Ovaia artificiali, la scusa è la chemioterapia

 

 

 

 

I medici hanno fabbricato un’ «ovaia artificiale» da tessuto umano e uova nel tentativo di aiutare le donne ad avere figli dopo il trattamento del cancro e altre terapie che possono danneggiare la fertilità femminile. Lo riporta il Guardian.

 

Il team di Copenaghen ha dimostrato che un’ovaia prodotta in laboratorio potrebbe tenere in vita le uova umane per settimane, aumentando le speranze che l’approccio possa un giorno aiutare le donne ad avere famiglie dopo trattamenti come la chemioterapia e la radioterapia.

 

Le ovaie artificiali impiantate, ci viene detto, potrebbero anche aiutare le donne con condizioni come la sclerosi multipla e la beta talassemia, che possono richiedere terapie aggressive per la fertilità, insieme a pazienti che attraversano una menopausa precoce.

Le donne che affrontano una diagnosi di cancro possono già rimuovere il tessuto ovarico e congelarlo prima di sottoporsi a trattamenti per la fertilità. Quando hanno il tutto chiaro, il tessuto viene rimesso e le donne possono continuare ad avere figli naturalmente.

Come non desiderare un figlio fatto da un utero artificiale, quando la medicina dirà che rischia molto di meno?

 

Per la maggior parte dei pazienti la procedura è sicura, ma alcuni tipi di cancro, come le ovaie o le leucemie, possono invadere il tessuto ovarico stesso. Ciò significa che quando il tessuto congelato viene scongelato e rimesso a posto, c’è il rischio che la malattia si ripresenti. Per questo motivo, il congelamento del tessuto ovarico è raramente offerto a pazienti ad alto rischio.

 

Susanne Pors e altri del Rigshospitalet di Copenaghen credono che le ovaie artificiali potrebbero essere un’opzione più sicura. Per farne uno, hanno usato prodotti chimici per spogliare il tessuto ovarico donato di tutte le sue cellule, comprese tutte le cellule tumorali in agguato. Ciò ha lasciato un «impalcatura» di tessuto nudo fatto in gran parte di collagene, la proteina che dà alla pelle la sua forza. I medici hanno quindi seminato questo impalcatura con centinaia di follicoli umani, le piccole sacche che contengono uova in fase iniziale.

 

«Questa è la prima prova che possiamo effettivamente supportare questi ovociti. È un passo importante lungo la strada», ha detto la dottoressa Pors al Guardian. «ma ci vorranno molti anni prima che possiamo metterlo in una donna». Potrebbero volerci dai 5 ai 10 anni di lavoro prima che le ovaie artificiali siano pronte per i processi umani, ha aggiunto.

 

Nick Macklon, direttore medico della London Women’s Clinic, ha detto che mentre c’era un basso rischio di contrarre il cancro dal tessuto ovarico congelato, è un pericolo che i medici prendano sul serio. «Ci sono stati alcuni tumori in cui non possiamo usare questa procedura a causa di questa preoccupazione».

L’idea del «pendio scivoloso» non puà riproporsi alla mente: iniziano con le donne malate, per poi passare alle donne sane.

 

Come non desiderare un figlio fatto da un utero artificiale, quando la medicina dirà che rischia molto di meno?

Siamo ai primi passi in questa direzione.

 

La malattia e la sua cura immorale divengono, sempre, il portale verso l’eugenetica e l’uso cosmetico e assassino della medicina.