La Cina verso le miniere della Luna

 

 

 

La Cina è sempre più lanciata nell’estendere la sua sfera di azione e di influenza oltre al mare, oltre le terre emerse, e persino al di là del cielo: lo spazio.

 

Origin Space, una società privata di risorse spaziali con sede a Pechino, lancerà il suo primo «robot per l’estrazione mineraria spaziale» a novembre.

 

La Cina è sempre più lanciata nell’estendere la sua sfera di azione e di influenza oltre al mare, oltre le terre emerse, e persino al di là del cielo: lo spazio.

NEO-1 è un piccolo satellite (circa 30 chilogrammi) destinato a entrare in un’orbita sincrona del Sole di 500 km. Sarà lanciato da un razzo cinese «Lunga Marcia» come carico utile secondario.

 

Questa piccola navicella spaziale non effettuerà l’estrazione effettiva; invece, testerà le tecnologie necessarie per cominciarla.

 

«L’obiettivo è verificare e dimostrare molteplici funzioni come la manovra orbitale del veicolo spaziale, la cattura simulata di piccoli corpi celesti, l’identificazione e il controllo di veicoli spaziali intelligenti», ha dichiarato Yu Tianhong, co-fondatore di Origin Space secondo la prestigiosissima rivista di ingegneria IEEE Spectrum.

 

Origin Space, fondata nel 2017, si descrive come la prima azienda cinese focalizzata sull’utilizzo delle risorse spaziali. Il settore spaziale privato cinese è emerso in seguito alla decisione del governo del 2014 di aprire l’industria.

La guerra economica del futuro passa per lo spazio. La guerra informatica del futuro passa per lo spazio. La guerra militare del futuro, quindi, passa per lo spazio

 

Il satellite «Little Hubble» trasporterà un telescopio ottico progettato per osservare e monitorare gli asteroidi vicini alla Terra. Origin Space osserva che l’identificazione di obiettivi adeguati è il primo passo verso l’utilizzo delle risorse spaziali.

 

Oltre a questo, Origin Space punterà anche alla Luna con NEO-2, con una data di lancio prevista tra la fine del 2021 o l’inizio del 2022.

 

L’idea dell’estrazione di minerari extraterrestri non è una novità: negli USA in vari predicano da tempo l’idea come possibile game-changer dell’intera economia. Google partecipa ad un progetto di scavo ed estrazione mineraria pensato per gli asteroidi e realizzato interamente in automazione grazie alla robotica spaziale.

 

La sovranità di qualsiasi Paese nell’immediato dipende dallo spazio

La guerra economica del futuro passa per lo spazio. La guerra informatica del futuro – di cui Renovatio 21 scrive quando tratta di satelliti – passa per lo spazio. Non abbiate dubbi, quindi, sul fatto che anche la guerra militare del futuro passa per lo spazio. L’istituzione da parte del presidente Trump della «Space Force» va in questa direzione, come i recenti exploit di Russia e Cina che hanno dimostrato di saper distruggere i satelliti – i propri, al momento delle presenti dimostrazioni.

 

In pratica: la sovranità di qualsiasi Paese nell’immediato dipende dallo spazio.