La pandemia dimostra come il patriarcato «danneggia tutti», dice il segretario ONU

 

 

 

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che la crisi del coronavirus ha evidenziato un sistema di «patriarcato» in atto e una «cultura dominata dagli uomini che danneggia tutti».

 

«La pandemia sta solo dimostrando ciò che tutti sappiamo: che millenni di patriarcato hanno portato a un mondo dominato dagli uomini con una cultura dominata dagli uomini che danneggia tutti: donne, uomini, ragazze e ragazzi», ha detto Guterres in un incontro del 31 agosto con le giovani donne delle organizzazioni della società civile. 

 

«La pandemia sta solo dimostrando ciò che tutti sappiamo: che millenni di patriarcato hanno portato a un mondo dominato dagli uomini con una cultura dominata dagli uomini che danneggia tutti: donne, uomini, ragazze e ragazzi»

Guterres ha quindi denunciato i «salari e le condizioni» delle donne impiegate nel settore sanitario, la percentuale di donne in «ruoli decisionali» nel settore sanitario e che «i dispositivi di protezione individuale sono spesso realizzati per adattarsi a un uomo standard», afferma significa che «le donne che si occupano di lavoro possono essere a maggior rischio di infezione», riporta Lifesitenews.

 

Il suo discorso includeva anche un invito a non consentire alla crisi del coronavirus di influire sull’accesso delle donne ai «servizi di salute sessuale e riproduttiva», un noto eufemismo spesso utilizzato nei documenti delle Nazioni Unite per riferirsi alla contraccezione e all’aborto.

 

«È semplicemente controproducente, ad esempio, togliere la priorità ai i servizi di salute materna e riproduttiva», ha detto.

 

Il suo discorso includeva anche un invito a non consentire alla crisi del coronavirus di influire sull’accesso delle donne ai «servizi di salute sessuale e riproduttiva», un noto eufemismo spesso utilizzato nei documenti delle Nazioni Unite per riferirsi alla contraccezione e all’aborto

«Tutte le donne hanno diritto a servizi per la salute sessuale e riproduttiva di qualità e a prezzi accessibili. I governi hanno la responsabilità di assicurarsi che le donne e le ragazze possano accedere a questi servizi, anche durante una crisi».

 

Senza alcuna traccia di ironia, Guterres ha detto pochi istanti dopo nel suo discorso che «dobbiamo cogliere l’opportunità di un ripristino economico per garantire i diritti alla vita, alla dignità e alla sicurezza per tutti»

 

Guterres ha affermato che la «roadmap» delle Nazioni Unite per «ricostruire società più eque, inclusive e resilienti» è l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

 

Tale agenda richiede «l’accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva» e l’ulteriore imposizione di «programmi globali di educazione sessuale» in tutto il mondo.

 

Tale agenda, condivisa anche da Papa Francesco, richiede «l’accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva» e l’ulteriore imposizione di «programmi globali di educazione sessuale» in tutto il mondo.

Papa Francesco ha detto nel suo discorso del settembre 2015 all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che «l’adozione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile al Vertice mondiale, che si apre oggi, è un importante segno di speranza».

 

 

 

 

Immagine di IAEA Imagebank via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)