La Cina trattiene i virus dell’influenza aviaria

 

 

 

Per oltre un anno, il governo cinese ha prelevato campioni di laboratorio di un virus influenzale in rapida evoluzione dagli Stati Uniti – campioni necessari per sviluppare vaccini e trattamenti, secondo i funzionari della sanità federale americana.

 

Nonostante le continue richieste da parte di funzionari governativi e istituti di ricerca, la Cina non ha fornito campioni del virus pericoloso, un tipo di influenza aviaria chiamato H7N9. In passato, tali scambi erano per lo più di routine secondo le regole stabilite dall’Organizzazione mondiale della sanità.

 

Ora, mentre gli Stati Uniti e la Cina lottano sugli scambi commerciali, alcuni scienziati temono che lo scambio vitale di forniture e informazioni mediche potrebbe rallentare, ostacolando la preparazione per la prossima minaccia biologica.

 

Lo scenario è «diverso dalla carenza di alluminio e soia», ha affermato il dott. Michael Callahan, uno specialista in malattie infettive presso la Harvard Medical School.

Alcuni scienziati temono che lo scambio vitale di forniture e informazioni mediche potrebbe rallentare, ostacolando la preparazione per la prossima minaccia biologica

 

«Comprendere l’accesso degli Stati Uniti a patogeni e terapie straniere per contrastarli compromette la capacità della nostra nazione di proteggere da infezioni che possono diffondersi a livello globale entro pochi giorni».

 

Gli esperti concordano sul fatto che la prossima pandemia globale del mondo verrà probabilmente da un rvirus ecidivo: l’influenza. Il virus H7N9 è un candidato.

 

Da quando ha messo radici in Cina nel 2013, il virus si è diffuso attraverso allevamenti di pollame, evolvendosi in un ceppo altamente patogeno che può infettare gli esseri umani . Ha ucciso il 40 percento delle sue vittime.

Il virus ha ucciso il 40 percento delle sue vittime

 

Se questo ceppo dovesse diventare altamente contagioso tra gli esseri umani, i vaccini contro l’influenza stagionale fornirebbero poca o nessuna protezione. Gli americani non hanno praticamente nessuna immunità.

 

«L’influenza pandemica si diffonde più velocemente di qualsiasi altra cosa», afferma Rick A. Bright , direttore dell’Autorità per lo sviluppo e la ricerca biomedica avanzata , un’agenzia del Dipartimento della salute e dei servizi umani che sovrintende allo sviluppo del vaccino. «Non c’è niente da trattenere o rallentare. Ogni minuto conta».

Secondo un accordo stabilito dall’Organizzazione mondiale della sanità, i paesi partecipanti devono trasferire campioni di influenza con potenziale pandemico a centri di ricerca designati «in modo tempestivo».

 

Questo processo – che coinvolge le pratiche burocratiche, l’approvazione attraverso diverse agenzie e un vettore con licenza – richiede normalmente diversi mesi, secondo il dott. Larry Kerr, direttore delle pandemie e minacce emergenti presso il Dipartimento della salute e dei servizi umani.

 

Ma più di un anno dopo un’ondata devastante di infezioni da H7N9 in Asia – 766 casi sono stati segnalati, quasi tutti in Cina – i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie sono ancora in attesa di numerosi campioni virali, confermati dal Consiglio di sicurezza nazionale e dall’OMS.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie sono ancora in attesa di numerosi campioni virali, confermati dal Consiglio di sicurezza nazionale e dall’OMS

 

Gli scienziati del Dipartimento dell’Agricoltura hanno avuto tanta difficoltà a ottenere campioni di influenza dalla Cina che hanno smesso di richiederli del tutto, secondo un funzionario del governo che ha parlato in modo anonimo perché non era autorizzato a discutere la questione.

 

Almeno quattro istituti di ricerca hanno fatto affidamento su un piccolo gruppo di campioni H7N9 provenienti da casi di Taiwan e Hong Kong. (Tutti e quattro hanno chiesto di non essere identificati per timore di ulteriori legami troppo tesi).

 

Quando il virus H7N9 è apparso per la prima volta in Cina, i ricercatori affermano che il governo cinese ha inizialmente fornito informazioni tempestive. Ma la comunicazione è gradualmente peggiorata.

 

Tuttavia, un improvviso picco di infezioni durante l’ondata di epidemie 2016-2017 richiede un’intensa ricerca, hanno affermato gli scienziati che intendono comprendere l’evoluzione del virus.

 

Le recenti tensioni commerciali tra Cina e USA potrebbero peggiorare il problema.

 

L’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha pubblicato a aprile un elenco di prodotti proposti per le tariffe, compresi prodotti farmaceutici come vaccini, medicinali e dispositivi medici.

