La crescente crisi dell’agricoltura in Cina

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Negli ultimi mesi la Repubblica popolare cinese ha subito uno dopo l’altro shock devastanti per il suo settore agricolo. Un’epidemia mortale di peste suina africana che ha dimezzato le enormi mandrie di suini cinesi nel 2019, è stata seguita dalla piaga di un’infestazione di bruchi legionari d’autunno (FAW) che ha raggiunto la Cina nel dicembre 2018 e ora minaccia la cintura di mais cinese. Ora la peggiore inondazione degli ultimi 60 anni sta spazzando via il riso e altri raccolti nella Cina centrale lungo lo Yangtze e altri fiumi. La sicurezza alimentare è una delle sei priorità nazionali per la sicurezza nazionale. Il presidente Xi Jinping ha appena lanciato un appello ai cittadini a non sprecare cibo pena l’affrontare sanzioni, segno che la profondità della minaccia alla sicurezza alimentare è molto peggiore di quanto si pensi.

 

Il presidente Xi Jinping ha appena lanciato un appello ai cittadini a non sprecare cibo pena l’affrontare sanzioni, segno che la profondità della minaccia alla sicurezza alimentare è molto peggiore di quanto si pensi

 

Mentre uno qualsiasi dei numerosi problemi sarebbe gestibile in tempi normali, la combinazione di disastri agricoli combinati con le conseguenze economiche dei focolai di coronavirus in Cina stanno presentando sfide che potrebbero avere un impatto sulla sicurezza alimentare globale nei prossimi mesi.

 

Bruchi legionari d’autunno

Alla fine del 2018 è stata rilevata nel sud della Cina la presenza di una grande infestazione di temuti vermi autunnali.

 

Nel 2019 la devastazione dell’invasione resiliente dei vermi dell’esercito autunnale (FAW) ha causato la distruzione di oltre 1 milione di ettari di terreni agricoli in Cina l’anno scorso, danneggiando principalmente i raccolti di mais e canna da zucchero. Secondo i notiziari del governo, finora nel 2020 l’infestazione da bruchi legionari autunnali ha già distrutto 1,07 milioni di ettari in 24 province all’inizio di agosto. In particolare, l’infestazione FAW si è diffusa in tutta l’Africa, dove è stata rilevata per la prima volta nel 2016 in India e nel 2018 in Cina.

 

Mentre uno qualsiasi dei numerosi problemi sarebbe gestibile in tempi normali, la combinazione di disastri agricoli combinati con le conseguenze economiche dei focolai di coronavirus in Cina stanno presentando sfide che potrebbero avere un impatto sulla sicurezza alimentare globale nei prossimi mesi.

Ora, mentre la peste si sposta a nord all’interno della Cina, minaccia il cuore della regione nord-orientale della Cina, comprese le province di Heilongjiang, Jilin, Liaoning e la regione della Mongolia Interna, nota come il paniere di grano della Cina, che produce circa la metà del mais del paese su circa 13 milioni ettari.

 

Il 21 agosto, i media statali cinesi hanno riportato per la prima volta la presenza del temuto FAW nella provincia di Liaoning, nella sua fascia di mais nord-orientale. Il governo ha reso la lotta contro il parassita una priorità, tuttavia l’insetto è resistente a molti pesticidi e produce fino a 3.000 uova a stagione. Gli adulti possono viaggiare fino a 60 miglia in una notte.

 

Un grosso problema è che il FAW in Cina ha già sviluppato una resistenza a molti insetticidi comunemente usati. Dal 20 febbraio di quest’anno, nonostante i vigorosi tentativi di eradicazione con varie sostanze chimiche, compresa la sofisticata irrorazione con droni, la gamma di infestazione FAW in Cina è stata 90 volte maggiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo è stato proprio al culmine dei blocchi del coronavirus cinese che hanno gravemente ostacolato i parassiti tempestivi misure di controllo.

 

La gamma di infestazione FAW in Cina è stata 90 volte maggiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo è stato proprio al culmine dei blocchi del coronavirus cinese che hanno gravemente ostacolato i parassiti tempestivi misure di controllo.

 

Peste suina africana

Il FAW non è l’unica grande minaccia alla sicurezza alimentare cinese.

 

Nel 2019 la peste suina africana ha provocato la morte di oltre il 40% della popolazione suina cinese, la più grande al mondo secondo le statistiche ufficiali del ministero dell’Agricoltura, sebbene le stime del settore stimino la perdita fino al 60% o più di 215 milioni di suini.

