Minori transgender, fecondazione artificiale e divorzio: un caso in Texas

 

 

 

 

Un caso di divorzio in Texas che riguarda la custodia di due gemelli di sette anni è diventato velenoso dopo che i genitori hanno iniziato a discutere sul fatto che uno dei bambini fosse transgender.

 

È quindi diventato un banco di prova per la legittimità della medicina transgender sui bambini.

 

Il padre, Jeff Younger, sostiene che il figlio, James, si identifica con il suo sesso biologico. La madre, Anne Georgulas, pediatra, ritiene che James sia una femmina e che chieda di essere chiamato Luna.

Il caso è diventato un banco di prova per la legittimità della medicina transgender sui bambini

 

«Avete mai sentito parlare di persone che non credono che il cielo sia blu? Queste persone non concordano nemmeno sul fatto che il loro figlio sia maschio o femmina», ha dichiarato di fronte alla giuria il legale di Younger nel corso dell’udienza per la custodia.

 

Il 21 ottobre, la giuria ha concesso la custodia esclusivamente a Georgulas, rendendola in questo modo libera di procedere coi suoi piani di transizione da James a Luna. Apparentemente aveva intenzione di iniziare con i bloccanti della pubertà in un futuro non troppo lontano. Tuttavia, il 24 ottobre un giudice ha annullato la sentenza della giuria e assegnato la custodia a entrambi i genitori, il che significa che devono concordare ogni trattamento medico.

 

«Secondo i rapporti pubblici, la madre ha già iniziato la transizione per il ragazzo chiamandolo col nome di ragazza e vestendolo con abiti da femmina. Inoltre, intende somministrare presto i bloccanti della pubertà, che possono provocare castrazione chimica. Quando il ragazzo è con il padre, si comporta e si veste come un ragazzo».

È impossibile conoscere tutti i fatti senza accesso ai documenti del tribunale, ma il procuratore generale del Texas è stato così turbato dal caso che ha ordinato al Dipartimento dei servizi familiari e di protezione di indagare sul caso perché i ragazzi sono, nelle sue parole, “in pericolo immediato e crescente»:

 

«Secondo i rapporti pubblici, la madre ha già iniziato la transizione per il ragazzo chiamandolo col nome di ragazza e vestendolo con abiti da femmina. Inoltre, intende somministrare presto i bloccanti della pubertà, che possono provocare castrazione chimica. Quando il ragazzo è con il padre, si comporta e si veste come un ragazzo».

 

«Le relazioni pubbliche e le testimonianze giurate indicano che la salute e il benessere fisico e mentale del bambino sono stati e continueranno ad essere influenzati negativamente»

 

«Ricordiamo che la legge del Texas nel definire l’abuso include anche “lesioni mentali o emotive a un bambino che si traducano in una perdita osservabile e materiale nella crescita, nello sviluppo o nel funzionamento psicologico del bambino”, “causando o permettendo al bambino di trovarsi in una situazione in cui subisce una lesione mentale o emotiva “o ” incapacità di compiere uno sforzo ragionevole per prevenire un’azione da parte di un’altra persona che comporti una lesione fisica che comporti un danno sostanziale al bambino».

 

C’è un’altra dimensione della questione emersa nel corso di un esame incrociato di Georgulas in tribunale. Si è scoperto che non è la madre biologica dei gemelli. Sono stati infatti concepiti tramite la fecondazione in vitro con sperma di Younger e gli ovuli di una «donatrice». Katy Faust, direttore dell’organizzazione per i diritti dei bambini Them Before Us, ha commentato:

C’è un’altra dimensione emersa . Si è scoperto che i gemelli sono stati concepiti tramite la fecondazione in vitro con sperma del padre e gli ovuli di una «donatrice»

 

«Ci sono pochissimi dati su come stanno i figli dei donatori di ovociti e su quale impatto abbia la disconnessione genetica sulla relazione madre-figlio. Forse somiglia di più alla relazione con una matrigna. Forse, a causa del continuo legame prenatale, sarà più simile a quello di una relazione madre-figlio naturale. Ci vorranno decenni prima che la ricerca ci dia la risposta».

 

«Ma quando leggo di una donna che spinge suo figlio prepubescente a sottoporsi a “trattamenti” sperimentali e rischiosi, mi chiedo se la sua disconnessione biologica abbia qualcosa a che fare con esso».

 

«Ci sono pochissimi dati su come stanno i figli dei donatori di ovociti e su quale impatto abbia la disconnessione genetica sulla relazione madre-figlio. Forse somiglia di più alla relazione con una matrigna».

«Per essere chiari, la maggior parte dei genitori non biologici non desidera danneggiare i figli. La maggior parte sta facendo il meglio in situazioni tutt’altro che ideali. Ma la volontà del genitore non biologico di James di mettere a rischio la salute a lungo termine di suo figlio per quella che è probabilmente una lotta emotiva temporanea, contrasta nettamente con il desiderio del suo genitore biologico di proteggerlo dai danni».

 

Questo intricato caso di divorzio, fecondazione in vitro, uova da donatore e transizione transgender infantile è incredibilmente confuso. Ne sentiremo parlare ancora.

 

 

Fonte: Michael Cook per BioEdge