L’ibuprofene all’inizio della gravidanza può danneggiare la futura fertilità delle bambine

 

 

 

Le donne che assumono l’ibuprofene da banco all’inizio della gravidanza potrebbero potenzialmente danneggiare irreversibilmente la futura fertilità della loro futura nascituro, secondo un nuovo studio che ha fatto uso di tessuti da feti abortiti.

 

La ricerca pubblicata in Human Reproduction suggerisce che l’assunzione del comune antidolorifico per soli due giorni entro le prime 24 settimane di gravidanza potrebbe esaurire le cellule germinali delle ovaie della figlia non nata, causando un periodo fertile ridotto e, eventualmente, infertilità in età avanzata. Queste cellule si differenziano successivamente in cellule che formano i follicoli in cui le uova vengono sviluppate e rilasciate.

 

La dott.ssa Séverine Mazaud-Guittot dell’Università di Rennes, l’autore principale dello studio, ha dichiarato: «le bambine nascono con un numero finito di follicoli nelle loro ovaie e questo definisce la loro futura capacità riproduttiva come adulte […] una riserva iniziale scarsamente fornita comporterà una riduzione della durata della riproduzione, della menopausa precoce o dell’infertilità – tutti eventi che si verificano decenni più tardi nella vita».

 

L’assunzione del comune antidolorifico per soli due giorni entro le prime 24 settimane di gravidanza potrebbe esaurire le cellule germinali delle ovaie della figlia non nata, causando un periodo fertile ridotto e, eventualmente, infertilità in età avanzata

L’esposizione da due a sette giorni all’ibuprofene ha ridotto drasticamente la riserva di cellule germinali nelle ovaie fetali umane. Dopo questa esposizione, le ovaie non hanno recuperato completamente dal danno, hanno scoperto gli scienziati.

 

«Questo suggerisce che l’esposizione prolungata all’ibuprofene durante la vita fetale può portare a effetti a lungo termine sulla fertilità delle donne e solleva preoccupazioni sul consumo di ibuprofene da parte delle donne durante le prime 24 settimane di gravidanza», ha detto la dottoressa Mazaud-Guittot.

 

Si tratta di uno di quegli studio truculenti in cui sono stati usati brandelli di essere umano non-nato.

Lo studio ha utilizzato campioni di tessuti di 185 feti umani abortiti da 7 a 12 settimane e ha coltivato il tessuto in laboratorio. La metà del gruppo era esposta a ibuprofene e metà del gruppo non lo era, come gruppo di controllo.

Studi precedenti hanno associato l’antidolorifico a un aumentato rischio di malformazioni e aborti fetali.

I ricercatori hanno scoperto che il tessuto esposto a concentrazioni realistiche di ibuprofene, paragonabile a quelli se una madre aveva assunto l’antidolorifico, aveva circa la metà del numero di cellule germinali ovariche.

 

«Abbiamo scoperto che c’erano meno cellule che crescevano e si dividevano, più cellule morivano e una drammatica perdita di numeri di cellule germinali, indipendentemente dall’età gestazionale del feto», ha affermato il dott. Mazaud-Guittot. «Abbiamo visto la morte cellulare già dopo due giorni di trattamento».

 

È attualmente stimato che il 30% delle donne in gravidanza assume ibuprofene entro il periodo di sviluppo fetale di 24 settimane

È attualmente stimato che il 30% delle donne in gravidanza assume ibuprofene entro il periodo di sviluppo fetale di 24 settimane.

 

Fortunatamente, il consiglio sul consumo di ibuprofene durante la gravidanza non ha bisogno di cambiare molto alla luce di questo studio. Il servizio sanitario nazionale britannico, ad esempio, attualmente consiglia alle future mamme di non assumere il farmaco prima della gestazione di 30 settimane.

 

Studi precedenti hanno associato l’antidolorifico a un aumentato rischio di malformazioni e aborti fetali.