Pechino e papa Francesco si congratulano con Joe Biden

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

I complimenti al candidato democratico arrivano a quasi una settimana dall’annuncio del’esito elettorale e dopo quelli inviati dalla maggior parte dei governi. Cinesi cauti, non vogliono ulteriori frizioni con l’amministrazione Trump. Presidente eletto: Pronti a lavorare con Francesco su lotta alla povertà e ai cambiamenti climatici, e integrazione dei rifugiati.

Cina e Vaticano si sono congratulati con Joe Biden per la sua vittoria nelle presidenziali Usa del 3 novembre.

 

Cina e Vaticano si sono congratulati con Joe Biden per la sua vittoria nelle presidenziali Usa del 3 novembre

I complimenti al candidato democratico arrivano a quasi una settimana dall’annuncio del’esito elettorale, e dopo quelli inviati dalla maggior parte dei governi. Tra i grandi Paesi, e quelli di maggior importanza per gli Stati Uniti, solo Russia e Messico non si sono ancora complimentati con il presidente eletto.

 

Wang Wenbin, portavoce del ministero cinese degli Esteri, ha dichiarato stamane che la Cina «rispetta la scelta del popolo statunitense e si congratula con Biden e Kamala Harris [la vice presidente eletta]».

 

La Cina «rispetta la scelta del popolo statunitense e si congratula con Biden e Kamala Harris»

Allo stesso tempo, il funzionario di Pechino ha sottolineato che il governo cinese è consapevole del fatto che i risultati del voto «saranno accertati secondo le leggi e le procedure USA».

 

Il 9 novembre Wang aveva affermato che non era il momento «appropriato» per complimentarsi con Biden, dato che il presidente in carica Donald Trump ha presentato una serie di ricorsi giudiziari per contestare l’esito delle urne.

 

Secondo gli analisti, le crescenti tensioni con Washington spingono la Cina alla cautela sul risultato finale della contesa elettorale negli Stati Uniti. L’intento è quello di evitare frizioni con l’amministrazione Trump prima dell’insediamento di quella nuova in gennaio.

Gli ultimi sviluppi accelereranno con ogni probabilità il «riconoscimento» internazionale di Biden

 

Gli ultimi sviluppi accelereranno con ogni probabilità il «riconoscimento» internazionale di Biden.

 

Ieri un organismo elettorale legato al Dipartimento USA per la sicurezza nazionale ha respinto le accuse di frode fatte dall’attuale inquilino della Casa Bianca, sostenendo che quello del 3 novembre è stato il voto «più sicuro nella storia degli Stati Uniti». Il presidente eletto ha ampliato anche il suo vantaggio negli scrutini, guadagnando la vittoria in Arizona, Stato che i democratici non vincevano dalle presidenziali del 1996.

 

Papa Francesco ha offerto le sue felicitazioni – e la sua benedizione – ieri, durante una telefonata con Biden

Papa Francesco ha offerto le sue felicitazioni – e la sua benedizione – ieri, durante una telefonata con Biden. L’annuncio è stato fatto dal team di transizione del leader democratico; in seguito è arrivata la conferma dalla Sala stampa vaticana. La conversazione telefonica ha avuto luogo dopo che la Conferenza dei vescovi Usa si è complimentata con il presidente eletto, il secondo di fede cattolica nella storia degli Stati Uniti (il primo è stato John F. Kennedy).

 

Biden ha espresso il desiderio di lavorare insieme al pontefice sul sostegno ai poveri e agli emarginati, la lotta ai cambiamenti climatici e l’integrazione di migranti e rifugiati, temi sui quali il papa si è spesso scontrato con Trump. Nel corso della campagna elettorale, il presidente eletto ha avuto qualche contrasto con la comunità cattolica statunitense, critica per le sue posizioni a favore dell’aborto.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.