Pillola abortiva RU486, il pesticida umano

 

 

 

Che cos’è la RU486?

 

Si tratta di un prodotto chimico, Mifepristone o Mifegyne, che è un potente anti-progesterone, che, bloccando l’ormone della gravidanza, provoca l’aborto e può essere utilizzato fino al 2° mese di vita dell’embrione («pillola del mese dopo»).

 

Essa blocca in sostanza l’afflusso di sangue all’embrione: per questo è stata giustamente definita dal prof. Jerome Lejeune un «pesticida umano», un «veleno per bambini”, uno strumento di «guerra chimica ai bambini»

 

È stata giustamente definita dal prof. Jerome Lejeune un «pesticida umano», un «veleno per bambini”, uno strumento di «guerra chimica ai bambini»

Il suo scopritore, il professore Emile Emerietenne Baulieu è stato molto esplicito nel mostrare ciò che è il progetto ideologico che si trova dietro la nozione (da lui coniata) di «contragestione» (termine dell’antilingua che favorisce la confusione con contraccezione): si tratta della soppressione culturale della coscienza dell’aborto

 

La storia di Emile Emerietenne Baulieu come ricercatore inizia con Gregory Pincus, col quale condivide gran parte dello sforzo per la sperimentazione collegata alla contraccezione chimica (ed è grazie all’aiuto di quest’ultimo che fu consentito a Baulieu di avere soldi dalla fondazione Ford).

 

Intorno agli anni settanta entra nel gruppo di ricerca della Roussel-Uclaf, dove intuisce che l’effetto antiprogesteronico di una molecola originariamente studiata al fine di esercitare azione anticortisonica (uno dei primi derivati del norprogesterone), non era da eliminare ma da potenziare e prescegliere come obbiettivo primario: intuizione che segna la data di nascita della ricerca immediata che porterà alla sintesi del Mifepristone.

Il progetto ideologico che si trova dietro la nozione di «contragestione» (termine dell’antilingua che favorisce la confusione con contraccezione): si tratta della soppressione culturale della coscienza dell’aborto

 

La produzione della RU486 è stata attivamente incoraggiata da quelle stesse organizzazioni che promuovono la contraccezione e l’aborto. Il gruppo Roussel Uclaf (controllato al 54% dal Gruppo Hoechst e al 36% dal Governo Francese), produttore del veleno, ha dichiaratamente espresso l’obbiettivo di perseguire l’aborto come mezzo di controllo delle nascite su scala mondiale.

 

In un comunicato stampa del 23.6.1988 esso vanta infatti di averlo «sviluppato in collaborazione con l’OMS e il Consiglio della Popolazione» (che sono agenzie dell’ONU), che da sempre hanno sostenuto ogni ricerca di un mezzo abortivo che potesse sperabilmente essere diffuso ed usato senza necessità di intervento medico. Ed è un fatto che la International Planned Parenthood Foundation (Federazione per la pianificazione familiare), Population Council (Rockefeller) e OMS sono ugualmente coinvolte.

Il gruppo Roussel Uclaf (controllato al 54% dal Gruppo Hoechst e al 36% dal Governo Francese), produttore del veleno, ha dichiaratamente espresso l’obbiettivo di perseguire l’aborto come mezzo di controllo delle nascite su scala mondiale

 

Come dichiarato nel 1984 dal prof. Baulieu, l’obbiettivo è rendere disponibile ai Governi un mezzo agevole di controllo della popolazione.

 

Non sorprende il concreto interesse che molte fondazioni ed organismi internazionali, attivi nel campo della pianificazione familiare, dimostrano nei confronti della RU486.

 

Infatti, la scarsa presenza di personale sanitario nei Paesi meno sviluppati, rende difficile l’uso dell’aborto chirurgico come metodica di controllo delle nascite. Un abortivo chimico efficace sarebbe la soluzione ideale: l’aborto sarebbe praticabile in assenza del medico, potrebbe essere presentato come una forma di contraccezione, ecc.

 

I fautori della RU 486 enfatizzano il fatto di voler sollevare le donne da un sentimento di colpa, essi mirano ad anestetizzare le coscienze delle donne

È facile pensare che sia questa la ragione per cui, fin dall’inizio, la Fondazione Rockfeller, la Fondazione Ford e diversi organismi dell’ONU investono uomini e denaro nella ricerca, nella sperimentazione e nella distribuzione del Mifepristone.

 

È assolutamente evidente che la RU486 si muove nella logica dell’aborto = diritto di libertà = scelta insindacabile della donna.

 

I fautori della RU 486 enfatizzano il fatto di voler sollevare le donne da un sentimento di colpa, essi mirano ad anestetizzare le coscienze delle donne.

La RU 486 costituisce un vero «kit» che si può chiamare «aborto a domicilio», e di conseguenza anche un attacco alla famiglia: le donne potranno abortire ad insaputa dei loro mariti, le adolescenti ad insaputa dei loro genitori

 

La RU 486 costituisce un vero «kit» che si può chiamare «aborto a domicilio», e di conseguenza anche un attacco alla famiglia: le donne potranno abortire ad insaputa dei loro mariti, le adolescenti ad insaputa dei loro genitori.

 

Le donne potranno essere fatte abortire ad insaputa di loro stesse.

 

Essa realizza pertanto un salto di qualità «ideologico» prima ancora che tecnico, e cioè la trasformazione dell’aborto in «atto privato».

 

n questo modo la donna sarebbe maggiormente libera da quel controllo, familiare-sociale-legislativo-sanitario, che ancora attualmente scaturisce, seppure sempre più pallidamente, dalla regolamentazione legislativa.

Le donne potranno essere fatte abortire ad insaputa di loro stesse.

 

Non per nulla le femministe plaudono alla RU 486 perché «per una donna cui tarda la mestruazione, usare la RU 486 significa (…) che lei non dovrà mai sapere se essa è stata davvero incinta».

 

Ciò che lei farà, come nota la giornalista Joan Beck del Chicago Tribune, è che lei può dire a se stessa che prende un nuovo farmaco per indurre una mestruazione tardiva.

 

La RU486 realizza pertanto un salto di qualità «ideologico» prima ancora che tecnico, e cioè la trasformazione dell’aborto in «atto privato»

Essa non ammetterà mai un aborto su se stessa.

 

In queste circostanze, non c’è da meravigliarsi che “psicologicamente, le pazienti interessate si considerano per niente incinte e perciò non considerano gli antiprogestinici come provvedimenti abortivi”.

 

«Per una donna in ritardo di mestruazione, l’uso della RU 486 significa non aspettare, non essere costretta ad aggirare i picchetti alle cliniche degli aborti, e non consegnarsi alla chirurgia».

Le femministe plaudono alla RU 486 perché «per una donna cui tarda la mestruazione, usare la RU 486 significa (…) che lei non dovrà mai sapere se essa è stata davvero incinta»

 

E poiché una donna può prendere la RU 486 senza sapere se essa è incinta e perciò senza conoscere se sta subendo un aborto, «sarebbe agevole evitare la questione morale».

 

 

Dott. Luca Poli

Medico