Internet è la fine della vostra privacy

 

 

Google e Facebook hanno preso i nostri dati e ne hanno ricavato un sacco di soldi. Non ci sono molte sfumature riguardo la questione.

 

«Nel 1982, quando ho iniziato la mia carriera come investitore di tecnologia, la privacy non era una preoccupazione. Gli abitanti di Silicon Valley condividevano un obiettivo: migliorare la vita delle persone che utilizzavano la tecnologia. Una forma idealizzata di capitalismo regnava sovrana». A parlare è Roger McNamee, un investitore tecnologico di lungo corso. McNamee è stato un consulente di Mark Zuckerberg, il fondatore e CEO di Facebook dal 2006 al 2009, contribuendo a portare Sheryl Sandberg in azienda. Di Facebook McNamee rimane azionista anche ora. Il suo sfogo sul New York Times dello scorso 3 giugno è quindi piuttosto degno di nota.

 

«IBM aveva appena spedito il suo PC e il personal computer stava per decollare. L’ottimismo pervadeva la nascente industria. Steve Jobs parlava dei computer come “biciclette per la mente”, espandendo le capacità umane con scarso o nullo rovescio della medaglia».

 

Google e Facebook hanno preso i nostri dati e ne hanno ricavato un sacco di soldi. Non ci sono molte sfumature riguardo la questione.

La privacy non è diventata un problema fino al diffuso spiegamento di reti negli anni ’90, e anche allora le questioni erano relativamente piccole. Fino al 2000 circa, l’industria tecnologica non aveva mai abbastanza potenza di elaborazione, memoria, storage o larghezza di banda per costruire prodotti che potessero essere profondamente integrati con le nostre vite. Ogni prodotto richiedeva compromessi, ogni disegno dipendeva dall’esperienza e dall’abilità artistica dei suoi creatori.

 

Lo scoppio della bolla di Internet nel marzo 2000 ha messo in moto forze che avrebbero alterato la cultura e le priorità della Silicon Valley. L’industria del Venture Capital (cioè il capitale di rischio: quei fondi che si occupano si finanziare piccole società tecnologiche da cui si attendono una crescita esponenziale) si è ritirata e al suo posto è sorto un nuovo gruppo di investitori, noti come angel investors, che in genere investono le proprie fortune personali nelle start-up (le società tecnologiche appena nate).

 

Prima tra tutti la cosiddetta Mafia di PayPal – guidata da Peter Thiel, Elon Musk e Reid Hoffman – che ha trasformato la Silicon Valley con due brillanti intuizioni.

Perché è legale che i fornitori di servizi combino i nostri messaggi e documenti per dati economicamente preziosi?

 

In primo luogo, hanno visto che Internet si sarebbe evoluta da una rete di pagine a una rete di persone, denominata Web 2.0, che li ha portati ad avviare o finanziare società come LinkedIn e Facebook.

 

In secondo luogo, hanno anticipato che i limiti imposti dalla tecnologia sarebbero presto evaporati, consentendo le prime piattaforme tecnologiche globali.

 

Questi leader del Web 2.0 erano giovani imprenditori con un diverso sistema di valori rispetto a quelli di noi che sono diventati maggiorenni negli anni ’60 e ’70. Hanno lasciato alle spalle il libertarismo hippie di Steve Jobs per una versione aggressiva che era più in linea con con la teoria dell’oggettivismo (cioè il libertarismo estremo, totale) della filosofa e scrittrice russo-americana Ayn Rand.

Perché è legale per le terze parti scambiare le nostre informazioni più private, comprese le transazioni con carta di credito, i dati sulla posizione e sulla salute e la cronologia di navigazione?

 

Peter Thiel, il co-fondatore di PayPal che ha fatto il primo investimento esterno su Facebook, ha scritto un saggio del 2014 sul Wall Street Journal intitolato «Competition Is For Losers» (La competizione è per i perdenti»). Il sottotitolo ha incapsulato il suo consiglio agli imprenditori: «Se vuoi creare e acquisire valore duraturo, cerca di costruire un monopolio».

 

Il pensiero di Thiel, che è sofisticatissimo e affascinante, sarebbe poi stato reso in un piccolo libro illuminante, Da zero a uno. I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro.

Queste app globali hanno trasformato il rapporto della tecnologia con gli utenti, assorbendo molto più della nostra vita quotidiana, raccogliendo grandi quantità di dati personali.

 

I ragazzi della Paypal Mafia hanno quindi perseguito monopoli con una passione, coniando termini come blitz scaling per descrivere una filosofia di crescita che cercava di eliminare tutte le forme di attrito nel perseguimento di più clienti. Il risultato finale è stato una trasformazione del capitalismo vera e propria.

LinkedIn e Facebook sono decollati per primi, a metà degli anni 2000, seguiti da Zynga, Twitter e altri. I loro servizi erano per lo più gratuiti, supportati da pubblicità e acquisti in-app.

 

Queste app globali hanno trasformato il rapporto della tecnologia con gli utenti, assorbendo molto più della nostra vita quotidiana, raccogliendo grandi quantità di dati personali. Le prime minacce alla privacy – identità e furto finanziario – sono state sostituite da una maggiore minaccia riconosciuta da poche persone: modelli di business basati su sorveglianza e manipolazione.

Le prime minacce alla privacy – identità e furto finanziario – sono state sostituite da una maggiore minaccia riconosciuta da poche persone: modelli di business basati su sorveglianza e manipolazione.

 

Il nuovo pericolo è stato introdotto dall’ultima grande azienda Web 1.0, Google. Come descritto dal professore di Harvard Shoshana Zuboff nel suo libro The Age of Surveillance Capitalism, nel 2002, gli ingegneri di Google scoprirono che i dati degli utenti generati dalle ricerche potevano anche essere usati per prevedere un comportamento al di là di ciò che un visitatore volesse visitare fare. Si sono resi conto che molti più dati avrebbero portato a previsioni comportamentali molto migliori. Hanno quindi abbracciato la sorveglianza e inventato un mercato per le previsioni comportamentali.

 

Hanno creato Gmail, un prodotto di posta elettronica che collegava l’identità alle intenzioni di acquisto. La lettura automatica dei messaggi di Gmail ha consentito a Google di raccogliere informazioni preziose sul comportamento attuale e futuro degli utenti.

 

Google Maps ha raccolto la posizione e i movimenti dell’utente. Poco dopo, Google ha inviato una flotta di macchine per fotografare ogni edificio su ogni strada, un prodotto chiamato Street View, e ha scattato foto ai satelliti per un prodotto che hanno chiamato Google Earth. Altri prodotti hanno consentito a Google di monitorare gli utenti mentre giravano per il Web. Google ha trasformato l’esperienza umana in dati e ne ha rivendicato la proprietà.

Google ha trasformato l’esperienza umana in dati e ne ha rivendicato la proprietà

 

E Google ha imparato a superare i propri prodotti. La società tenterebbe di acquisire tutti i dati personali disponibili – in spazi pubblici e privati ​​sul Web – e combinarli con i dati raccolti dai propri prodotti per costruire un avatar di dati di ogni consumatore digitale.

 

Dati di terze parti come banche, carte di credito, operatori di telefonia mobile e app online, insieme ai dati del monitoraggio web e dati provenienti da prodotti di sorveglianza come Google Assistant, Street View e Sidewalk Labs, sono diventati parte dei profili utente. I nostri avatar digitali sono usati per prevedere il nostro comportamento, una merce preziosa che viene poi venduta al miglior offerente.

I nostri avatar digitali sono usati per prevedere il nostro comportamento, una merce preziosa che viene poi venduta al miglior offerente

 

Grazie a servizi convenienti e alla definizione non corretta dei compromessi, Google ha realizzato idee inimmaginabili, come la scansione di messaggi e documenti privati, accettabili per milioni di persone.

 

Avendo avviato Facebook con controlli sulla privacy relativamente forti, Mark Zuckerberg ha adottato la strategia di monetizzazione di Google, che ha richiesto sistematiche invasioni della privacy. Nel 2010, il signor Zuckerberg ha dichiarato che gli utenti di Facebook non dovevano più avere aspettative in fatto di privacy .

 

Perché è legale raccogliere dati sui minori?

A causa della natura della piattaforma di Facebook, è stato in grado di catturare i segnali emotivi degli utenti che non erano disponibili a Google, e nel 2014 ha seguito la guida di Google incorporando i dati della cronologia di navigazione degli utenti e altre fonti per rendere le sue previsioni comportamentali più accurate e preziose.

 

Questo è ciò che la professoressa Zuboff nel suo libro chiama «capitalismo di sorveglianza». La sorveglianza si traduce in informazioni utente estremamente accurate, qualcosa che il marketing (cioè, l’intero insieme del business mondiale) brama. Il rovescio della medaglia è che i consumatori hanno accesso a informazioni minime, principalmente quelle consentite dalle piattaforme.

 

L’avvincente economia del capitalismo di sorveglianza ha attratto nuovi attori, tra cui Amazon, Microsoft, IBM, compagnie telefoniche e produttori di automobili. I dati personali raccolti consentono filter bubble («bolle di filtraggio»), motori di raccomandazione e altre tecniche per spingere i consumatori verso le azioni desiderate – come l’acquisto di prodotti – che aumentano il valore delle previsioni comportamentali.

Le piattaforme non sono obbligate a proteggere la privacy degli utenti. Sono libere di monetizzare direttamente le informazioni che raccolgono vendendole al miglior offerente.

 

Le piattaforme non sono obbligate a proteggere la privacy degli utenti. Sono libere di monetizzare direttamente le informazioni che raccolgono vendendole al miglior offerente. Ad esempio, le piattaforme che tracciano i movimenti del mouse dell’utente nel tempo potrebbero essere le prime a notare i sintomi di un disturbo neurologico come il morbo di Parkinson – e queste informazioni potrebbero essere vendute a una compagnia di assicurazioni. (E quella società potrebbe quindi aumentare i tassi o negare la copertura a un cliente prima che sia a conoscenza dei suoi sintomi).

 

«Per i consumatori, è giunto il momento di dire “non di più”. Abbiamo bisogno di reclamare la nostra privacy, la nostra libertà di fare scelte senza paura. I nostri dati sono là fuori, ma abbiamo il potere politico di prevenire usi inappropriati» conclude McNamee, che sull’argomento ha pure scritto un libro, Zucked: Waking Up to the Facebook Catastrophe.

 

Perché è legale che i fornitori di servizi combino i nostri messaggi e documenti per dati economicamente preziosi?

Perché è legale scambiare le previsioni del nostro comportamento?

 

Perché è legale per le terze parti scambiare le nostre informazioni più private, comprese le transazioni con carta di credito, i dati sulla posizione e sulla salute e la cronologia di navigazione?

 

Perché è legale raccogliere dati sui minori?

 

Perché è legale scambiare le previsioni del nostro comportamento?

 

«Le rivendicazioni societarie sui nostri dati non sono legittime e dobbiamo contrattaccare».