Microbioma, l’importanza dell’esposizione dei bambini ai microrganismi

 

 

Renovatio 21 si impegna nella campagna di sensibilizzazione riguardo all’importanza del microbioma, il cui studio potrebbe rivoluzionare la medicina e non solo. Abbiamo in passato pubblicato un altro articolo sul cesareo e il microbioma.

 

Molti studi hanno fortemente suggerito che i trilioni di microrganismi che popolano il corpo umano influenzano la nostra salute attuale e futura e possono spiegare la crescente incidenza di molte gravi condizioni mediche che ora affliggono giovani ed anziani.

I microrganismi che popolano il corpo umano influenzano la nostra salute e possono spiegare la crescente incidenza di molte gravi condizioni

 

La ricerca indica che il parto cesareo e l’allattamento al seno limitato possono distorcere la popolazione di microrganismi nell’intestino del bambino e possono spiegare l’aumento incontrollato di preoccupanti problemi di salute in bambini e adulti, tra cui asma, allergie, celiachia, diabete di tipo 1 e obesità.

 

Queste condizioni, tra le altre, sono più probabili che si verifichino quando l’intestino di un bambino è stato popolato in modo inadeguato da batteri che promuovono la salute.

La ricerca indica che il parto cesareo e l’allattamento al seno limitato possono distorcere la popolazione di microrganismi nell’intestino del bambino e spiegare l’aumento di problemi di salute tra cui asma, allergie, celiachia, diabete di tipo 1 e obesità

 

Secondo il New York Times, un numero crescente di ricercatori e consumatori ora sta prestando più attenzione a dove tutto inizia, specialmente come questa enorme popolazione di microbi nel nostro corpo, chiamata microbioma, è modificata, nel bene o nel male, da come i bambini nascono e si nutrono.

 

Poiché queste informazioni in continua evoluzione si riversano sulle future madri, ciò potrebbe – e forse dovrebbe –portare a profondi cambiamenti in ostetricia, pediatria e genitorialità.

 

I due più importanti cambiamenti sarebbero parti cesarei e più madri che allattano esclusivamente per sei mesi per migliorare i tipi e le quantità di batteri che abitano l’intestino di un bambino.

 

Questi organismi svolgono importanti funzioni che includono la digestione di nutrienti inutilizzati, la produzione di vitamine, la stimolazione del normale sviluppo immunitario, la lotta contro i batteri dannosi e la promozione della maturazione dell’intestino.

 

Recenti studi hanno dimostrato che sia il parto vaginale che l’allattamento al seno esclusivo possono influenzare significativamente il tipo e il numero dei loro microbi intestinali e il rischio di sviluppare vari problemi di salute

Un’interruzione di una o più di queste funzioni può portare a problemi di salute gravi, a volte per tutta la vita. Se, ad esempio, la maturazione dell’intestino è compromessa o ritardata, alcuni esperti ritengono che le proteine ​​non digerite possano fuoriuscire nel flusso sanguigno e scatenare un’intolleranza alle allergie o al glutine, o un sistema immunitario compromesso potrebbe causare una malattia autoimmune come il diabete di tipo 1, l’artrite giovanile o multipla sclerosi.

 

I bambini sono esposti ad alcuni organismi in utero, ma gli organismi incontrati durante la nascita e i primi mesi di vita hanno la più grande influenza su coloro che diventano residenti permanenti nelle loro viscere.

 

Recenti studi hanno dimostrato che sia il parto vaginale che l’allattamento al seno esclusivo possono influenzare significativamente il tipo e il numero dei loro microbi intestinali e il rischio di sviluppare vari problemi di salute.

 

Attualmente, circa un bambino su tre negli Stati Uniti viene al mondo con taglio cesareo, da circa uno su cinque negli anni ’90

Ad esempio, uno studio danese di due milioni di bambini nati tra il 1977 e il 2012 ha scoperto che quelli nati da parto cesareo erano significativamente più tendenti di quelli nati vaginalmente a sviluppare asma, disturbi sistemici del tessuto connettivo, artrite giovanile, malattia infiammatoria intestinale, deficienze immunitarie e leucemia.

 

I bambini nati per via vaginale acquisiscono principalmente i microbi che popolano la vagina e l’intestino della madre.

 

Tuttavia, quelli nati chirurgicamente prima che le membrane si rompano e il travaglio inizi ad acquisiscono i microbi principalmente dalla pelle della madre e dal personale e dall’ambiente nel reparto di neonatologia.

I bambini nati per via vaginale acquisiscono principalmente i microbi che popolano la vagina e l’intestino della madre

 

Quando viene eseguito un cesareo d’emergenza dopo l’inizio della rottura delle membrane e del travaglio, il bambino acquisisce meno microbi della madre rispetto a un parto vaginale, ma molti di più rispetto a un parto cesareo programmato.

