MMR, non incolpate chi è critico, RISOLVETE IL PROBLEMA

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione su gentile concessione di Children’s Health Defense

 

 

Dorit Reiss, il cui recente op-ed sul San Francisco Chronicle è stato citato nell’articolo sul morbillo di Michael Hiltzik pubblicato su LA Times, ha trascurato di menzionare diversi fatti cruciali che rendono la sua prospettiva sia irrilevante che meschina. Il suo irragionevole appello a punire i cosiddetti «genitori vaccino-esitanti» è incredibilmente privo di consapevolezza dei molteplici problemi che impediscono un’accurata valutazione rischi/benefici degli attuali vaccini contro il morbillo utilizzati negli Stati Uniti.

 

Ci sono almeno sei questioni seriamente problematiche che coinvolgono gli attuali vaccini per il morbillo, MMR e MMRV (che contiene MMR) di Merck.

Dal 2 al 10% delle persone che ricevono il vaccino MMR sono «non-responders» e non riescono a produrre anticorpi. Questo è chiamato «fallimento vaccinale primario».

 

1) Il vaccino MMR presenta gravi problemi di fallimento che rendono impossibile l’immunità di gruppo, anche con tassi di vaccinazione del 100%.

Questo era noto già 7 anni fa, quando i dottori Poland e Jacobson pubblicarono i loro risultati:

  • dal 2 al 10% delle persone che ricevono il vaccino MMR sono «non-responders» e non riescono a produrre anticorpi. Questo è chiamato «fallimento vaccinale primario».
  • Un altro 8-9% che inizialmente sviluppa l’immunità smette di produrre anticorpi entro 10-20 anni. Questo è chiamato “fallimento vaccinale secondario”.

 

Nello stesso anno, i dottori Kontio, Jikinen, Paunio e Davidkin hanno pubblicato i risultati del loro studio, il quale ha mostrato che:

– il 15.5% dei soggetti dello studio vaccinati secondo le attuali raccomandazioni (2 dosi) aveva zero anticorpi entro 20 anni.

– Il 18% aveva anticorpi nel range da basso a zero entro 5 anni dalla seconda dose.

– Anche dopo TRE dosi di vaccino (una in più rispetto alle attuali raccomandazioni), il 10.5% aveva zero anticorpi misurabili entro 20 anni.

 

L’immunità di gruppo può verificarsi solo quando il gruppo ha immunità a vita. La produzione temporanea di anticorpi, problema che i ripetuti richiami non riescono a risolvere, non può portare all’immunità di gruppo.

L’immunità di gruppo può verificarsi solo quando il gruppo ha immunità a vita. La produzione temporanea di anticorpi, problema che i ripetuti richiami non riescono a risolvere, non può portare all’immunità di gruppo.

 

Merck inizialmente garantiva l’immunità a vita con un sola somministrazione e il CDC, evidentemente ignorando le prove, continua a sostenere questa affermazione. La vaccinazione contro il morbillo avrebbe dovuto portare all’eradicazione del morbillo entro il 1967, con una “soglia immunitaria notevolmente inferiore al 100%”. Nonostante gli aumenti periodici dei tassi di vaccinazione da raggiungere, ciò non è mai accaduto ed è chiaro che non può accadere, nemmeno con tassi di vaccinazione del 100% e ripetuti richiami.

 

In una questione correlata, una conseguenza imprevista della vaccinazione MMR è che

 

«I figli di madri vaccinate contro il morbillo e, presumibilmente, la rosolia hanno concentrazioni più basse di anticorpi materni e perdono la protezione data dagli anticorpi materni in età più precoce rispetto ai figli di madri che vivono in comunità che si oppongono alla vaccinazione. Questo aumenta il rischio di trasmissione della malattia in popolazioni altamente vaccinate».

I figli di madri vaccinate contro il morbillo ea hanno concentrazioni più basse di anticorpi materni e perdono la protezione data dagli anticorpi materni in età più precoce rispetto ai figli di madri che vivono in comunità che si oppongono alla vaccinazione

 

Fa molto di più, sposta il rischio di malattia verso una popolazione più vulnerabile, che ERA protetta prima dell’introduzione del vaccino.

