Muore l’eroe della talidomide. Martirizzato da Big Pharma

 

 

William McBride, che fu tra i primi medici a dare l’allarme sulla talidomide, il sedativo che si scoprì causava malformazioni alla nascita,  è morto il 27 giugno in Australia. Aveva 91 anni.

 

Suo figlio David ne ha annunciato la morte su Facebook. La posizione e la causa non sono state fornite.

Nella primavera del 1961, al Crown Street Women’s Hospital di Sydney, in Australia, il Dr. McBride, un ostetrico, fece nascere un bambino che aveva malformato le braccia e altri problemi. Nel giro di poche settimane ne aveva visti altri due. In una lettera pubblicata sulla rivista medica The Lancet che in dicembre, notò che ciò che sembrava connettere le pazienti era un farmaco che aveva prescritto per la nausea mattutina, la talidomide (nota in Australia come Distaval).

McBride fu tra i primi medici a dare l’allarme sulla talidomide, il sedativo che causava malformazioni alla nascita

 

Circa nello stesso periodo, un medico tedesco di nome Widukind Lenz aveva fatto lo stesso collegamento e documentato alcuni casi in tutta la Germania. Il farmaco è stato rapidamente bandito o ritirato dal mercato in un Paese dopo l’altro.

 

Il Dr. McBride fu salutato come un eroe. Ma dopo aver fondato un’organizzazione di ricerca, la Fondazione 41, con un premio in denaro che aveva ricevuto da un istituto francese per il suo ruolo nella questione della talidomide, fu guardacaso tormentato dalle polemiche.

 

Negli anni ’80 la sua ricerca sui possibili effetti dannosi di un altro farmaco, il Bendectin, fu messa in discussione e fu coinvolto in una lunga battaglia per difendere la sua reputazione. McBride ed i suoi sostenitori credevano fermamente che le compagnie farmaceutiche stessero cercando di zittirlo.

McBride ed i suoi sostenitori credevano fermamente che le compagnie farmaceutiche stessero cercando di zittirlo. Ad un certo punto pensò che avrebbero potuto monitorare le sue telefonate

 

Ad un certo punto pensò che avrebbero potuto monitorare le sue telefonate. «Ci sono crepitii ogni volta che parlo al telefono, che improvvisamente svaniscono od aumentameno», disse al Sun-Herald di Sydney nel 1988. «Potrebbe non essere nulla, ma le compagnie farmaceutiche sono conosciute per ricorrere a metodi drastici per screditare coloro che appaiono in tribunale contro di loro». Anni dopo, un chirurgo inglese di nome Andrew Wakefield avrebbe sperimentato la verità di queste parole.

 

Fu così, che dopo tanti attacchi, nel 1993 un tribunale ordinò la sua radiazione registro medico del New South Wales, impedendogli di praticare la medicina. In pratica, parrebbe proprio una radiazione per lesa Big Pharma come per i nostri Gava, Lesmo, Rossaro, etc.

 

William Griffith McBride nacque  il 25 maggio 1927 a Sydney da John e Myrine Griffith McBride. Crebbe vicino a Dungog, a nord di Newcastle, nell’Australia orientale.

 

Dopo aver conseguito la laurea in medicina presso l’Università di Sydney, prestò servizio come ufficiale medico residente in diversi ospedali nei primi anni Cinquanta. Proseguì gli studi medici a Londra prima di arrivare all’ospedale di Crown Street nel 1955. Il Sydney Morning Herald ha dichiarato nel 1988 che aveva fatto nascere circa 1.500 bambini prima che l’ospedale fosse chiuso nel 1983.

Nel 1993 un tribunale ordinò la sua radiazione registro medico del New South Wales

 

Nel 1960 venne chiamato da un rappresentante della Distillers Company, che commercializzava la talidomide in Gran Bretagna e il Dr. McBride accettò di provare il farmaco su alcuni pazienti. Quando si presentarono i problemi, McBride era l’unico medico ad usarlo all’ospedale, il che permise la rapida identificazione del suo legame con i difetti alla nascita.

 

Seguirono lunghi procedimenti legali sulla talidomide, che alla fine fu implicata in migliaia di difetti alla nascita. Il dottor McBride affermò che aveva cercato di portare le sue preoccupazioni all’attenzione della compagnia farmaceutica, ma fu respinto.

I danni della talidomide

«Non pensava che una compagnia farmaceutica non sarebbe stata felice di sentirlo quando ha detto: “C’è qualcosa di sbagliato nel tuo farmaco’” – ha detto la figlia Catherine McBride all’Australian  –Pensava che avrebbe risparmiato loro un sacco di soldi».

 

I suoi sforzi gli valsero riconoscimenti di ogni tipo. Gli hanno anche portato una pratica fiorente e un premio in denaro da L’Institut de la Vie in Francia. Nel 1971 usò quei soldi per fondare la Fondazione 41 – chiamata per le 41 settimane tra concepimento e nascita – per studiare le cause dei problemi mentali e fisici nei neonati.

 

Come risultato della ricerca condotta sui possibili rischi di Bendectin (noto anche come Debendox),  Dr. McBride divenne un ricercato testimone esperto in cause legali contro Merrell Dow, il produttore del il farmaco che veniva incolpato dei difetti alla nascita.

 

Ma altri dissero che il farmaco era sicuro. In un caso nei primi anni ’80, il Dr. McBride e il Dr. Lenz, un altro eroe della talidomide, testimoniarono per le fazioni opposte. Tuttavia, coincidenza, la società ritirò il farmaco dal mercato nel 1983, sostenendo che era sicuro, ma dicendo che non era più economicamente conveniente, in parte a causa delle controversie che lo circondavano.

 

Durante le controversie che seguirono, il Dr. McBride sostenne di essere stato vittima di una campagna di Big Pharma per screditarlo. Nel 1987, per esempio, gli fu contestato l’uso dei conigli negli esperimenti e i relativi risultati.

 

«Stiamo combattendo per alcuni conigli – disse al Sun-Herald – cosa è più importante – la vita di un bambino o quanto un coniglio ha bevuto in un esperimento?».

La radiazione dall’ordine tuttavia finì per essere cancellata.

 

La radiazione dall’ordine tuttavia finì per essere cancellata.

 

Il dott. McBride vinse il diritto di esercitare nuovamente la medicina nel 1998, anche se con diverse condizioni, tra cui quella di non condurre ricerche.

Una vittima del farmaco Distaval

 

Una ragione per cui il dottor McBride cercò di essere reintegrato nel 1998, quando aveva 70 anni, era che voleva lavorare nelle Samoa americane, dove, disse, la sua esperienza in ostetricia e ginecologia era richiesta e dove aveva già lavorato su un base provvisoria.

 

«Sono stato felice di vedere quanto potrei operare. Ho fatto un cesareo in 20 minuti».

 

Le Samoa sono le stesse isole protagoniste la scorsa settimana dell’atroce morte di due bambini di 12 mesi.

 

Coincidenze, ma con un filo comune che rovina le vite dei protagonisti di tutte queste storie così come di milioni di altri individui: Big Pharma.