La polizia genetica è realtà

 

 

La polizia dovrebbe essere in grado di indagare sul tuo albero genealogico genetico per qualsiasi crimine, per quanto piccolo?

 

Se lo chiede un recente articolo del New York Times, che sta pubblicando un’importante serie di contributi sul tema della privacy nell’era di Internet – e della genomica di consumo. I test di DNA sono infatti molto popolari negli USA, dove con pochi dollari è possibile ottenere un sequenziamento del proprio DNA. Assieme a MyHeritage, uno dei servizi più noti – tra i primi ad abbassare il prezzo sino a rendere il sequenziamento genetico alla portata della popolazione mass-market – è 23andMe. Fondata e guidata dall’ex moglie di Sergey Brin, il fondatore di Google (che ha investito in 23andMe), 23andMe ha venduto qualche tempo fa un’importante quota alla GlaxoSmithKline per 300 milioni di dollari.

 

«Le nostre identità genetiche e digitali sollevano questioni simili di autonomia, libertà civili e intrusioni da parte di entità pubbliche e private»

Il giornale americano racconta di un’irruzione in una chiesa lo scorso novembre a Centerville nello Stato dello Utah. Qualcuno attaccò l’organista che stava lì praticando lo strumento. A marzo, dopo un’indagine convenzionale senza risultati, un detective della polizia si rivolse a dei consulenti legali. Usando il sito web pubblicamente accessibile GEDmatch, i consulenti hanno trovato un probabile parente genetico distante del sospettato, il cui campione di sangue era stato trovato vicino alla finestra rotta della chiesa.

 

Qualcuno legato geneticamente alla persona trovata su GEDmatch viveva davvero a Centerville: uno studente di 17 anni della scuola superiore. Avvisato dalla polizia, un ufficiale delle risorse scolastiche osservò lo studente durante il pranzo nella mensa della scuola e raccolse il cartone del latte e la scatola del succo che aveva gettato nella spazzatura. Il DNA nella spazzatura fornì una corrispondenza per le prove della scena del crimine.

 

«Mentre potrebbe esserci un ampio sostegno pubblico per una tecnica che ha risolto gli omicidi seriali, solo perché la tecnologia consente un nuovo tipo di indagine non significa che il governo dovrebbe essere autorizzato a usarlo in tutti i casi»

Questa sembra essere la prima volta che questa tecnica è stata utilizzata per un’indagine di aggressione.

 

La tecnica è conosciuta come genealogia genetica. Non si tratta semplicemente di trovare una corrispondenza genetica identica tra qualcuno in un database e le prove di una scena del crimine. Invece, un profilo di DNA può offrire un indizio iniziale – ad esempio che un lontano cugino è collegato a un sospetto – e quindi un esame di registri di nascita, alberi genealogici e clip di giornali può identificare un piccolo numero di persone per ulteriori indagini.

 

Anche l’identificazione di Joseph DeAngelo nel caso del Golden Killer si è basata sulla genealogia genetica. È stato accusato di 26 capi di omicidio e rapimento dopo che un genealogista ha aiutato gli investigatori in California a identificare un terzo cugino di Mr. DeAngelo attraverso GEDmatch ed altri documenti genealogici.

 

«Mentre potrebbe esserci un ampio sostegno pubblico per una tecnica che ha risolto gli omicidi seriali, solo perché la tecnologia consente un nuovo tipo di indagine non significa che il governo dovrebbe essere autorizzato a usarlo in tutti i casi» scrive Elizabeth Joh, professore di diritto penale e procedura, diritto costituzionale e polizia presso l’Università della California, Davis.

Gli americani hanno già creato milioni di profili genetici. Uno studio del 2018 pubblicato su Science ha predetto che il 90% degli americani di origine europea sarà identificabile dal loro DNA entro un anno o due, anche se non hanno usato un servizio di sequenziamento DNA.

 

La genealogia genetica richiede molti campioni di DNA e un modo semplice per confrontarli. Gli americani hanno già creato milioni di profili genetici. Uno studio del 2018 pubblicato su Science ha predetto che il 90% degli americani di origine europea sarà identificabile dal loro DNA entro un anno o due, anche se non hanno usato un servizio di sequenziamento DNA.

 

Per quanto riguarda la facilità di accesso, il sito Web di GEDmatch offre esattamente questa opportunità. I consumatori possono acquisire profili generati da altri servizi di test genetici commerciali, caricarli gratuitamente e confrontarli con altri profili. Quindi può farlo anche la polizia.

 

«Dovremmo essere contenti ogni volta che un caso freddo che coinvolge crimini gravi come stupro o omicidio può essere risolto. Ma l’uso della genealogia genetica nel caso di assalto di Centerville solleva con nuove urgenze domande fondamentali su questa tecnica» continua la professoressa Joh.

