Perché una rivoluzione colorata contro Lukashenko solo ora?

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Le potenze globaliste hanno chiaramente deciso di rovesciare l’unico sovrano di lunga data della Bielorussia, il presidente Aleksandr Lukashenko. La domanda è: perché proprio in questo momento? Un motivo per essere distrutto può essere  la sua imperdonabile sfida al coronavirus. In ogni caso, la Bielorussia è stata colpita da una rivoluzione colorata guidata dall’Occidente. Le proteste per le elezioni del 9 agosto mostrano ogni segno delle solite proteste di destabilizzazione della Rivoluzione Colorata, prodotte dalle solite ONG occidentali, nonché da appaltatori privati ​​che utilizzano i social media per guidare le proteste.

 

 

Sotto il regime di Lukashenko, il paese ha sfidato l’OMS e le richieste di blocco del coronavirus globale. Ha rifiutato di ordinare il blocco dei suoi cittadini o dell’economia.

 

La Bielorussia si trovava insieme alla Svezia e allo Stato americano del Sud Dakota come uno dei pochissimi posti al mondo a smentire con successo le bizzarre e pericolose richieste dell’OMS di un blocco globale per controllare la pandemia

Al 13 agosto il paese aveva registrato un totale di 617 decessi correlati a COVID-19. La Bielorussia si trovava insieme alla Svezia e allo Stato americano del Sud Dakota come uno dei pochissimi posti al mondo a smentire con successo le bizzarre e pericolose richieste dell’OMS di un blocco globale per controllare la pandemia.

 

La Bielorussia non ha ordinato alcun lockdown, quindi la maggior parte dell’industria ha continuato a lavorare. Le scuole sono rimaste aperte tranne una chiusura di 3 settimane durante la Pasqua.

 

Non c’erano il requisito delle mascherine, anche se i gruppi di volontari hanno distribuito maschere ad alcuni e in giugno l’UE ha inviato una spedizione di DPI comprese le maschere ai funzionari sanitari per la distribuzione. Il calcio e la parata della vittoria del 9 maggio sono andate normalmente.

 

Un punto molto importante è che il Ministero della Salute ha ignorato le raccomandazioni dell’OMS molto imperfette sulla classificazione approssimativa delle morti come COVID-19 quando c’è solo un «sospetto»

Un punto molto importante è che il Ministero della Salute ha ignorato le raccomandazioni dell’OMS molto imperfette sulla classificazione approssimativa delle morti come COVID-19 quando c’è solo un «sospetto». La base per i patologi bielorussi per affermare la causa della morte per coronavirus è la presenza di un quadro pato-morfologico con conferma di laboratorio del Covid-19.  (1)

 

Tutto questo non andava bene con le «Segrete Autorità Superiori. L’OMS manifestamente corrotta, il cui principale donatore privato è la Fondazione Gates, ha criticato il governo di Lukashenko per la mancanza di quarantena a giugno, quando l’FMI ha annunciato che avrebbe concesso alla Bielorussia un prestito di 940 milioni di dollari, affermando che era subordinato all’imposizione da parte del paese di quarantena, isolamento e confini chiusi, richieste che Lukashenko respinga come «sciocchezze».

 

Lukashenko osservato in una dichiarazione ampiamente citata, «il FMI continua a chiederci misure di quarantena, isolamento, coprifuoco. Questo non ha senso. Non balleremo al ritmo di nessuno»

«Il FMI continua a chiederci misure di quarantena, isolamento, coprifuoco. Questo non ha senso. Non balleremo al ritmo di nessuno» Aleksandr Lukashenko

 

 

Inizia la rivoluzione colorata

Chiaramente la NATO e gli ambienti globalisti occidentali hanno lavorato per rovesciare Lukashenko ben prima degli eventi del COVID-19. La sfida al coronavirus potrebbe aver solo contribuito a galvanizzare gli eventi.

 

L’Occidente e le sue ONG “«emocratiche» hanno da tempo Lukashenko tra i loro obiettivi. Durante l’amministrazione Bush nel 2008 il segretario di Stato americano Condoleezza Rice ha denunciato Lukashenko come «l’ultimo dittatore europeo». Successivamente, la Russia ha creato l’Unione economica eurasiatica insieme al Kazakistan e alla Bielorussia come membri. Finora Lukashenko ha rifiutato la proposta di Putin di fondersi con la Russia in un unico grande Stato dell’Unione. Ciò  potrebbe presto cambiare.

 

Finora Lukashenko ha rifiutato la proposta di Putin di fondersi con la Russia in un unico grande Stato dell’Unione. Ciò  potrebbe presto cambiare.

Le proteste sono scoppiate in Bielorussia dopo che le elezioni del 9 agosto hanno dato a Lukashenko circa l’80% dei voti contro la sua candidata dell’opposizione dell’ultimo minuto, la candidata «occidentale» Svetlana Tikhanovskaya. Queste proteste vengono condotte utilizzando lo stesso modello che la CIA e le sue varie ONG «democratiche», guidate dal National Endowment for Democracy (NED) sviluppate in Serbia, Ucraina, Russia e numerosi altri stati i cui leader si sono rifiutati di piegarsi ai dettami globalisti .

 

Un co-fondatore della NED, Allen Weinstein, dichiarò nel Washington Post nel 1991: «Molto di quello che facciamo oggi è stato fatto di nascosto 25 anni fa dalla CIA». Il NED ottiene i suoi finanziamenti dal governo degli Stati Uniti, ma si propone in tutto il mondo come una ONG «privata» che promuove la democrazia,

 

«Molto di quello che facciamo oggi è stato fatto di nascosto 25 anni fa dalla CIA»

Nel 2019, il NED ha elencato sul suo sito web circa 34 sovvenzioni per progetti NED in Bielorussia. Tutti loro sono stati indirizzati a coltivare e formare una serie di gruppi di opposizione anti-Lukashenko e ONG nazionali. Le sovvenzioni sono state assegnate a progetti come «Rafforzamento delle ONG: aumentare l’impegno civico locale e regionale… per identificare i problemi locali e sviluppare strategie di patrocinio». Un altro era quello di «espandere un deposito online di pubblicazioni non facilmente accessibili nel paese, inclusi lavori su politica, società civile, storia, diritti umani e cultura indipendente». Poi un’altra borsa di studio NED è stata: «Per difendere e sostenere giornalisti e media indipendenti». E un altro, «Rafforzamento delle ONG: promuovere l’impegno civico dei giovani». Un’altra grande sovvenzione del NED è andata a «formare partiti e movimenti democratici in efficaci campagne di difesa». (2)

 

Dietro i progetti NED dal suono innocente c’è un modello di creazione di un’opposizione appositamente addestrata sulle linee del modello NED della CIA.

 

 

Il torbido Nexta

Un ruolo chiave nel coordinamento delle proteste «spontanee» è stato svolto da un canale di messaggi di testo e video con sede a Varsavia chiamato «Nexta», basato sull’app di messaggistica di Telegram.

 

Dietro i progetti NED dal suono innocente c’è un modello di creazione di un’opposizione appositamente addestrata sulle linee del modello NED della CIA

Nexta, che in bielorusso significa «qualcuno», è nominalmente guidato da un esule bielorusso di 22 anni con sede in Polonia di nome Stepan Putila. Con la rete bielorussa chiuso dal governo da giorni, Nexta, che opera dalla Polonia, ha pubblicato numerosi video di protesta e repressione della polizia da parte dei cittadini e afferma di avere 2 milioni di follower. È diventato rapidamente il cuore della rivoluzione colorata una volta che la Bielorussia ha chiuso il suo accesso a Internet.

 

Stepan Putila è anche conosciuto con il moniker Stepan Svetlov. Putila in precedenza ha lavorato per il canale Belsat con sede a Varsavia che trasmette propaganda in Bielorussia ed è finanziato dal ministero degli Esteri polacco e dall’USAID.

 

Il co-fondatore e redattore capo di Nexta da marzo 2020 è un esule bielorusso di nome Roman Protasevich che lavorava per i media di propaganda del governo degli Stati Uniti, Radio Free Europe / Radio Liberty. Protasevich ha anche lavorato per Euroradio, con sede in Polonia, che è in parte finanziato da USAID. È stato attivo nelle manifestazioni della CIA in piazza Maidan nel 2013-14 a Kiev e secondo i suoi mi piace su Facebook è vicino al distaccamento neonazista ucraino Pahonia.

 

Nell’aprile 2018, Protasevich finisce al Dipartimento di Stato americano a Washington, un contatto notevole. Sul suo Facebook poi ha notato: «Inizia la settimana più importante della mia vita». «Non ho mai avuto così tanti incontri importanti e interessanti in vita mia»(3). Dopo aver lasciato Washington, è andato a lavorare per la radio finanziata dall’USAID in Bielorussia Euroradio.fm il 31 agosto 2018. Due anni dopo Protasevich sta coordinando gli eventi anti-Lukashenko da Varsavia via Nexta. Coincidenza?

Nexta che utilizza il Telegram registrato a Londra e si trova nella Polonia, membro della NATO, fuori dal paese, finora ha eluso la chiusura.

 

Nexta che utilizza il Telegram registrato a Londra e si trova nella Polonia, membro della NATO, fuori dal paese, finora ha eluso la chiusura.