 

La peste suina africana (PSA) è una malattia animale che colpisce maiali e cinghiali con un tasso di mortalità fino al 100%. Non esiste una cura nota che significhi che le mandrie infette devono essere macellate per contenere la diffusione. La crisi del 2019 è stata la peggiore in assoluto per le perdite di suini PSA in Cina.

Nel 2019 la peste suina africana ha provocato la morte di oltre il 40% della popolazione suina cinese, la più grande al mondo secondo le statistiche ufficiali del ministero dell’Agricoltura

 

Mentre l’incidenza della PSA in Cina è drasticamente diminuita quest’anno, la ricostruzione delle mandrie di suini richiederà un minimo di tre anni secondo la FAO delle Nazioni Unite. E i nuovi casi di ASF vengono ancora rilevati.

 

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti riferisce che la produzione e la macellazione di suini in Cina raggiungeranno livelli record nel 2020, poiché la peste suina africana continua ad avere un impatto sull’industria dei suini cinese. Se tutto va bene, tutt’altro che sicuro a questo punto, gli allevamenti di suini dovrebbero raggiungere solo l’80% dei livelli pre-febbre entro il 2022.

 

Poiché il maiale è la principale fonte di proteine ​​animali nella dieta cinese, il risultato è stato il raddoppio di prezzi al consumo per i prodotti a base di carne di maiale in un momento in cui l’economia è in grave stress da COVID-19 e altri fattori.

Se tutto va bene, tutt’altro che sicuro a questo punto, gli allevamenti di suini dovrebbero raggiungere solo l’80% dei livelli pre-febbre entro il 2022

 

Ora, da giugno nella Cina centrale dalla provincia del Sichuan alla regione di Wuhan lungo il fiume più grande della Cina, lo Yangtze e i suoi affluenti, gravi inondazioni stanno causando nuovi focolai di peste suina africana.

 

All’inizio di luglio, mentre continuavano le piogge record, un’indagine dello Shandong Yongyi su piccoli allevatori di suini, aziende agricole, commercianti e macelli in 20 province ha rivelato che si erano verificati dozzine di casi di peste suina africana dopo le forti piogge nella provincia del Guangdong, nella regione del Guangxi e in altri le zone.

 

 

Poi le grandi inondazioni e la siccità

Ogni estate di solito a partire da maggio o giugno, ci sono piogge monsoniche nella Cina centrale nella regione da Sichuan a Wuhan lungo il fiume più lungo dell’Asia, il fiume Yangtze. Lo Yangtze ha origine nell’altopiano tibetano. Quest’anno le piogge sono state registrate come le più pesanti da circa 60 anni, da quando sono iniziate le registrazioni nel 1961, e alla fine di agosto le forti piogge non si sono fermate. Il risultato è stato gravi inondazioni soprattutto lungo il percorso del bacino del fiume Yangtze.

Poiché il maiale è la principale fonte di proteine ​​animali nella dieta cinese, il risultato è stato il raddoppio di prezzi

 

Alla fine di luglio le piogge intense avevano innalzato il livello dell’acqua lungo il fiume Yangtze a un livello tale che l’enorme diga delle Tre Gole, la più grande diga idroelettrica del mondo, situata tra Chongqing a ovest e Wuhan e, infine, Shanghai, è stata considerata da alcuni idrologi esperti di essere in pericolo di collasso. Per controllare i danni provocati dalle inondazioni a Chongqing, i funzionari sono stati costretti ad aprire la diga delle Tre Gole per rilasciare enormi volumi d’acqua. Quell’acqua ha iniziato a causare gravi inondazioni a valle del fiume a Wuhan, il sito del primo focolaio dichiarato di coronavirus alla fine del 2019.

 

Letteralmente, una un dilemmal dilemma: inondare Chongqing per salvare Wuhan e rischiare la rottura dell’enorme diga o rilasciare acqua e inondare Wuhan e le principali regioni a valle. Finora si sono verificati entrambi. E le piogge record sono nella quinta alluvione dichiarata a fine agosto.

 

Quest’anno le piogge sono state registrate come le più pesanti da circa 60 anni, da quando sono iniziate le registrazioni nel 1961, e alla fine di agosto le forti piogge non si sono fermate. Il risultato è stato gravi inondazioni soprattutto lungo il percorso del bacino del fiume Yangtze

Chongqing è una megalopoli con più di 33 milioni di persone nell’area metropolitana, compresi circa 23 milioni di agricoltori.

