La Fondazione Soros raddoppia il finanziamento alle «organizzazioni di giustizia guidate dai neri»

 

 

 

In un’intervista con il New York Times, il presidente delle  Open Society Foundations Patrick Gaspard ha annunciato che l’organizzazione, guidata dal miliardario George Soros, intende «raddoppiare» il finanziamento di «organizzazioni per la giustizia a guida nera».

 

L’intervista è stata accompagnata da un comunicato stampa della Open Society in cui si afferma che «La maggior parte di questo sostegno – 150 milioni di dollari – sarà attraverso una serie di sovvenzioni quinquennali a organizzazioni giudiziarie a guida nera che hanno contribuito a creare e ora sostenere lo slancio verso l’uguaglianza razziale».

Il presidente delle  Open Society Foundations Patrick Gaspard ha annunciato che l’organizzazione, guidata dal miliardario George Soros, intende «raddoppiare» il finanziamento di «organizzazioni per la giustizia a guida nera»

 

«La risposta della Open Society  riflette la nostra convinzione che i progressi reali richiedono un sostegno duraturo per molti anni e che i leader responsabili delle comunità colpite modellano la strada da percorrere».

 

Altri 70 milioni di dollari saranno destinati a «sforzi più immediati per far avanzare la giustizia razziale», che includono gli sforzi per «reimmaginare» la polizia.

 

Gaspard ha osservato che la recente rivolta negli Stati Uniti e in tutto il mondo è «il momento in cui abbiamo investito negli ultimi 25 anni».

 

«La maggior parte di questo sostegno – 150 milioni di dollari – sarà attraverso una serie di sovvenzioni quinquennali a organizzazioni giudiziarie a guida nera che hanno contribuito a creare e ora sostenere lo slancio verso l’uguaglianza razziale»

«C’è questo appello alla giustizia nelle comunità nere e marroni, un’esplosione non solo di simpatia ma di solidarietà su tutta la linea», ha affermato, aggiungendo che «è tempo di raddoppiare».

 

«E abbiamo capito che possiamo scommettere su questi attivisti – in bianco e nero – che vedono questo come un momento non solo di incrementalismo, ma di riforma su vasta scala», ha affermato il presidente della Fondazione Patrick Gaspard.

 

Gaspard ha fatto direttamente riferimento al movimento Black Lives Matter, sostenendo che «abbiamo bisogno di sostenere questi momenti . Se stiamo per dire “Le vite dei neri contano”, dobbiamo dire “Le organizzazioni e le strutture dei neri contano”».

 

È «il momento in cui abbiamo investito negli ultimi 25 anni»

Come ricorda Summit News, l’audace ammissione della Open Society solleverà qualche sopracciglio dato che solo poche settimane fa chiunque suggerisse che le basi di Soros fornissero assistenza finanziaria agli agitatori BLM era  etichettato come un «teorico della cospirazione». Lo stesso Soros ha negato che la sua organizzazione fornisse finanziamenti per le proteste in caso di violenza (vedi articolo di Renovatio 21 «Soros e le rivolte USA, “non sono stato io”».

 

Renovatio 21 ha inoltre pubblicato un esauriente articolo di William F. Engdahl sulle rivolte americane come Rivoluzione Colorata, con molti dati importanti sulle fonte di finanziamento delle sigle dietro al caos e alla guerriglia.

 

Come abbiamo notato, le rivolte pseudo-razziali americane, sempre più violente, partono da presupposti patologici, per esempio l’assenza della figura paterna nella vita di tanti ragazzi.

Solo poche settimane fa chiunque suggerisse che le basi di Soros fornissero assistenza finanziaria agli agitatori BLM era  etichettato come un «teorico della cospirazione»

 

Attivisti di Black Lives Matter hanno ucciso a pistolettate una madre ventenne, Jessica Doty Whitaker, per aver detto durante un alterco che «all lives matter» («tutte le vite contano»).

 

Non paghi della tragedia, ora  i sostenitori di Black Lives Matter hanno inondato la pagina Facebook della povera Whitaker per giustificare e celebrare la sua brutale uccisione.

 

 

 

Immagine di World Forum Davos via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)