L’India mette al bando 59 app cinesi, tra cui TikTok. La Cina sconfina dappertutto con i militari

 

 

L’India ha vietato 59 app cinesi per smartphone, tra cui la popolare app di messaggistica WeChat e l’app di condivisione video TikTok. Il governo indiano afferma che queste app utilizzano i dati illegalmente e raccolgono segretamente informazioni dai telefoni delle persone quando scaricano le app. Lo riporta la BBC.

 

Il governo di Nuova Delhi sostiene che permettere ai suoi cittadini di usare queste app è una minaccia alla sicurezza nazionale dell’India.

 

Il governo di Nuova Delhi sostiene che permettere ai suoi cittadini di usare queste app è una minaccia alla sicurezza nazionale dell’India.

Il divieto è stato annunciato all’inizio di questa settimana e ha seguito scontri al confine tra India e Cina in Himalaya, nella regione della valle di Galwan, nella parte più settentrionale del subcontinente. Renovatio 21 ne aveva scritto immediatamente, conoscendo la fragilità geopolitica dell’area del Ladakh e del Kashmir..

 

Questa non è la prima volta che TikTok è stato accusata di abusare dei dati degli utenti e di trasmetterli al governo cinese. Nell’ottobre 2019, TikTok ha risposto a queste affermazioni dei legislatori degli Stati Uniti dicendo: «Non siamo influenzati da alcun governo straniero, incluso il governo cinese; TikTok non opera in Cina, né abbiamo intenzione di farlo nel futuro».

 

Questa non è la prima volta che TikTok è stato accusata di abusare dei dati degli utenti e di trasmetterli al governo cinese

In Cina esiste una versione alternativa dell’app TikTok chiamata Douyin realizzata dalla stessa azienda: ByteDance. TikTok afferma che i dati archiviati si basano al di fuori della Cina e non sono «soggetti alla legge cinese».

 

Dopo che il divieto è stato annunciato, il capo di TikTok in India, Nikhil Gandhi, ha rilasciato un’altra dichiarazione in cui contestava l’accusa del governo indiano riguardo all’abuso dei dati da partedi TikTok. «TikTok continua a rispettare tutti i requisiti di privacy e sicurezza dei dati ai sensi della legge indiana e non ha condiviso alcuna informazione dei nostri utenti in India con alcun governo straniero, incluso il governo cinese».

 

Le star della piattaforma che hanno sede in India sono state costrette a smettere di usare l’app. Molti creatori di contenuti indiani supportano la decisione dell’India, ma alcuni chiedono all’India di rilasciare app alternative che potrebbero usare.

 

Per decenni, India e Cina si sono spesso scontrate oltre il confine condiviso

Per decenni, India e Cina si sono spesso scontrate oltre il confine condiviso. L’India afferma che le truppe cinesi hanno attraversato il confine con l’India e le immagini satellitari hanno mostrato nuovi edifici nel territorio indiano suggerendo che questo può essere vero.

 

Tuttavia, il governo cinese ha accusato il governo indiano di costruire una strada lungo il confine condiviso chiamato  LAC – «Linea di controllo effettivo». I colloqui a maggio sull’argomento si sono interrotti e il 16 giugno è stato riportato uno scontro tra truppe cinesi e indiane in cui sono morte alcune truppe indiane.

 

La Cina oltre che con l’India è finita in recenti frizioni con i Paesi vicini: Taiwan, Vietnam, Filippine Giappone.

 

La Cina ha intensificato la sua attività militare vicino a Taiwan dopo che il presidente dell’isola autonoma, Tsai Ing-wen, ha vinto la rielezione a gennaio battendo un candidato considerato meno ostile a Pechino.

 

La Cina oltre che con l’India è finita in recenti frizioni con i Paesi vicini: Taiwan, Vietnam, Filippine Giappone.

Una delle due portaerei cinesi ha navigato lungo la costa orientale di Taiwan ad aprile, accompagnata da altre cinque navi da guerra. Gli aerei cinesi hanno ripetutamente volato nello spazio aereo taiwanese nell’ultima settimana, in quelli che gli analisti hanno affermato che erano test delle difese dell’isola.

 

La Cina prevede di svolgere una esercitazione militare ad agosto che simulerà il sequestro delle isole Pratas di Taiwan, un gruppo di atolli conosciuti in Mandarino come le isole Dongsha.

 

La Cina ha inoltre esteso le sue pretese al Mar Cinese Meridionale, creando due nuovi distretti amministrativi per governare le isole che controlla nelle catene Paracel e Spratly e minacciando altri vicini.

 

Una guerra strisciante continua dunque tra scontri di soldati, assalti in mare aperto, sottomarini, caccia, incrociatori, bombardieri – e app per il telefonino.

Ad aprile, la guardia costiera cinese ha speronato e affondato un peschereccio vietnamita. Lo stesso mese, una nave da ricerca del governo cinese ha perseguitato una nave petrolifera nelle acque che la Malesia rivendica come propria, spingendo gli Stati Uniti e l’Australia a inviare quattro navi da guerra per monitorare la situazione.

 

Le Filippine hanno presentato una denuncia diplomatica formale dopo che una nave da guerra cinese ha puntato il suo radar di mira su una nave navale filippina.

 

Nel Mar Cinese Orientale, un sottomarino cinese è stata rilevato la scorsa settimana  per la prima volta dal 2018, quando le navi da guerra giapponesi hanno costretto alla superficie un sottomarino di attacco nucleare. Segue l’ aumento delle tensioni sull’amministrazione giapponese delle Isole Senkaku, che i cinesi chiamano Isole Diaoyu.

 

La Cina anche intensificato le pattuglie nei cieli della regione. Il generale Charles Q. Brown Jr., comandante delle forze aeree del Pacifico che presto prenderà il posto di capo di stato maggiore dell’aeronautica militare, ha detto mercoledì che fino a poco tempo fa la Cina aveva effettuato solo occasionalmente missioni dei suoi bombardieri H-6, ma lo stava facendo ora su base quasi giornaliera

 

Una guerra strisciante continua dunque tra scontri di soldati, assalti in mare aperto, sottomarini, caccia, incrociatori, bombardieri – e app per il telefonino.

 

Tanto per capire l’importanza che riveste oggi l’informatica, e la necessità di cominciare a pensare che la sovranità di un Paese passa anche e soprattutto per la sua sovranità tecnologica.

 

Una lezione da tenere a mente sempre, soprattutto ora che il governo italiano, dove brillano i partiti super-filocinesi, potrebbe spingere per assegnare l’infrastruttura nazionale del 5G ad un colosso delle TLC pechinesi.