 

L’intero bacino dello Yangtze contiene un’agricoltura considerevole, comprese le colture di riso che sono state spazzate via dalle inondazioni. Nel sud-ovest, la provincia del Sichuan con un’importante sezione a monte dello Yangtze, ha aumentato per la prima volta la sua risposta all’emergenza alluvionale al suo livello più alto quando i suoi fiumi traboccavano e villaggi e terreni agricoli venivano inondati.

 

Le 13 province in Cina che piantano riso entro luglio sono state tutte colpite dalle inondazioni record. Gli agricoltori piantano riso tre volte l’anno e le inondazioni prolungate da giugno a fine agosto hanno avuto un impatto su tutte e tre le piantagioni. A questo punto non ci sono stime precise del danno totale alle colture agricole dovuto alle inondazioni nella regione dello Yangtze a parte il fatto che è immenso.

Il livello dell’acqua lungo il fiume Yangtze a un livello tale che l’enorme diga delle Tre Gole, la più grande diga idroelettrica del mondo, situata tra Chongqing a ovest e Wuhan e, infine, Shanghai, è stata considerata da alcuni idrologi esperti di essere in pericolo di collasso

 

Mentre la Cina centrale è afflitta da inondazioni record, altre parti della Cina hanno visto una grave siccità, specialmente nelle regioni del grano della Cina settentrionale e centrale.

 

Il grano è coltivato principalmente nella Cina centrale e settentrionale. Gli agricoltori raccolgono solo una volta all’anno tra la fine di maggio e l’inizio di giugno. Quest’anno la siccità ha ucciso i raccolti in Henan, Mongolia Interna, Gansu, Xinjiang, Jilin e altre province settentrionali.

 

La sola provincia di Henan produce circa il 25% della produzione agricola totale della Cina. Secondo valutazioni indipendenti, le aree di produzione di grano delle province di Henan, Anhui e Jiangsu quest’anno sono di qualità inferiore rispetto al 2019 e fino al 30% in meno nei volumi prodotti. La Mongolia Interna, il Gansu e lo Xinjiang sono peggiori.

Mentre la Cina centrale è afflitta da inondazioni record, altre parti della Cina hanno visto una grave siccità, specialmente nelle regioni del grano della Cina settentrionale e centrale.

 

Il medium statale Xinhua ha riferito il 16 giugno che il 50,7 per cento della terra della Mongolia interna ha subito pesanti siccità quest’anno. La regione coltiva principalmente grano, soia e mais. I raccolti e l’erba selvatica non erano in grado di crescere, influendo sull’allevamento di animali locale.

 

Mentre i dettagli sull’entità della devastazione dell’agricoltura sono limitati, poiché è considerata una questione di sicurezza nazionale, la situazione è chiaramente molto più grave di quanto finora ammesso.

 

Un’indicazione sono le osservazioni ufficiali. Il vice premier Hu Chunhua ha recentemente chiesto ai governatori di ogni provincia della Cina di assicurarsi che le aree seminate di raccolti agricoli non si restringano e che la resa dei raccolti non venga ridotta quest’anno. Data l’entità dei danni causati dalle inondazioni, dalla siccità e dagli insetti alle colture, ciò potrebbe essere quasi impossibile.

I dettagli sull’entità della devastazione dell’agricoltura sono limitati, poiché è considerata una questione di sicurezza nazionale, la situazione è chiaramente molto più grave di quanto finora ammesso

 

Il 27 luglio in una riunione sulla sicurezza alimentare di Pechino il vice premier ha avvertito che i governatori sarebbero stati puniti se non avessero mantenuto la promessa, anche con licenziamenti.

 

Fortunatamente per la Cina, i suoi stretti legami economici con la Russia e il fatto che il raccolto di grano russo sembra destinato a essere di nuovo il più grande del mondo significa che la Cina sarà in grado di importare gran parte del deficit, anche se a un prezzo elevato.

 

Tuttavia, con gran parte del mondo che impone ancora l’uno o l’altro grado di quarantena COVID-19, è probabile che la disponibilità di cibo globale diventi un problema crescente.

Fortunatamente per la Cina, i suoi stretti legami economici con la Russia e il fatto che il raccolto di grano russo sembra destinato a essere di nuovo il più grande del mondo significa che la Cina sarà in grado di importare gran parte del deficit, anche se a un prezzo elevato

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

È probabile che la disponibilità di cibo globale diventi un problema crescente

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl