La TV giapponese si chiede se il Coronavirus venga dagli USA

 

 

Nelle settimane in cui il Coronavirus infuria dentro e fuori dall’Asia, nei media orientali cominciano a circolare storie particolari.

 

Un servizio televisivo giapponese ha riferito che alcuni dei 14.000 americani che sono morti per influenza potrebbero in effetti essere morti per Coronavirus.

 

La TV giapponese ha riferito che alcuni dei 14.000 americani che sono morti per influenza potrebbero in effetti essere morti per Coronavirus.

‌La storia è diventata immediatamente virale sui social media cinesi, con la speculazione che il Coronavirus potrebbe essere nato negli Stati Uniti. Era già ampiamente discussa la possibilità che il virus potrebbe essere stato rilasciato al momento dei Giochi del mondo militare lo scorso ottobre, quando 300 militari USA stazionarono a Wuhan per partecipare alle gare sportive.

 

‌ Il corrispondente da Shanghai del sito Global Research Larry Romanov indica un  articolo di un professore dell’Università di Fudan che dichiara:

 

Il professore cinese sostiene inoltre che virologi di tutto il mondo stanno lavorando per rintracciare l’origine del virus, «comprese le agenzie di intelligence».

Un professore cinese sostiene che virologi di tutto il mondo stanno lavorando per rintracciare l’origine del virus, «comprese le agenzie di intelligence».

 

Romanoff sostiene che secondo la stampa cinese il governo cinese non abbia chiuso la porta all’idea del virus come arma di una guerra segreta.

 

«I cittadini sono incoraggiati a partecipare attivamente alle discussioni, ma preferibilmente in modo razionale».

 

In pratica i media statali cinesi non hanno confermato né smentito. Di solito, quando devono smentiscono categoricamente.