L’ingegneria genetica CRISPR causa il cancro?

 

 

La tecnologia CRISPR-Cas9 è stata annunciata come una delle più grandi scoperte nella ricerca biomedica dell’ultimo mezzo secolo. La tecnologia è già stata utilizzata in agricoltura per aumentare la resa delle colture e migliorare la qualità nutrizionale, mentre nella biomedicina gli scienziati la utilizzano per studiare eziologia e progressione delle malattie, con la speranza di un giorno di avere aiuto nella prevenzione e nel trattamento di condizioni che vanno dalla fibrosi cistica e emofilia per HIV e cancro.

Le cellule modificate con successo utilizzando la tecnologia CRISPR potrebbero avere una maggiore probabilità di innescare il cancro.

 

Ironia della sorte, sono stati pubblicati due nuovi articoli che suggeriscono che le cellule modificate con successo utilizzando la tecnologia CRISPR potrebbero avere una maggiore probabilità di innescare il cancro.

 

I due studi – pubblicati su Nature Medicine da ricercatori dell’Istituto Karolinska in Svezia e degli Istituti Novartis per la ricerca biomedica a Cambridge, Massachusetts – indicano che alcuni metodi di editing CRISPR dipendono dalla disfunzione di un gene noto come P53.

I casi in cui CRISPR ha successo, sono spesso associati a una disfunzione nel gene P53

 

P53 è un gene che aiuta le cellule a riparare (o, in alternativa, autodistruggersi) quando il loro DNA è stato danneggiato. Il motivo per cui i tassi di successo di CRISPR sono spesso estremamente bassi è perché il P53 correttamente funzionante interrompe il processo di editing del DNA. I casi in cui CRISPR ha successo, sono spesso associati a una disfunzione in P53, in quanto il P53 altrimenti interrompe la modifica o distrugge la cellula.

 

Il problema con ciò che i due articoli descrivono come «selezione contro le cellule con un percorso funzionale di P53» è che la disfunzione di P53 può causare il cancro. Infatti, le mutazioni di P53 sono responsabili di quasi la metà dei tumori ovarici; 43% dei tumori del colon-retto; 38% dei tumori polmonari; quasi un terzo dei tumori del pancreas, dello stomaco e del fegato; e un quarto dei tumori al seno, tra gli altri.

 

Parlando con STAT, il CEO di CRISPR Therapeutics, Sam Kulkarni ha affermato che la ricerca è «plausibile» e allarmante:

Le mutazioni di P53 sono responsabili di quasi la metà dei tumori ovarici; 43% dei tumori del colon-retto; 38% dei tumori polmonari; quasi un terzo dei tumori del pancreas, dello stomaco e del fegato; e un quarto dei tumori al seno, tra gli altri.

 

«È qualcosa su cui dobbiamo prestare attenzione, soprattutto perché la tecnica del CRISPR si estende a più malattie. Abbiamo bisogno di fare il lavoro e assicurarci che le celle modificate restituite ai pazienti non diventino cancerose».

 

È importante sottolineare che, anche se i risultati della ricerca vengono confermati, il problema non influisce su ogni forma di modifica del gene ottenuta con il CRISPR, ma solo su un metodo particolare.

 

Tuttavia questo metodo, noto come correzione genica, è ampiamente usato per la ricerca sulla malattia da accumulo di glicogeno, sulla fibrosi cistica e sulla grave immunodeficienza combinata. Potrebbero essere in pericolo anche la ricerca CRISPR che coinvolge cellule staminali pluripotenti, poiché l’articolo di Novartis sembra indicare che la distruzione di P53 è necessaria per la modifica di cellule staminali pluripotenti.

 

 

Fonte: Bioedge