Le madri che allattano dovrebbero evitare la marijuana, dicono i pediatri

 

 

Dovrebbe essere puro buonsenso, tuttavia, in epoca di legalizzazione, il New York Times si pone la domanda, e si dà delle solide risposte.

 

Negli USA la marijuana è più ampiamente disponibile che mai, ma cosa fa ai bambini?

 

Non c’è ancora una risposta, ma le madri che allattano sono state avvertite di evitarla: le tracce del farmaco possono comparire nel latte materno, secondo l’American Academy of Pediatrics.

 

Il tetraidrocannabinolo, o THC, l’ingrediente psicoattivo della marijuana che aumenta le persone, può essere rilevato nel latte materno fino a sei giorni dopo l’uso del farmaco, secondo uno studio pubblicato lunedì dalla rivista Pediatrics .

Tracce chimiche di marijuana sono state trovate nel latte materno fino a sei giorni dopo l’uso, sollevando domande sugli effetti del vaso sui bambini

 

Lo studio ha rilevato che il tetraidrocannabinolo era rilevabile nel 63% di 54 campioni di latte materno da donne che affermavano di aver usato marijuana prima di pompare.

 

In risposta alle prove sui bambini  esposti alla marijuana, l’AAP raccomanda alle donne di evitare del tutto la droga durante la gravidanza o l’allattamento.

L’American Academy of Pediatrics raccomanda alle donne di evitare del tutto la droga durante la gravidanza o l’allattamento.

 

La ricerca sui potenziali effetti della marijuana è diventata particolarmente rilevante in quanto un maggior numero di stati americani si è mosso verso la legalizzazione e le donne incinte hanno assunto il farmaco in numero crescente. L’uso ricreativo è legale in otto stati e Washington , e 30 stati consentono una qualche forma di uso medico. New York ha recentemente compiuto un passo verso il permettere la marijuana ricreativa.

 

La legalizzazione ha guadagnato slancio in paesi come il Canada e la Gran Bretagna, mentre attira grandi dollari dagli investitori che cercano di trarre vantaggio dalla crescita del settore. La casa madre della birra Corona ha recentemente investito 4 miliardi di dollari in un produttore di cannabis.

La casa madre della birra Corona ha recentemente investito  4 miliardi di dollari in un produttore di cannabis

 

Ma l’AAP ha avvertito che, nonostante l’allentamento delle restrizioni, non è necessariamente sicuro per il bambino.

 

«Il fatto che la marijuana sia legale in molti stati può dare l’impressione che la droga sia innocua durante la gravidanza, specialmente con le storie che turbinano sui social media per usarlo per la nausea con la nausea mattutina», dice Sheryl A. Ryan, presidente della commissione AAP sull’uso e la prevenzione delle sostanze, «ma in realtà, questa è ancora una grande domanda».

 

Ricerche preliminari hanno suggerito che il THC può attraversare la placenta e raggiungere il feto, potenzialmente danneggiando lo sviluppo del cervello, la cognizione e il peso alla nascita. Ma gli studi sugli effetti della marijuana sulla gravidanza e l’allattamento sono relativamente rari.

Ricerche preliminari hanno suggerito che il THC può attraversare la placenta e raggiungere il feto, potenzialmente danneggiando lo sviluppo del cervello, la cognizione e il peso alla nascita

 

Lo studio AAP, che ha testato il latte materno piuttosto che i bambini stessi, non fornisce evidenza di come o se i bambini ne sono affetti. Ha anche osservato che la quantità ingerita dai neonati potrebbe variare in modo significativo.

 

Il lavoro sull’argomento è tanto più importante ora che il piatto è diventato più potente, dice Christina D. Chambers, professore di pediatria all’Università della California, a San Diego, e uno degli autori dello studio. «Avevamo bisogno dell’attuale uso dei prodotti attualmente disponibili per capire davvero i livelli di esposizione e per esaminare i risultati rilevanti per oggi».

«Questo crea un dilemma per i pediatri che vogliono che i loro pazienti siano allattati al seno e temono che alcune madri, se gli viene detto di non usare la cannabis, non possano allattare al seno»

 

Sono necessarie ulteriori ricerche per consentire ai medici di fornire consigli basati su prove, ha aggiunto il dott. Chambers. «Questo crea un dilemma per i pediatri che vogliono che i loro pazienti siano allattati al seno e temono che alcune madri, se gli viene detto di non usare la cannabis, non possano allattare al seno».