Cina al centro – sapeva esattamente cosa stava facendo».

 

La teoria di Senger ha peso se si considera come la Cina sia tornata alla «normalità» da mesi, mentre i paesi occidentali, ancora in preda al panico per l’isteria COVID, continuano a bloccare i propri cittadini e paralizzare le proprie economie nonostante i ricoveri e i decessi dovuti al coronavirus paesi come il Regno Unito.