 

Nexta ha inviato, tramite i social media, informazioni come piani per le proteste, a che ora e dove riunirsi per una manifestazione, quando iniziare uno sciopero, dove si riunisce la polizia e così via. Nexta ha anche diffuso testi delle richieste dei manifestanti, aggiornamenti sugli arresti, luoghi degli arresti da parte della polizia antisommossa e contatti per avvocati e difensori dei diritti umani, nonché mappe che mostrano dove si trova la polizia e indirizzi in cui i manifestanti devono nascondersi.

 

Ha anche consigliato agli abbonati come aggirare il blocco di Internet utilizzando proxy e altri mezzi. Come Maxim Edwards, giornalista britannico favorevole all’opposizione di Global Voices, descrive Nexta, «è chiaro che il canale non si limita a riferire sulle proteste, ma ha svolto un ruolo sostanziale nell’organizzazione di esse»(4).

 

Senza dubbio un tale coordinamento dall’estero non sarebbe possibile a meno che Nexta non avesse un’assistenza molto sofisticata da parte di alcuni servizi di intelligence. Nexta afferma che dipende da «donazioni» e annunci di finanziamento, ma afferma di non ottenere «sovvenzioni» da governi o fondazioni.

Nel 2018 i governi russi hanno tentato senza successo di vietare Telegram per essersi rifiutato di rivelare i loro codici sorgente

 

Che sia vero o no, è una risposta che dà poca chiarezza. USAID è uno dei loro «donatori» oppure lo è Open Society Foundations? Il punto rilevante è che Nexta utilizza la tecnologia informatica che la Bielorussia non è in grado di chiudere. Nel 2018 i governi russi hanno tentato senza successo di vietare Telegram per essersi rifiutato di rivelare i loro codici sorgente.

 

 

Interessi globali

I candidati politici dell’opposizione a Lukashenko sono anche sorprendentemente intelligenti nella tattica, suggerendo che sono guidati da professionisti.

Nel 2014 il capo della CIA di Obama, John Brennan, ha guidato un colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti in Ucraina per impedire all’Ucraina di aderire all’unione economica russa. Quel colpo di stato non ha dato all’Ucraina nulla di positivo. Invece è sfociato nel governo ma da parte di altri oligarchi corrotti, ma amichevoli con Washington, soprattutto sotto Obama

 

Svetlana Tikhanovskaya, la presunta «novizia politica» intervenuta quando suo marito è stato arrestato e le è stato proibito di candidarsi, afferma di aver vinto le elezioni sulla base di exit poll.

 

Il 14 agosto Tikhanovskaya ha annunciato che stava formando un «consiglio di coordinamento» per garantire un trasferimento pacifico del potere. Ha fatto eco alla precedente chiamata di un altro candidato dell’opposizione, Valery Tsepkalo, un ex ambasciatore della Bielorussia a Washington a cui, come il marito di Tikhanovskaya Sergei Tikhanovsky, è stato impedito di candidarsi alla presidenza. Tsepkalo lo ha definito un «fronte di salvezza nazionale».

 

Sebbene la Bielorussia sia un piccolo paese con meno di 10 milioni di abitanti, la posta in gioco di questo sforzo di destabilizzazione dell’Occidente è enorme.

 

Nel 2014 il capo della CIA di Obama, John Brennan, ha guidato un colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti in Ucraina per impedire all’Ucraina di aderire all’unione economica russa. Quel colpo di stato non ha dato all’Ucraina nulla di positivo. Invece è sfociato nel governo ma da parte di altri oligarchi corrotti, ma amichevoli con Washington, soprattutto sotto Obama.

 

Alcune potenze che sono in Occidente, tra cui l’UE e Washington, vorrebbero far crollare la Bielorussia come hanno fatto in Ucraina sei anni fa. Se avranno successo, possiamo essere certi che saranno incoraggiati a provare la Russia dopo

Il NED ha cercato nel 2018 di destabilizzare l’Armenia, un’altra parte dell’Unione economica eurasiatica russa.

 

Se dovessero rompere ora la Bielorussia, le conseguenze militari e politiche per la Russia potrebbero essere gravi. Indipendentemente dal fatto che la sfida di Lukashenko ai dettami sul coronavirus dell’OMS abbia avuto un ruolo nella tempistica del tentativo in corso della Rivoluzione Colorata di Minsk, chiaramente alcune potenze che sono in Occidente, tra cui l’UE e Washington, vorrebbero far crollare la Bielorussia come hanno fatto in Ucraina sei anni fa. Se avranno successo, possiamo essere certi che saranno incoraggiati a provare la Russia dopo.

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Immagine di Homoatrox via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)