 

Queste differenze nel microbiota intestinale sono state trovate persistere nei bambini fino ad almeno 7 anni di età, secondo uno studio pubblicato in Finlandia nel 2004.

Quando viene eseguito un cesareo d’emergenza dopo l’inizio della rottura delle membrane e del travaglio, il bambino acquisisce meno microbi della madre rispetto a un parto vaginale, ma molti di più rispetto a un parto cesareo programmato

 

Attualmente, circa un bambino su tre negli Stati Uniti viene al mondo con taglio cesareo, da circa uno su cinque negli anni ’90.

 

Certamente, un parto chirurgico può essere salvavita quando, per esempio, il feto o la madre è a rischio di una complicanza grave o fatale da un parto vaginale.

 

Ma altre ragioni per l’aumento del parto cesareo, comprese le letture da monitor fetale, sono meno chiare.

 

Anche se molti bambini con letture borderline potrebbero andare bene con un parto vaginale, le donne e i loro medici di solito non vogliono rischiare quando il monitor suggerisce che il feto potrebbe essere nei guai. E le donne che hanno un cesareo, che indebolisce il muro uterino, hanno maggiori probabilità di avere un secondo o un terzo piuttosto che rischiare una rottura uterina durante il travaglio e il parto successivi.

 

Il latte materno contiene molti degli stessi batteri benefici trovati nella vagina di una donna, e i bambini che vengono allattati al seno hanno meno probabilità di quelli che consumano il latte artificiale a sviluppare infezioni e allergie respiratorie e gastrointestinali e malattie croniche come diabete, obesità e malattie infiammatorie intestinali

Per contrastare gli effetti di un parto chirurgico sul microbioma del bambino, un numero crescente di donne i cui bambini nascono con taglio cesareo chiedono che lo staff medico trasferisca i microbi dalla vagina della madre ai loro bambini subito dopo la nascita.

 

Alcuni stanno amministrando gli scambi di microbi stessi. Tuttavia, un comitato di esperti dell’American College of Obstetricians and Gynecologists ha recentemente ammonito che la pratica , nota come seeding vaginale, era prematura e probabilmente pericolosa.

 

«In questo momento, il seeding vaginale non dovrebbe essere eseguito al di fuori del contesto di un protocollo di ricerca approvato dal comitato di revisione istituzionale fino a quando non saranno disponibili dati adeguati riguardanti la sicurezza e i benefici del processo», ha concluso il comitato.

 

Il comitato ha citato un potenziale rischio di trasferimento di organismi patogeni dalla donna al neonato.

 

Se si considera il seeding vaginale, le donne dovrebbero essere informate dei rischi e testate per le malattie infettive e i batteri potenzialmente patogeni, inclusi streptococchi di gruppo B, virus dell’herpes simplex, clamidia e gonorrea.

In uno studio pubblicato in JAMA Pediatrics, i ricercatori hanno riferito che i bambini che hanno ottenuto tutto o la maggior parte del loro latte dal seno avevano il microbiota più simile a quello delle loro madri.

 

La dottoressa Suchitra Hourigan, gastroenterologa pediatrica e direttrice dell’INOVA Translational Medicine Institute di Falls Church, in Virginia, sta pianificando uno studio di tre anni su 800 bambini consegnati da un cesareo programmato, metà dei quali otterrà semina vaginale, per aiutare a determinare se la tecnica è sicura e benefica.

 

Il dottor Hourigan ha detto in un’intervista:

«Le donne non dovrebbero fare il seeding vaginale fino a quando le prove dimostrano che è sicuro e offre benefici per la salute ai bambini. Sono preoccupato per le madri che lo fanno senza screening e talvolta senza la supervisione di un medico che dice che va bene».

 

Ha aggiunto che al momento l’allattamento al seno è il modo migliore e più sicuro per esporre i bambini nati da taglio cesareo ai batteri della loro madre.

 

L’allattamento al seno è il modo migliore e più sicuro per esporre i bambini nati da taglio cesareo ai batteri della loro madre

Il latte materno contiene molti degli stessi batteri benefici trovati nella vagina di una donna, e i bambini che vengono allattati al seno hanno meno probabilità di quelli che consumano il latte artificiale a sviluppare infezioni e allergie respiratorie e gastrointestinali e malattie croniche come diabete, obesità e malattie infiammatorie intestinali.

 

In uno studio pubblicato online lo scorso maggio in JAMA Pediatrics, i ricercatori hanno riferito che i bambini che hanno ottenuto tutto o la maggior parte del loro latte dal seno avevano il microbiota più simile a quello delle loro madri.