Le donne congelano gli ovuli in attesa di un partner, non per la carriera

 

 

 

 

La promiscuità sessuale, l’instabilità dei rapporti porta direttamente all’uso di tecnologie di riproduzione umana come la provetta e il congelamento di ovociti ed embrioni.

 

Le donne hanno maggiori probabilità di congelare i loro ovociti a causa della mancanza di un partner stabile, piuttosto che per la pianificazione della carriera, secondo un nuovo studio.

 

Lo studio, condotto dalla professoressa Marcia Inhorn , antropologa presso la Yale University di Newhaven, nel Connecticut, è il più grande studio qualitativo sui ragionamenti alla base del congelamento elettivo o «sociale» degli ovociti realizzato fino ad oggi. Circa 150 pazienti sottoposte a congelamento degli ovuli senza motivo medico sono stati intervistati da quattro cliniche per la fertilità negli Stati Uniti e tre cliniche in Israele.

La promiscuità sessuale, l’instabilità dei rapporti porta direttamente all’uso di tecnologie di riproduzione umana come la provetta e il congelamento di ovociti ed embrioni.

 

«La letteratura medica e la copertura mediatica della crioconservazione degli ovociti di solito suggeriscono che il congelamento elettivo degli ovuli viene usato per rinviare o ritardare la gravidanza tra le donne che perseguono l’istruzione e la carriera», ha spiegato il professor Inhorn. «Il nostro studio, tuttavia, suggerisce che la mancanza di un partner stabile sia la motivazione principale».

 

I risultati sono stati presentati alla riunione annuale della Società europea per la riproduzione umana e l’embriologia (ESHRE) a Barcellona, ​​in Spagna, la scorsa settimana.

 

La popolarità del congelamento sociale degli ovuli è aumentata a un ritmo eccezionale con circa 5000 cicli di congelamento che si sono verificati negli Stati Uniti nel 2013 e 76.000 cicli previsti nel 2018. Il numero di cicli è di circa 1000 all’anno nel Regno Unito.

 

Lo studio ha trovato dieci ragioni per cui le pazienti si erano sottoposte a trattamento di fertilità. La maggior parte delle pazienti (85%) erano donne single e le loro motivazioni includevano: nessun partner attuale, divorzio o una recente rottura dalla relazione, scelta di essere una madre single, lavoro all’estero e pianificazione della carriera. Tuttavia, la pianificazione della carriera era la ragione meno comune per il congelamento elettivo degli ovuli.

Le donne hanno maggiori probabilità di congelare i loro ovociti a causa della mancanza di un partner stabile, piuttosto che per la pianificazione della carriera, secondo un nuovo studio.

 

 

Per quelle con partner (15%), le ragioni erano: non essere ancora pronte per i bambini, stare con un uomo che non voleva figli o che non era ancora pronto per avere figli, o che aveva più partner.

 

«La maggior parte delle donne aveva già perseguito e completato i loro obiettivi educativi e di carriera – dice il professor Inhorn – e verso la fine dei 30 anni non erano riuscite a trovare una relazione riproduttiva duratura con un partner stabile».

 

Ulteriori ricerche condotte presso l’Università di Copenaghen in Danimarca hanno scoperto che gli uomini che danno la priorità ad una carriera di successo rispetto al considerare di avere bambini nelle loro priorità. Anche questo studio è stato presentato a ESHRE.

Tra i pionieri della crioconservazione degli ovuli vi è la dottoressa Elonora Porcu,, che ha lavorato con l’allora minstro Beatrice Lorenzin al cosiddetto Fertility Day (che era, in pratica, una grande festa della provetta)

 

«Penso che abbiamo ancora nella società in generale un malinteso sul fatto che le donne congelino i propri ovuli per motivi futili perché preferirebbero fare carriera e acquistare borse Gucci e fare un sacco di soldi lavorando nelle banche piuttosto che intraprendere la genitorialità», dice il  dott. Virginia Bolton , della British Fertility Society.

 

Il dott. Virginia Bolton , della British Fertility Society, sostiene: «la gente dice: ” Se non incontrano la persona giusta in tempo possono usare solo ovuli di donatore”, ma per la stessa ragione gli uomini non vogliono che i loro partner usino lo sperma di donatore, le donne non vogliono usa ovociti del donatore. Preferirebbero usare i loro».

 

Gli esiti clinici del congelamento degli ovuli rimangono poco chiari, poiché non sono stati effettuati molti trattamenti di fertilità con l’uso di ovociti scongelati.

 

Tra i pionieri di questa tecnica vi è la dottoressa Elonora Porcu, esperta di infertilità (cioè, tecnica della riproduzione artificiale) la prima al mondo a produrre una bambina da ovulo congelato. La Porcu, che ha lavorato con l’allora minstro Beatrice Lorenzin al cosiddetto Fertility Day (che era, in pratica, una grande festa della provetta), nel 2016 ha prodotto un’altra bambina con un ovulo congelato nell’azoto liquido per 13 anni.

 

La barbarie di questa pratica, dovuta all’instabilità psicologica e affettiva della nostra società corrosa dalla rivoluzione sessuale, è autoevidente. Non è poi chiaro lo stato di salute – e soprattutto, la possibilità di sopravvivenza – di un embrione nato da ovociti congelati.