«Non vi è alcun limite al ribasso su quali crimini la polizia potrebbe indagare attraverso la genealogia genetica»

 

«Primo, non vi è alcun limite al ribasso su quali crimini la polizia potrebbe indagare attraverso la genealogia genetica». Se la polizia si è sentita libera di usarla in un caso di aggressione, perché non per un furto, violazione di domicilio o per lo sporcare il suolo pubblico?

 

«Il tuo DNA è anche condiviso in parte con i tuoi parenti. Quando acconsenti all’identità genetica, esponi anche i tuoi fratelli, i genitori, i cugini, i parenti che non hai mai incontrato e persino le generazioni future della tua famiglia»

«In secondo luogo, c’è il problema del consenso informato. Potresti decidere che la polizia debba usare il tuo profilo DNA senza qualifica e potrebbe anche pubblicare le tue informazioni online a tale scopo. Ma il tuo DNA è anche condiviso in parte con i tuoi parenti. Quando acconsenti all’identità genetica, esponi anche i tuoi fratelli, i genitori, i cugini, i parenti che non hai mai incontrato e persino le generazioni future della tua famiglia». Il legittimo consenso all’utilizzo da parte del governo di un intero albero genealogico dovrebbe coinvolgere più di una singola persona facendo clic su “Sì” ai termini e alle condizioni di un sito web.

 

«In terzo luogo, c’è la domanda sul perché i limiti della privacy genetica degli americani vengono modellati da entità private». La polizia di Centerville ha utilizzato GEDmatch perché i proprietari del sito hanno concesso un’eccezione alle proprie regole, che avevano permesso l’accesso alle forze dell’ordine solo per le indagini sugli omicidi e le aggressioni sessuali.

 

Dopo le lamentele degli utenti, GEDmatch ha ampliato l’elenco dei crimini che la polizia potrebbe indagare sul suo sito per includere l’aggressione. Ha inoltre modificato le opzioni predefinite per gli utenti in modo che la polizia non possa accedere ai loro profili a meno che gli utenti non optino. Ma se il tuo parente decide di farlo, non c’è modo per te di rinunciare di quella particolare decisione. E cosa deve impedire a GEDmatch di cambiare di nuovo le sue politiche?

Perché i limiti della privacy genetica degli americani vengono modellati da entità private?

 

Tutti questi problemi indicano un problema: l’uso della genealogia genetica da parte della polizia è praticamente non regolamentato. Le forze dell’ordine e i siti web di genealogia genetica cooperativa operano in un mondo con pochi limiti. Non ci sono solo poche regole su quali reati indagare, ma anche rimedi poco chiari in caso di errori, scoperta di informazioni imbarazzanti o intrusive o uso improprio delle informazioni.

 

«Queste preoccupazioni sono simili a quelle di altre tecnologie con altri problemi di privacy che stiamo affrontando. Le nostre identità genetiche e digitali sollevano questioni simili di autonomia, libertà civili e intrusioni da parte di entità pubbliche e private».

«Se alla polizia viene dato un accesso illimitato alle informazioni genetiche dell’intero albero genealogico, dovrebbero averlo alla fine di un dibattito pubblico, non di default».

 

Senza limiti legali, la genealogia genetica diventerà lo strumento più popolare per la polizia. Anziché aspettare che i tribunali affrontino questioni difficili e nuove sulla sorveglianza genetica e sulla privacy, le legislature statali e i ministri della giustizia dovrebbero intervenire e articolare le linee guida su quanto dovrebbero spingersi le loro forze dell’ordine. Il Congresso USA e la Federal Trade Commission  dovrebbero adottare ulteriori misure per proteggere la privacy e la sicurezza dei dati genetici dei consumatori.

 

«Se alla polizia viene dato un accesso illimitato alle informazioni genetiche dell’intero albero genealogico, dovrebbero averlo alla fine di un dibattito pubblico, non di default».

 

Alcune domande, a questo punto, andrebbero poste anche sugli esami genetici richiesti ai neonati in Italia a poche ore dalla nascita, nonché sulle donazioni di sangue in generale.

 

Alcune domande, a questo punto, andrebbero poste anche sugli esami genetici richiesti ai neonati in Italia a poche ore dalla nascita, nonché sulle donazioni di sangue in generale.

Di certo c’è che il Far West regolatorio che investe la genetica anche in questo campo sta preparando l’avvento di un vero totalitarismo genomico. Tecnologia e volontà da parte dello Stato già convergono verso un controllo dell’individuo a partire dal codice iscritto in ogni sua cellula.

 

La distopia genetica del film Gattacca, una pellicola di neppure venti anni fa, oggi pare davvero risibile. Già stiamo vivendo le prime ore dell’era della polizia genetica. Il peggio – con le discriminazioni e finanche soppressioni dei «non-adatti» e l’uso massivo e finanche obbligatorio dell’ingegneria genetica per la produzione di bambini – è anche già presente. Deve essere solo meglio distribuito…

 

La Civiltà, senza rendersene conto, si può trovare dinanzi al suo collasso biologico…