 

Finora nessuno di questi prodotti medici è atterrato negli elenchi delle tariffe finali. Ma i negoziati commerciali minori con la Cina si sono conclusi giovedì con pochi segnali di progresso, aumentando la probabilità di ulteriori tariffe.

Gli Stati Uniti si affidano alla Cina non solo per i campioni di influenza H7N9, ma anche per forniture mediche, come i meccanismi  di plastica per la soluzione salina per via endovenosa, nonché gli ingredienti per alcuni farmaci per l’oncologia e l’anestesia

 

Gli Stati Uniti si affidano alla Cina non solo per i campioni di influenza H7N9, ma anche per forniture mediche, come i meccanismi  di plastica per la soluzione salina per via endovenosa, nonché gli ingredienti per alcuni farmaci per l’oncologia e l’anestesia. Alcuni di questi vengono consegnati attraverso un modello di produzione just-in-time; non ci sono scorte, che potrebbero rivelarsi pericolose se l’offerta fosse interrotta, hanno detto i funzionari della sanità.

 

Gli scienziati ritengono che i migliori funzionari del commercio di entrambi i governi considerino i campioni virali molto simili a qualsiasi altro prodotto di laboratorio e potrebbero non avere familiarità con il loro ruolo vitale nella sicurezza globale.

 

«I paesi non possiedono i loro campioni virali più di quanto posseggano gli uccelli nei loro cieli», dice Andrew C. Weber, che ha supervisionato i programmi di difesa biologica al Pentagono durante l’amministrazione Obama.

 

«Dato che questo virus influenzale è una potenziale minaccia per l’umanità, non condividerla immediatamente con la rete globale dei laboratori dell’OMS come il CDC è scandaloso. Molti potrebbero morire inutilmente se la Cina negasse l’accesso internazionale ai campioni».

 

Per oltre un decennio, dati e campioni epidemiologici sono stati usati come pedine di guerra commerciale.

Dati e campioni epidemiologici sono usati come pedine di guerra commerciale

 

La Cina ha nascosto l’epidemia 2002 di grave sindrome respiratoria acuta, o SARS, per quattro mesi e poi ha mantenuto privati i risultati della sua ricerca. Alcune province hanno trattenuto informazioni sui casi anche dal governo centrale di Pechino.

 

Nel 2005, le autorità cinesi hanno insistito sul contenimento dell’epidemia di influenza H5N1, contraddicendo gli scienziati dell’Università di Hong Kong che hanno offerto prove dell’espansione. Queste autorità hanno esitato a condividere campioni virali di uccelli selvatici infetti con la comunità internazionale, nascondendo lo scopo di evitare un danno alla loro vasta industria avicola.

L’Indonesia nel 2007 ha rifiutato di condividere esemplari di H5N1 con gli Stati Uniti e il Regno Unito, sostenendo che i paesi avrebbero usato i campioni per sviluppare un vaccino che gli indonesiani non potevano permettersi

 

L’Indonesia ha seguito l’esempio, rifiutando nel 2007 di condividere esemplari di H5N1 con gli Stati Uniti e il Regno Unito, sostenendo che i paesi avrebbero usato i campioni per sviluppare un vaccino che gli indonesiani non potevano permettersi.

 

Questi episodi hanno portato allo sviluppo del 2011 del Quadematica sull’influenza pandemica dell’OMS, che mira a promuovere gli scambi di campioni e l’accesso dei vaccini ai paesi in via di sviluppo.

 

Ma per paesi come la Cina, il peso di un nuovo virus è paradossale. Le epidemie sono costose – l’ondata di infezioni da H7N9 nel solo 2013 ha costato alla Cina più di $ 6 miliardi, secondo le Nazioni Unite – ma possono fornire un vantaggio nello sviluppo di trattamenti di valore.

 

«In un certo senso, la Cina ha fatto la limonata avendo i limoni, convertendo il problema delle minacce globali alle malattie infettive in beni di prima necessità e beni preziosi», afferma il dott. Callahan .

 

E ora, mentre il virus H7N9 si evolve, le autorità degli Stati Uniti temono che i cinesi abbiano offuscato le dimensioni e le caratteristiche di questo focolaio.

Le autorità degli Stati Uniti temono che i cinesi abbiano offuscato le dimensioni e le caratteristiche di questo focolaio.

 

Il governo cinese ha rifiutato di condividere i dati clinici dei pazienti infetti, secondo gli scienziati, e afferma di aver quasi sradicato l’H7N9 attraverso una singola campagna di vaccinazione del pollame.

 

«L’influenza farà ciò che sa fare meglio, muterà», dice il dottor Kerr .

 

 

 

Fonte: New York Times