Kurdistan, villaggi cristiani vittime dei raid turchi contro il PKK

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Dall’inizio del 2020 almeno 25 villaggi nel nord Iraq si sono svuotati. I bombardamenti, seguiti da pesanti incendi, hanno distrutto piante, case e cimiteri. Uno scenario simile a quelli degli anni ’80. Padre Samir: uccise molte persone, solo perché si trovavano vicino a zone controllate dal PKK . Colpita una macchina che portava aiuti.

Secondo alcuni esperti locali, rilanciati da organizzazioni cristiane in rete e sui social, fra le zone più colpite vi sono i villaggi cristiani di Chalik, Bersiveh e Sharanish

Cresce la paura fra gli abitanti, anche cristiani, del Kurdistan iracheno lungo il confine con la Turchia, teatro di pesanti attacchi dell’aviazione di Ankara contro obiettivi del PKK (il Partito curdo dei lavoratori) rifugiati nei villaggi della provincia settentrionale di Duhok.

 

«I turchi – racconta ad AsiaNews padre Samir Youssef, parroco della diocesi di Amadiya – da mesi bombardano le nostre montagne per uccidere membri del PKKo attaccano i curdi, a prescindere dal fatto che trasportino armi, cibo o qualsiasi altra cosa».

 

La scorsa settimana, sottolinea il sacerdote, «hanno colpito una macchina che portava aiuti, nei pressi del villaggio cristiano di Araden»

Una violenza, prosegue il parroco di Enishke, che si è intensificata nell’ultimo periodo, come testimoniano il video e le foto pubblicate: «Nell’ultimo mese – spiega – hanno ucciso molto persone, solo perché si trovavano vicino a zone controllate dal PKK. In alcuni casi i bombardamenti hanno lambito anche le case della popolazione civile».

 

La scorsa settimana, sottolinea il sacerdote, «hanno colpito una macchina che portava aiuti, nei pressi del villaggio cristiano di Araden».

 

Da sottolineare che nella zona ancora oggi vivono centinaia di cristiani di Mosul e della piana di Ninive fuggiti nel 2014 in seguito all’ascesa dello Stato islamico (SI, ex ISIS). Jihadisti che, secondo le accuse, spesso muovevano indisturbati e venivano aiutati proprio dalla vicina Turchia.

Da sottolineare che nella zona ancora oggi vivono centinaia di cristiani di Mosul e della piana di Ninive fuggiti nel 2014 in seguito all’ascesa dello Stato islamico (SI, ex ISIS). Jihadisti che, secondo le accuse, spesso muovevano indisturbati e venivano aiutati proprio dalla vicina Turchia.

 

«Hanno attaccato diverse macchine – prosegue padre Samir – anche nella strada vicino ad Amadya. Nella zona vi è un’area, dietro le montagne, dove sorgono alcuni villaggi cristiani e che i turchi hanno bombardato con maggiore intensità. Lo stesso per altri villaggi a Zakho. Ho notizia di famiglie scappate dalle loro case, per sfuggire a questi attacchi». La speranza, aggiunge, è una reazione forte del governo di Baghdad contro la Turchia perché metta fine alle operazioni militari.

 

I raid aerei di Ankara contro basi del PKK in Iraq non sono una novità ed episodi simili si sono registrati anche nel 2007 e nel 2018.

 

Tuttavia, l’operazione lanciata in queste ultime settimane appare di una portata superiore a quelle precedenti e rientra nella politica «nazionalismo e islam» impressa dal presidente Recep Tayyip Erdogan in patria e all’estero.

 

L’agenzia ufficiale turca Anadolu ha celebrato le operazioni militari, le quali hanno permesso di “neutralizzare terroristi” e che “continueranno con determinazione” come recita una nota ufficiale.

L’operazione lanciata in queste ultime settimane appare di una portata superiore a quelle precedenti e rientra nella politica «nazionalismo e islam» impressa dal presidente Recep Tayyip Erdogan in patria e all’estero

 

Secondo alcuni esperti locali, rilanciati da organizzazioni cristiane in rete e sui social, fra le zone più colpite vi sono i villaggi cristiani di Chalik, Bersiveh e Sharanish.

 

L’obiettivo di queste operazioni militari è quello di far fuggire gli abitanti da queste zone, ormai pressoché deserte, per poter create delle basi turche da cui far partire operazioni mirate di terra contro elementi del PKK.

 

I bombardamenti, conclude una fonte, sono sempre seguiti da pesanti incendi che finiscono per distruggere tutte le piante, le abitazioni e persino i cimiteri. Dall’inizio del 2020 almeno 25 villaggi cristiani dell’Iraq settentrionale sono svuotati della loro popolazione originaria, con uno scenario che ricorda gli anni di tensione e conflitti fra il 1980 e il 1990.