 

Il fallimento del vaccino, non minacce di citare in giudizio i genitori esitanti, dovrebbe essere la notizia in prima pagina. I consumatori non hanno il diritto di conoscere questo problema prima di dare il loro consenso al vaccino? I medici non hanno il diritto di saperlo prima di raccomandarlo?

 

Vogliamo davvero ripetere lo stesso schema disfunzionale di negazione che ha dato inizio alla crisi degli oppioidi? Non abbiamo ancora imparato la lezione?

 

2) Merck è in giudizio presso la Corte Federale dal 2010 con l’accusa di frode, accusata dai suoi stessi virologi di aver falsificato i dati di efficacia del vaccino MMR.

 

Questo dovrebbe far parte di qualsiasi discussione sulla politica vaccinale che coinvolga il vaccino MMR. La prova della falsificazione di un qualsiasi componente di MMR avrebbe dovuto indurre l’FDA a ritirare o almeno sospendere la licenza. Il caso è in corso da 9 anni e ovviamente è così solido che Merck non è stata in grado di farlo archiviare. Infatti, l’articolo di Reuters discute l’accusa di ostruzionismo fatta a Merck. Anche questa dovrebbe essere una notizia in prima pagina.

È noto da tempo che il vaccino MMR può causare encefalite e problemi neurologici simili: è elencato nel foglietto illustrativo alla voce effetti collaterali.

 

3) Il sistema di notifica degli eventi avversi associati al vaccino non è solo inadeguato, ma terribilmente inadeguato.

Secondo lo studio di Harvard Pilgrim del 2010 finanziato dal CDC, meno dell’1% delle reazioni ai vaccini sono segnalate.

 

È noto da tempo che il vaccino MMR può causare encefalite e problemi neurologici simili: è elencato nel foglietto illustrativo alla voce «Effetti collaterali». Dal momento che è presente nella Tabella dei danni del Programma di Compensazione dei Danni da Vaccino, l’encefalite indotta da vaccino MMR viene automaticamente riconosciuta e indennizzata.

 

Attualmente presso il Sistema di Segnalazione degli Eventi Avversi da Vaccino [VAERS] ci sono oltre 7.500 segnalazioni di convulsioni, encefalite ed eventi neurologici simili associati a MMR, nonostante il fatto che meno dell’1% di tali reazioni siano segnalate. Una reazione disastrosa di per sé non è affatto rara; segnalare la reazione lo è.

 

Se non si conoscono tutte le possibili reazioni avverse (comprese quelle non riportate nei dati dei produttori precedenti l’autorizzazione all’immissione in commercio), se non si dispone di un sistema accurato per determinare quante se ne siano verificate e se non è noto quali popolazioni siano a maggior rischio di subire tali reazioni, semplicemente non è possibile valutare accuratamente il rapporto rischio/beneficio del vaccino MMR.

I funzionari della sanità stanno sovrastimando i rischi di complicanze da morbillo per vendere un vaccino difettoso?

 

4) Il tasso di mortalità per morbillo negli Stati Uniti nel 1962 era solo di 2 su 100.000.

Il tasso di mortalità del morbillo negli Stati Uniti nel 1962 era solo di 2 su 100.000, secondo i dati del CDC. Questo è stato l’anno precedente l’introduzione del primo vaccino contro il morbillo, ben prima che i ricercatori venissero a conoscenza del fatto che, rimediando alla carenza di vitamina A, si prevengono sia la gravità che le complicazioni del morbillo e prima delle cure mediche avanzate oggi disponibili. Già nel lontano 1922, prima di comodità come la lavatrice, il tasso di mortalità per morbillo era di 4,3 su 100.000.

 

I funzionari della sanità stanno sovrastimando i rischi di complicanze da morbillo per vendere un vaccino difettoso?

 

5) Non incolpate i critici, risolvete il problema.

Consigliare a tutti di farsi iniettare più dosi di un vaccino difettoso (con preoccupanti problemi di sicurezza per alcuni soggetti) non risolverà i problemi. Non fermerà i focolai di morbillo. Si tradurrà in un numero maggiore, non minore, di reazioni avverse.

 

Punire coloro che si rifiutano di conformarsi perché, per qualsiasi motivo, si rendono conto dei problemi, serve solo a erodere ulteriormente la fiducia sia nel governo che nel suo programma vaccinale.

