Liberi di scegliere quando morire. Non liberi di scegliere quando vaccinare

Che i bambini siano diventati ormai facile strumento e oggetto di una propaganda politica ed economica è dato assodato: in nome delle farmaceutiche, si creano le punizioni sociali di questo secolo: l’emarginazione, la ridicolizzazione e il marchio a fuoco del bambino che merita di essere evitato.

I danni della legge 119/2017 non saranno solo di carattere fisico – cioè con reazioni avverse che si mostreranno via via sempre maggiori, nonostante l’insabbiamento calato ad hoc – ma anche di carattere psico-sociale e quindi psico-somatico. 

Certificato questo dato, che è di carattere generale, vediamo come anche nei singoli casi, fra le mura domestiche, i bambini diventano oggetto di contesa. E cosa c’è di meglio se non l’argomento dei vaccini? 

Padre “no-vax” e mamma “pro-vax”, forse agli sgoccioli di una separazione che troppo tardava ad arrivare. Ed ecco la discussione perfetta, il terreno fertile per attuare già un processo di divorzio ideologico, che precede quello coniugale probabilmente. 

La donna vuole a tutti i costi vaccinare la bambina, e il padre, già definito da tutte le testate di regime come «attivista no-vax», si rifiuta di dare il suo consenso perché convinto che le vaccinazioni di massa non siano fatte per la figlioletta di 13 mesi. 

Ma no vaccinazioni, no asilo. 

«Asl, carabinieri, assistenti sociali, scuola se ne lavano le mani – ha dichiarato la madre disperata – Io non posso firmare il modulo di consenso informato e dichiarare che anche l’altro genitore è d’accordo: sarebbe un falso passibile di denuncia”» 

La contraddizione legislativa pare farsi sempre più evidente, perché obbligo legislativo e consenso informato non vanno molto d’accordo insieme. Che fare, dunque? Niente, poiché il tutto si concluderà con un braccio di ferro giuridico in Tribunale, dove la madre della bambina di appena un anno ha deciso di portare il padre dopo averlo denunziato. 

Tutto sommato fino a qui, visti i tempi, si parla di ordinaria amministrazione. O forse sarebbe meglio dire di ordinaria follia. 

Il bello viene però quando si scopre chi è a dare la  notizia, la classica che vuole fare del caso limite la quotidianità, per alimentare ancor più un fuoco che, nemmeno troppo lentamente, sta divorando la ragione umana insieme ad ogni criterio di normalità e ponderatezza di pensiero. 

La madre della bambina avrebbe inviato una mail di richiesta di aiuto all’Associazione Luca Coscioni, il qual tesoriere è un certo Marco Cappato. 

Sulle colonne de La Stampa l’Associazione radicale riporta stralci della missiva arrivata, lasciando anonimi sia i nomi dei due genitori coinvolti, che la provenienza della richiesta di aiuto. 

La domanda è stata subitamente accolta, e anzi l’assistenza legale sarà data gratuitamente. Non con una semplice posizione neutra per offrire assistenza legale indistintamente, ma con un’idea chiara dell’importanza ineluttabile delle vaccinazioni obbligatorie. 

A dirlo è l’avvocato Filomena Gallo, che fra le altre cose invita tutti i genitori venutisi a ritrovare in queste situazioni a chiedere aiuto a loro. Le motivazioni di questa presa a carico sarebbero, a quanto pare, di natura scientifica oltre che legale: 

«Il problema è reale perché la signora non può far vaccinare la bambina contro la volontà dell’altro genitore, poiché dovrebbe firmare un modulo di consenso informato e dichiarare che anche il papà è d’accordo. In questo caso un falso passibile di denuncia. L’unica soluzione è quella di rivolgersi al Tribunale dei minori, perché entrambi i genitori esercitano la patria potestà, ma in assenza del consenso di uno dei due è il giudice che autorizza. Nell’arco di un mese il magistrato autorizzerà la vaccinazione, perché qui parliamo della salute del bambino e degli altri piccoli, con i quali entra in contatto, ma che non possono immunizzarsi per motivi di salute. Quindi si esce dalla sfera dei diritti personali e si entra in quella dei diritti di terzi». 

“Dove sono i diritti tanto sbandierati dai radicali? Dov’è la libertà di scegliere indistintamente senza avere leggi che obblighino ad un dato trattamento sanitario? Dove sta la libertà di cura, la libertà di decidere quando, come e dove morire? Possibile che solo con i vaccini il giochino ignobile smetta di funzionare?”

 

Curioso. Veramente molto curioso che un’Associazione nata per difendere le idee radicali, dall’aborto all’eutansia, passando per la fecondazione in vitro, si prenda a cuore la salute dei terzi. Oltre alla voragine scientifica rispetto alla cosiddetta herd immunity a cui l’avvocato Gallo si riferisce palesemente, vi è una leggera marcata contraddizione di fondo: l’impostazione è insomma viziata fin dalla radice. 

Dove sono i diritti tanto sbandierati dai radicali? Dov’è la libertà di scegliere indistintamente senza avere leggi che obblighino ad un dato trattamento sanitario? Dove sta la libertà di cura, la libertà di decidere quando, come e dove morire? Possibile che solo con i vaccini il giochino ignobile smetta di funzionare? Permettete dunque che sia lecito e doveroso qualche dubbio. Se anche i radicali si piegano all’obbligo delle vaccinazioni di massa, allora il pesce puzza ampiamente dalla testa. D’altronde, quando i bambini danneggiati gravemente da vaccino saranno troppi e daranno fastidio, vi è già chi saprà cosa farne.   

Quanto all’uscita «dalla sfera dei diritti personali» per entrare in quella dei «diritti dei terzi», sarebbe interessante se la suddetta Associazione ci spiegasse dove sta il confine fra le due cose: dove sono i diritti di tutti i bambini ammazzati dentro il ventre delle madri? Dove sono i diritti di quei bambini che in Belgio possono essere ammazzati perché considerati «terminali”»e quindi indegni di vivere, costringendoli, fra una dose di morfina e l’altra e in un età che non contempla un chiaro uso della ragione, a dire «sì, voglio morire». Dove stanno i diritti di tutti quei «terzi» embrioni prodotti in vitro che vengono scartati e gettati via come spazzatura, e quegli altri che giacciono appesi fra la vita e la morte in un congelatore? Nel 2015, in Italia, per far nascere 7.695 bambini sono stati utilizzati 78.874 embrioni.  

Guarda caso: a quei restanti 71.179 nessuno restituirà più nessun diritto.