La minaccia crescente dei batteri antibiotico-resistenti

 

 

 

«Batteri da incubo» con insolita resistenza agli antibiotici  sono stati trovati più di 200 volte negli Stati Uniti l’anno scorso in una inedita «caccia» attuata ad inizio anno per vedere quanto minacciosi questi casi rari stanno diventando.

 

Questo è più di quanto si aspettassero di trovare, e il numero reale è probabilmente più alto perché lo sforzo ha coinvolto solo alcuni laboratori in ogni stato, hanno detto i funzionari dell salute.

 

Il problema colpisce soprattutto le persone negli ospedali e nelle case di cura che hanno bisogno di flebo e altri tubi che possono essere infettati. In molti casi, altri in stretto contatto con questi pazienti ospitavano anche i superbatteri anche se non erano malati – un rischio di ulteriore diffusione.

Nei primi nove mesi dell’anno sono stati testati più di 5.770 campioni per questi «batteri da incubo»

 

Alcuni dei malati avevano viaggiato per un intervento chirurgico o altro tipo di assistenza sanitaria in un altro paese in cui i germi resistenti ai farmaci sono più comuni e le infezioni superbatteriche sono state scoperte dopo il loro ritorno negli Stati Uniti.

 

«Essenzialmente, abbiamo trovato batteri da incubo nel nostro cortile», ha detto la Dott.ssa Anne Schuchat, vice direttore principale dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

 

“Questi portano ad infezioni non trattabili” dove l’unica opzione può essere l’assistenza di supporto – fluidi e talvolta macchine per mantenere la vita per dare al paziente la possibilità di recuperare.

 

La situazione è stata descritta in un rapporto CDC.

Circa 2 milioni di americani prendono ogni anno infezioni da batteri resistenti agli antibiotici e 23.000 muoiono

 

Batteri e farmaci sono in una battaglia costante, mentre i germi si evolvono per resistere ai vecchi e ai vecchi antibiotici. Circa 2 milioni di americani prendono ogni anno infezioni da batteri resistenti agli antibiotici e 23.000 muoiono.

 

La preoccupazione è cresciuta a causa dell’aumento dei batteri resistenti a tutti o alla maggior parte degli antibiotici. L’anno scorso, i laboratori di sanità pubblica di tutto il paese sono stati invitati a prestare attenzione e a rispondere rapidamente ai casi di resistenza agli antibiotici avanzata, in particolare ad alcuni antibiotici di ultima istanza denominati carbapenemi.

 

Nei primi nove mesi dell’anno sono stati testati più di 5.770 campioni per questi «batteri da incubo», come li chiama CDC, e un quarto è stato trovato con geni che li rendono difficili da trattare e facili da condividere. Di questi, 221 avevano geni insoliti che conferivano resistenza. I casi sono sparsi in 27 stati degli USA.

«Anche nelle zone remote» questa minaccia è reale, perché i pazienti spesso si trasferiscono da e verso altri luoghi di cura, dice il dottor Jay Butler, capo ufficiale medico dello stato dell’Alaska e ex presidente dell’Associazione dei funzionari statali e della sanità territoriale.

 

Altre persone a stretto contatto con il paziente infetto sono state testate e l’11% ha scoperto di avere gli stessi superbatteri anche se non erano malati. Questo dà ai batteri più possibilità di diffondersi.