La polizia australiana sfonda la porta e arresta un uomo per aver promosso proteste anti-lockdown

 

 

 

La polizia dello Stato di Victoria, in Australia, ha sfondato la porta della casa di un uomo e lo ha arrestato per presunta promozione online di eventi anti-lockdow.

 

James Bartolo, ex soldato dell’esercito australiano, ha filmato la polizia che arrivava a casa sua a Melbourne, sfondando la sua porta con un ariete e arrestandolo la mattina del 3 settembre.

James Bartolo, ex soldato dell’esercito australiano, ha filmato la polizia che arrivava a casa sua a Melbourne, sfondando la sua porta con un ariete e arrestandolo la mattina del 3 settembre

 

Come Zoe Buhlerla madre incinta arrestata a casa dagli agenti di polizia del Victoria all’inizio di questa settimana, Bartolo è stato arrestato per «incitamento» dopo aver pubblicizzato una protesta anti-lockdown per il prossimo fine settimana.

 

Un comunicato della polizia ha detto che l’arresto è avvenuto «a seguito di un’indagine in corso sull’organizzazione e l’incoraggiamento alle attività di protesta nel CBD questo sabato», riporta Lifesitenews.

 

Una portavoce ha detto che la polizia ha sequestrato diversi dispositivi tra cui telefono cellulare e laptop, oltre a cinque spade da samurai, dalla casa di Bartolo.

 

 

«Un uomo di 27 anni che è stato arrestato all’indirizzo è stato accusato di istigazione, possesso di armi proibite e due accuse di resistenza alla polizia», ​​ha dichiarto  la portavoce della polizia.

 

L’arresto è avvenuto «a seguito di un’indagine in corso sull’organizzazione e l’incoraggiamento alle attività di protesta nel CBD questo sabato»

Bartolo, che gestisce il sito Web Conscious Truth Network e il canale YouTube , pubblica regolarmente su Facebook critiche al regime di blocco draconiano dello Stato del Victoria.

 

Bartolo dovrebbe comparire in tribinale il 5 maggio 2021 e, come la Buhler, rischia una multa di 20.000 dollari australiani, circa 12.000 euro.

 

Da quando è stato rilasciato dalla custodia della polizia, l’attivista ha pubblicato online dicendo che la protesta anti-lockdown prevista per domani a Melbourne è un «no-go» e che sta dicendo alla gente di non partecipare perché è «preoccupato per la sicurezza di uomini e donne corragiosi che hanno intenzione di andare».

 

Bartolo ha detto che i suoi ordini di cauzione gli imporrebbero di non parlare pubblicamente di nulla relativo al coronavirus o alle proteste.

 

«I miei ordini di cauzione dicono che non posso parlare di nulla relativo al coronavirus o alle proteste»

«La polizia non mi obbliga a dire nulla. Anche se i miei ordini di cauzione dicono che non posso parlare di nulla relativo al coronavirus o alle proteste», ha scritto in un post su Facebook oggi.

 

 

 

Immagine screenshot dal video Youtube