Medico olandese ammette di aver eutanatizzato una paziente affetta da demenza che non voleva morire

 

 

 

La dottoressa dell’Aia che aveva affrontato ed eluso le accuse di omicidio per l’eutanasia di una anziana malata di demenza nel 2016 ha rotto il suo silenzio sul caso per la prima volta.

 

La dottoressa non pare aver mostrato alcun segno di rimpianto anche ammettendo di aver eutanatizzato la donna nonostante sul momento avesse detto che non voleva morire. Lo riporta Lifesitenews.

 

La dottoressa non pare aver mostrato alcun segno di rimpianto anche ammettendo di aver eutanatizzato la donna nonostante sul momento avesse detto che non voleva morire

Marinou Arends lavorava nella casa di cura Mariahoeve a L’Aia quando ha eutantizzato una donna di 74 anni che aveva acconsentito a morire nelle direttive sulle cure avanzate scritte quando era ancora sana di mente, ma da allora la mente dell’anziana si era deteriorata e questa non avrebbe ribadito il suo consenso quando è arrivato il momento della morte indotta.

 

«Sebbene la donna abbia ripetutamente affermato di voler morire, quando le è stato chiesto direttamente, avrebbe detto “non ancora”», sostiene Dutch News.

 

«Un secondo specialista ha concordato che “soffriva insopportabilmente” e alla fine, Arends ha messo un farmaco per dormire nella sua tazza di caffè; quando la donna in seguito sembrò sedersi e tirarsi indietro dall’infusione letale, suo genero la spinse di nuovo giù nel suo letto».

«Sebbene la donna abbia ripetutamente affermato di voler morire, quando le è stato chiesto direttamente, avrebbe detto “non ancora”»

 

Arends è stata accusata di aver effettuato illegalmente un’eutanasia senza garantire il consenso, ma è stata assolta lo scorso settembre, con il giudice che ha sostanzialmente concluso che i precedenti desideri della paziente permettevano di superare qualsiasi obbligo di seguire i suoi desideri più recenti.

 

Ha ammesso che la paziente ha rifiutato di acconsentire all’eutanasia non meno di tre volte

«È bello ottenere la conferma: fallo, fallo e basta», ha detto Arends questa settimana in un’intervista a Dutch News. «Ma non sono riuscito a ottenere questa conferma e senza di essa ho dovuto fare questo passo. È stato tremendamente difficile, ma per il meglio. Credevo di lavorare entro i limiti della legge».

 

Ha ammesso che la paziente ha rifiutato di acconsentire all’eutanasia non meno di tre volte. «Se le chiedevi ,”cosa penseresti se ti aiutassi a morire?” sembrava sconcertata e diceva: “stiamo andando un po’ in là…”».

 

L’ex medico ha anche difeso l’inserimento del sedativo nel caffè della paziente a sua insaputa, sostenendo che era una «pratica accettata» per prevenire il «panico»

L’ex medico ha anche difeso l’inserimento del sedativo nel caffè della paziente a sua insaputa, sostenendo che era una «pratica accettata» per prevenire il «panico», purché la persona con procura (suo marito) avesse acconsentito.

 

Alla fine, si è sentita confermata dalla decisione «unanime» di assolverla, difendendo le sue azioni come una «scelta tra una residenza media di sette anni, sette anni di sofferenza, o – sulla base del messaggio fondamentale nella sua volontà di vita – dandole l’eutanasia che desiderava».

 

«Questa eutanasia involontaria è stata motivata dal bigottismo contro le persone affette da demenza, mascherato da compassione», lamenta Wesley Smith, un membro anziano del Center on Human Exceptionalism del Discovery Institute che tratta questioni di fine vita.

«Non c’è mai stata alcuna possibilità che il dottore potesse perdere la sua licenza o fare qualsiasi tempo di prigione per l’omicidio», e che lo scopo del caso era «non punire le trasgressioni, ma piuttosto, stabilire precedenti che i dottori della morte seguiranno in futuro» Wesley J. Smith

 

«A quali altre conclusioni possiamo arrivare? Che non era più  compos mentis, quindi la sua opinione sulla sua vita non era importante?».

 

Per quanto riguarda l’esonero originale di Arends, Smith sostiene che «non c’è mai stata alcuna possibilità che il dottore potesse perdere la sua licenza o fare qualsiasi tempo di prigione per l’omicidio», e che lo scopo del caso era «non punire le trasgressioni, ma piuttosto, stabilire precedenti che i dottori della morte seguiranno in futuro. In effetti, questo è il motivo per cui le linee guida presumibilmente restrittive non limitano gran parte di nulla. È tutta una grossa frode».