 

Quindi, arrivati a questo punto, come si procede?

Punire coloro che si rifiutano di conformarsi perché, per qualsiasi motivo, si rendono conto dei problemi, serve solo a erodere ulteriormente la fiducia sia nel governo che nel suo programma vaccinale.

  • Investite nella produzione di un vaccino singolo contro il morbillo migliore e più sicuro e rendete il produttore responsabile del fallimento vaccinale e dei danni da vaccino, come accade per ogni altro farmaco presente sul mercato. Un maggior numero di persone opterebbe per un vaccino singolo a basso rischio per il morbillo.
  • Investite nella ricerca per capire quali sono le predisposizioni alle complicazioni del morbillo e quali sono le predisposizioni alle reazioni del vaccino. Gli studi ad oggi non sono impostati per cercare le une o le altre e le predisposizioni note per entrambe le casistiche sono ignorate.
  • Risolvete il problema del sistema di segnalazione dei danni da vaccino. Nessuno può fare una raccomandazione ponderata quando il 99% delle reazioni avverse non viene segnalato: non i funzionari sanitari, non i medici, non il governo e certamente non i giuristi.
  • Proponete l’attuale vaccino a coloro che lo desiderano, a condizione che TUTTI siano informati dei potenziali rischi e benefici, a condizione che capiscano che (al momento) i produttori e i professionisti della salute non hanno alcuna responsabilità per le reazioni avverse o per il fallimento vaccinale e a condizione che capiscano che il vaccino MMR non può portare all’immunità di gruppo. E devono sapere che Merck è sotto processo per frode proprio per questo vaccino.

 

Quando compriamo un’auto, possiamo facilmente cercare dati sulla sicurezza e rapporti sui crash test e possiamo citare in giudizio i produttori per cose come acceleratori bloccati e guasti ai freni perché sono ritenuti responsabili ai sensi delle leggi sulla responsabilità del prodotto.

 

NESSUNO è responsabile per il fallimento e il danno da vaccino. Finché la situazione sarà questa, con Merck sotto processo per frode, è del tutto immorale minacciare i genitori esitanti per aver rifiutato un intervento medico invasivo, per il quale il produttore non è responsabile e che non ha soddisfatto le richieste del governo.

Quando compriamo un’auto, possiamo facilmente cercare dati sulla sicurezza e rapporti sui crash test e possiamo citare in giudizio i produttori per cose come acceleratori bloccati e guasti ai freni perché sono ritenuti responsabili ai sensi delle leggi sulla responsabilità del prodotto.

 

6) Non dobbiamo mai dimenticare la Dichiarazione Universale sulla bioetica e i diritti umani dell’UNESCO del 2005.

 

Articolo 6. Consenso

  1. Qualsiasi intervento medico di prevenzione, diagnostico o terapeutico deve essere compiuto con il consenso libero, preventivo e informato della persona interessata che si basi su adeguate informazioni. Il consenso dovrebbe essere, quando ciò sia possibile, espresso e può essere revocato dalla persona interessata in qualsiasi momento e per qualsiasi ragione senza pregiudizio o danno.
  2. La ricerca scientifica dovrebbe essere condotta con il consenso libero, espresso, preventivo e informato della persona interessata. Le informazioni dovrebbero essere adeguate, fornite in modo comprensibile e devono includere le modalità per la revoca del consenso. Il consenso può essere revocato dalla persona interessata in qualsiasi momento e per qualsiasi ragione senza pregiudizio o danno. Eccezioni a questo principio dovrebbero essere consentite solo in accordo con le norme etiche e giuridiche adottate dagli Stati e in coerenza con i principi stabiliti in questa Dichiarazione, in particolare con l’articolo 27 e con il diritto internazionale relativo ai diritti umani.
  3. In casi particolari di ricerca condotta su un gruppo di persone o una comunità, si potrà richiedere anche un accordo dei rappresentanti legali del gruppo o della comunità interessata. In nessun caso l’accordo concluso da una comunità in termini collettivi o il consenso di un capo di una comunità o di un’altra autorità può sostituire il consenso informato di un individuo.

 

 

Alison Fujito

collaboratrice di Children’s Health Defense

 

 

© 16 marzo 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD