“Mia figlia di 3 anni è la trans più giovane del mondo”

 

 

A riportare il caso è il quotidiano britannico Mirror.

 

Dall’età di tre anni, l’unico figlio di Jeneen Schofield ha fatto la stessa richiesta per Natale e il compleanno: «voglio essere una bambina».

 

Mentre gli scatti di famiglia mostrano il bimbo con la divisa del Liverpool, Jeneen dice che il suo bambino, nato maschio, ha presto capito che avrebbe dovuto vivere la vita di una femmina. E l’anno scorso, all’età di sette anni, il suo desiderio si è avverato quando il suo nome è stato ufficialmente cambiato tramite un atto unilaterale – in Luna.

 

Ha iniziato a indossare la gonna a scuola e ha ottenuto anche un nuovo passaporto come uno dei bambini transgender più giovani della Gran Bretagna.

 

Ha iniziato a indossare la gonna a scuola e ha ottenuto anche un nuovo passaporto come uno dei bambini transgender più giovani della Gran Bretagna.

Oggi, la madre apre orgogliosamente il suo cuore agli eventi che cambiano la vita e sfida i detrattori che credono che la sua decisione di lasciare che Luna scegliesse il suo genere fosse prematura. Operatrice del SSN Jeneen, 37 anni, racconta del momento in cui Luna, ora otto anni, è stata «liberata» e parla del suo «processo di lutto» nel lasciar andare il suo bambino.

 

La mamma racconta: «Luna ha iniziato a chiedere di diventare femmina sin dal terzo compleanno. Credevo che fosse una fase e le ho detto di smettere di comportarsi da sciocca. Ma lei insisteva. La mia famiglia pensava che fosse troppo giovane per prendere la decisione di essere una femmina, ma non volevo dirle come si sentiva e sapevo che non sarebbe passata». 

 

La storia di Luna arriva quando le cifre mostrano che il numero di bambini affetti da disforia di genere in Gran Bretagna è raddoppiata nell’ultimo anno.

 

Il numero di bambini affetti da disforia di genere in Gran Bretagna è raddoppiata nell’ultimo anno. Le segnalazioni all’unica clinica specializzata in Inghilterra per bambini transgender sono aumentate di quasi il 100% in quattro anni.

Le segnalazioni all’unica clinica specializzata in Inghilterra per bambini transgender sono aumentate di quasi il 100% in quattro anni.

 

Solo nell’anno passato, 2.590 bambini sono stati indirizzati al Gender Identity Development Service con sede a Leeds, dove è stata visitata Luna.

 

Jeneen racconta come Luna abbia sempre evitato le «cose tipo calcio», preferendo giocare con le bambole e vestiti. A cinque anni le fu permessa una «transizione sociale». Jeneen aggiunge: «prima di allora, aveva indossato abiti da principessa in negozio con me o a casa. Per il suo quinto compleanno ha trascorso la giornata a Disneyland Paris vestita da principessa. Non poteva essere più felice!».

 

«In cima a ogni lista dei desideri di Natale e di compleanno c’era diventare una bambina. È stato difficile accettare quello che stavo vedendo».  Luna aveva iniziato la scuola da poche settimane quando Jeneen chiese di parlare con l’insegnante.

 

Dice: «era la Giornata Mondiale del Libro. Spiegai all’insegnante che Luna voleva vestire i panni di Alice nel Paese delle Meraviglie e le chiesi se pensava che potesse esserci qualcos’altro. L’insegnante accettò la mia richiesta, aggiungendo che aveva notato che, durante i giochi di travestimento, Luna era sempre la mamma o la sorella».

 

«All’improvviso ero così spaventata dalle conseguenze che poteva avere su di lei. Mi sono seduta in macchina e ho pianto a dirotto. Non sapevo davvero cosa significasse essere trans. Per settimane ero pietrificata al pensiero che Luna avrebbe avuto una vita senza amore e piena di persone che la odiavano».

 

Ma Jeneen afferma che i video di YouTube dei genitori di bambini trans che raccontano della loro situazione, oltre a risorse scaricate da Mermaids, l’ente benefico per il supporto ai trans, l’hanno aiutata a capire che Luna poteva trovare la felicità.

 

Aggiunge: «più facevo ricerche, più mi rendevo conto che la transizione non significava la fine. Luna potrebbe avere una vita felice e trovare l’amore come femmina».

 

Gli psicologi del Servizio Sanitario Nazionale britannico hanno affermato che i bambini possono scegliere troppo presto di vivere come sesso opposto

Ma questo mese gli psicologi del Servizio Sanitario Nazionale britannico hanno affermato che i bambini possono scegliere troppo presto di vivere come sesso opposto. Sostengono che lasciare ai bambini di sei anni la scelta della «transizione sociale» potrebbe causare danni a lungo termine dovuti alla costrizione tanto prematura.

 

Anche due noti medici hanno consigliato cautela. Lo psicologo sociale Dr. David Canter ha dichiarato: «A nessuno dovrebbe essere assegnata l’etichetta di transgender prima della pubertà. Se il bambino è infelice, i motivi dovrebbero essere esplorati senza assegnare etichette». 

 

Il consulente psichiatra e docente televisivo Raj Persaud ha aggiunto: «è necessaria un’attenta valutazione medica per capire cosa sta succedendo. Solo così si possono prendere decisioni».

