Olanda, il dottore dell’eutanasia ammette: c’è un «pendio scivoloso»

 

 

 

Renovatio 21 traduce e pubblica questo articolo di Biodedge

 

 

«I lobbisti anti-eutanasia vogliono che il pubblico creda nell’inevitabilità del pendio scivoloso, ma le loro paure sono ingiustificate», ha scritto un medico canadese all’inizio di quest’anno.

 

Quale posto migliore dei Paesi Bassi per testare queste parole?

 

 Nel 2019, secondo i dati ufficiali, ci sono stati 6.361 casi di eutanasia, il 4,2 per cento di tutti i decessi. In altre parole, una persona su 25 viene uccisa dai medici nei Paesi Bassi

Nel 2019, secondo i dati ufficiali, ci sono stati 6.361 casi di eutanasia, il 4,2 per cento di tutti i decessi. In altre parole, una persona su 25 viene uccisa dai medici nei Paesi Bassi. E quelli sono solo i dati ufficiali. È ampiamente accettato che un buon numero di decessi per eutanasia non venga segnalato , soprattutto perché ai medici non piacciono i documenti aggiuntivi coinvolti.

 

Cosa ne pensano i medici olandesi dell’eutanasia? Abbastanza bene, in realtà. Beh, almeno uno di loro.

 

Scrivendo sull’NTGV, il giornale della Associazione Medica Olandese, il dottor Bert Keizer riflette sulla storia dell’eutanasia olandese. Sorprendentemente, sostiene l’idea che l’eutanasia sia un «pendio scivoloso». Per meglio dire, abbraccia l’idea.

 

«Dopo la fine del [ultimo] secolo, accadde ciò che i nostri colleghi britannici avevano predetto anni prima con palese compiacenza: coloro che si imbarcano nell’eutanasia si avventurano lungo un pendio scivoloso lungo il quale si scivola irrevocabilmente verso l’uccisione casuale di malati indifesi»

Il dottor Keizer è un grande vecchio dell’eutanasia olandese. Filosofo e geriatra, ora lavora per Expertisecentrum Euthanasie , il nuovo nome della Levenseindekliniek (the End of Life Clinic). È nato come progetto della NVVE, la Dutch Right to Die Society.

 

Egli scrive:

«Dopo la fine del [ultimo] secolo, accadde ciò che i nostri colleghi britannici avevano predetto anni prima con palese compiacenza: coloro che si imbarcano nell’eutanasia si avventurano lungo un pendio scivoloso lungo il quale si scivola irrevocabilmente verso l’uccisione casuale di malati indifesi».

 

Questo non lo turba più di tanto. Ai suoi occhi, espandere i criteri di ammissibilità all’eutanasia è la via del progresso. Dopotutto, è successo anche con l’aborto.

 

«Con ogni limite che ci poniamo, c’è la possibilità di superarlo. Ciò vale anche per le aree periferiche della condotta etica. L’aborto una volta era vietato, poi a malapena, poi fino a 12 settimane e ora anche fino a 20 settimane. Questo “anche” dice tutto. Qualcosa di simile è ora in corso nel campo della ricerca sugli embrioni umani, dove stiamo iniziando a lasciare la fase del “mai”».

 

«Con ogni limite che ci poniamo, c’è la possibilità di superarlo. Ciò vale anche per le aree periferiche della condotta etica. L’aborto una volta era vietato, poi a malapena, poi fino a 12 settimane e ora anche fino a 20 settimane. Questo “anche” dice tutto. Qualcosa di simile è ora in corso nel campo della ricerca sugli embrioni umani, dove stiamo iniziando a lasciare la fase del “mai”»

Descrive i progressi dell’eutanasia nei Paesi Bassi.

 

«E così è stato con l’eutanasia. Ogni volta che veniva tracciata una linea, veniva anche respinta. Abbiamo iniziato con i malati terminali, ma anche tra i malati cronici si è rivelata una sofferenza senza speranza e insopportabile. Successivamente, persone con demenza incipiente, pazienti psichiatrici, persone con demenza avanzata, anziani (alti) che hanno lottato con un accumulo di disturbi della vecchiaia e infine anziani (alti) che, pur non soffrendo di una malattia invalidante o limitante, lo trovano ancora la loro vita non ha più contenuto. Lo sfortunato termine “vita completata” è stato utilizzato per il problema di quest’ultimo gruppo».

 

Ciò che il dottor Keizer ha assistito nella sua lunga carriera è il cambiamento graduale ma inevitabile in ciò che i medici sono disposti a fare per i loro pazienti. Forse «pendìo scivoloso» sembra un termine troppo aspro, perché evoca l’immagine di una caduta precipitosa giù da un dirupo. Preferisce pensarla come una graduale erosione dei confini.

 

«In retrospettiva, è vero che ora forniamo l’eutanasia a persone alle quali avevamo detto, un po’ indignati, 20 anni fa, “Dai, è davvero impossibile”. E guardando al futuro, non c’è motivo di credere che questo processo si fermerà in caso di demenza incapace. E il prigioniero che è condannato all’ergastolo e desidera disperatamente la morte? O bambini doppiamente disabili che, sebbene istituzionalizzati, soffrono in modo insopportabile e senza speranza secondo i loro genitori a causa di autolesionismo? Non credo che siamo su un pendio scivoloso, nel senso che ci stiamo dirigendo verso il disastro. Piuttosto, è un cambiamento che non è catastrofico, ma richiede che continuiamo a essere coinvolti come comunità».

E guardando al futuro, non c’è motivo di credere che questo processo si fermerà in caso di demenza incapace. E il prigioniero che è condannato all’ergastolo e desidera disperatamente la morte? O bambini doppiamente disabili che, sebbene istituzionalizzati, soffrono in modo insopportabile e senza speranza secondo i loro genitori a causa di autolesionismo?

 

Questo passaggio dell’articolo del dottor Keizer suggerisce che i due lati del dibattito sull’eutanasia si sono concentrati sulla parola sbagliata.

 

Invece di discutere se esiste un pendio scivoloso – perché sono d’accordo su questo – dovrebbero concentrarsi sul significato di «disastro».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge