Immigrazione, il cardinale finanzia la ONG

 

 

 

È emerso di recente che il cardinale cattolico tedesco Reinhard  Marx ha fatto una donazione di 50.000 € ad una organizzazione sostenuta dalla Chiesa evangelica dalla Germania, United4Rescue. Lo ha rivelato la testata tedesca Deutsche Welle.

 

L’associazione in questione è impegnata nel «salvataggio» dei migranti in mare e, negli ultimi mesi, ha sollecitato donazioni per finanziare l’acquisizione di una barca per pattugliare il Mediterraneo al fine di andare a prendere gli aspiranti futuri abitanti dell’Italia e dell’Europa. Ai «migranti» raccolti dalle caritatevoli ONG, come noto, saranno poi i cittadini italiani ed europei a elargire assegni familiari, previdenza sociale, servizi sanitari, servizi legali, vitto e alloggio e così via.

Il cardinale cattolico tedesco Reinhard  Marx ha fatto una donazione di 50.000 € ad una organizzazione impegnata nel «salvataggio» dei migranti in mare 

 

Rappresentati del partito AfD hanno chiesto al Cardinale di chiarire se i soldi per la donazione provenissero dalle casse della diocesi, quindi dalle offerte dei fedeli o dal suo portafoglio personale.

 

«Mi sentirei sopraffatto – ha scritto su Twitter Stephen Brandner, il portavoce del partito – se dovessi scoprire che le mie consistenti tasse pagate per 30 anni alla Chiesa cattolica erano state utilizzate per finanziare le attività di salvataggio in mare, perché non è assolutamente mia intenzione promuovere gli affari dei trafficanti di esseri umani».

 

In Germania esiste una particolare tassa «confessionale», detta kirchensteuer, che rende di fatto molto florida la Chiesa tedesca.

 

In Germania esiste una particolare tassa «confessionale», detta kirchensteuer, che rende di fatto molto florida la Chiesa tedesca.

Queste imbarcazioni «umanitarie» ONG, ha continuato Brander, spingono «sempre più persone a tentare una traversata marittima suicida verso l’Europa». Si tratta di una accusa tremenda, tuttavia Brander forse non ha realizzato che il suicidio per la nuova chiesa cattolica non è più un tabù.

 

L’arcidiocesi governata dal prelato accusato ha affermato che il denaro donato alla ONG proviene da «fondi speciali» del «bilancio diocesano». Queste riserve sono a disposizione del cardinale per essere destinate ad associazioni di beneficenza o per finanziare «interventi urgenti». Quindi, scrive il sito Medias-Presse, possono essere presi dal cardinale senza che si debba giustificare.

 

L’arcidiocesi governata dal prelato accusato ha affermato che il denaro donato alla ONG proviene da «fondi speciali» del «bilancio diocesano»

La Chiesa evangelica tedesca, dietro l’ONG aiutata dall’alto prelato, lo ha immediatamente aiutato, attraverso una dichiarazione di Heinrich Bedford-Strohm.

 

Il cardinale Reinhard Marx, presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, è noto per le sue posizioni progressiste in teologia e in politica. Per esempio, pur essendo nominalmente contrario all’aborto, si è detto favorevole alla distribuzione ospedaliera della pillola del giorno dopo, farmaco che potenzialmente uccide un embrione, cioè, secondo il pensiero cattolico, un essere umano.

 

L’attuale chiesa non si limita a benedire il cambiamento demografico: lo opera in prima linea. E con il danaro del contribuente

Non è la prima volta, sottolinea il quotidiano tedesco Deutsche Welle, che suscitano scandalo i doni agli enti immigrazionisti di questo cardinale progressista molto vicino a Papa Francesco. Già nel 2018 e nel 2019, il presidente della Conferenza episcopale tedesca aveva donato denaro ad ONG specializzate nell’aiuto al fenomeno migratorio.

 

I critici arrivano a pensare come l’attuale chiesa romana non si limiti semplicemente a benedire il cambiamento demografico forzato dell’Italia e del Vecchio Continente tutto: la nuova chiesa lo opera in prima linea. E con il danaro del contribuente.