 

Ma la mamma single Jeneen insiste sul fatto che sarebbe stato un errore lasciare che Luna vivesse una bugia. E sottolinea: «una cosa di cui ero sicura era che non avrei mai incoraggiato Luna a diventare una ragazza».

 

Nel 2016 Jeneen portò Luna al Liverpool Pride, dove Mermaid aveva uno stand. Lì hanno incontrato una famiglia con un bambino trans di un solo anno maggiore di Luna. Jeneen ricorda: «aveva iniziato a indossare abiti da ragazza e sembrava così felice. Ho chiesto a Luna se voleva dei vestiti da ragazza normale, piuttosto che abiti da principessa, ed era davvero entusiasta».

 

Quindi portò Luna a Primark, dove comprarono tre abiti, un paio di jeans rosa con i pompon. «Vederla entrare e uscire dai camerini con i suoi nuovi vestiti mi faceva sciogliere il cuore, era come se fosse stata liberata», dice Jeneen.

 

«Tornate a casa, Luna ha svuotato il suo guardaroba di tutti i vestiti da maschio, li ha messi in alcuni sacchetti e ha indossato i vestiti nuovi con orgoglio». Giorni dopo Jeneen disse a sua madre che Luna avrebbe indossato abiti femminili.

 

Racconta: «abbiamo avuto una discussione esplosiva, mia madre mi ha detto, “Non posso portarla fuori con i vestiti da femmina!” Le ho gridato che doveva essere più comprensiva e di supporto».

 

«Mi ha richiamato più tardi dicendo quanto le dispiacesse, quanto ci amasse, ma era così spaventata. Spiegai che ero più spaventata di chiunque altro, ma non potevo aiutare Luna da sola. E col benestare della direttrice dell’inizio del secondo anno di scuola, Luna indossava con orgoglio l’uniforme da femmina. Tutti erano così benevoli. Altri bambini avevano chiesto perché indossava un vestito da femmina e lei rispondeva: “Perché mi rende felice”».

 

«Il senso di sollievo quando è tornata a casa quel primo giorno con un sorriso sul viso è stata travolgente».

 

Poi è arrivata la questione del nome.

 

Dopo aver provato con Alice per una settimana, ha scelto Luna, un accenno al fatto che lei e Jeneen cercano la luna di notte per esprimere un desiderio prima di coricarsi.

 

Dopo essere stata un’infermiera per 11 anni, Jeneen ha iniziato una terapia che l’ha aiutata a vivere la sua nuova vita. Questo, oltre a essere parte di una preziosa rete di Mermaid a Liverpool, le ha dato la sicurezza e la forza per gestire commenti online «orribili».

Tuttavia, il processo non è stato facile e Jeneen ammette di essere «in lutto» mentre le foto dei “ricordi” di Facebook mostrano Luna da neonato –«facendomi sentire come se avessi perso il mio bambino».

 

Ma precisa: «ho spiegato come mi sentivo agli amici all’esterno della comunità trans. Mi hanno detto che avrei dovuto essere grata di avere un figlio, qualunque fosse il genere. È un’emozione complessa essere genitore di un bambino trans. L’ultima cosa che volevo era offendere qualsiasi genitore che avesse perso un figlio a causa di un incidente o di una malattia».

 

Dopo essere stata un’infermiera per 11 anni, Jeneen ha iniziato una terapia che l’ha aiutata a vivere la sua nuova vita. Questo, oltre a essere parte di una preziosa rete di Mermaid a Liverpool, le ha dato la sicurezza e la forza per gestire commenti online «orribili».

 

Racconta: «ho smesso di leggere i commenti che dicevano che i genitori dovrebbero essere uccisi o fatti a pezzi. Questo riguardava la felicità di Luna. So che verrà giudicata man mano che cresce, odiata per qualcosa che non ha scelto, ma posso avere un figlio morto o una figlia felice e sicura di sé».

 

A volte, Jeneen si è rivolta alle comunità trans e LGBT, ad avvocati e persino al suo parlamentare per ricevere supporto. Un momento toccante è arrivato quando Luna è stata ribattezzata l’anno scorso. Jeneen afferma: «il vicario non avrebbe potuto essere più solidale, ha anche indossato una sciarpa di seta arcobaleno».

 

Un momento toccante è arrivato quando Luna è stata ribattezzata l’anno scorso. Jeneen afferma: «il vicario non avrebbe potuto essere più solidale, ha anche indossato una sciarpa di seta arcobaleno»

«Quando vedo e ascolto come Luna abbia accettato il suo vero io, quanto sia felice, intelligente e divertente, mi rende molto orgogliosa. I bambini hanno bisogno di essere se stessi per sbocciare, non quello che qualcun altro vuole che siano».

 

Luna ha avuto cinque appuntamenti presso la clinica che tratta la disforia di genere e può porre domande ed esplorare idee sulla propria identità.

 

Jeneen afferma: «il prossimo cambiamento sarà tra qualche anno quando Luna inizierà la pubertà e potrà scegliere da sola se assumere i bloccanti ormonali, le medicine o qualsiasi altra cosa desideri. Ma sarà una decisione sua, e solo sua».

 

 

Fonte: Mirror