Il vaccino Gates diffonde la poliomielite in tutta l’Africa

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

Il fondatore di Microsoft Bill Gates si è fatto zar globale dei vaccini poiché la sua fondazione spende miliardi per diffondere nuovi vaccini a livello globale.

 

Sebbene sia stata prestata molta attenzione al ruolo di Gates dietro la corrotta OMS nella promozione di vaccini contro il coronavirus radicali non testati, il record della Fondazione Gates che spinge un vaccino antipolio orale in tutta l’Africa fornisce più prove che fanno riflettere sul fatto che tutto ciò che Gates dice e fa non è un’autentica carità umana.

 

L’ONU ha recentemente ammesso che nuovi casi di paralisi infantile o poliomielite sono stati provocati in Africa da un vaccino antipolio orale sviluppato con il forte sostegno della Bill and Melinda Gates Foundation. Rispecchia quello che è successo negli Stati Uniti negli anni ’50. Vale la pena dare un’occhiata più da vicino.

 

Nonostante il fatto che non siano stati rilevati nuovi casi di virus della «polio selvaggia» in tutta l’Africa dal 2016, la Bill & Melinda Gates Foundation e i loro alleati dell’OMS hanno proclamato che la campagna di vaccinazione africana decennale da 4 miliardi di dollari di Gates utilizzando il vaccino antipolio orale aveva finalmente eliminato la temuta poliomielite

 

 

Vaccini che causano la polio

L’industria dei vaccini ama citare lo sviluppo dei vaccini negli anni ’50 come l’unico responsabile dell’eradicazione di quella che era una grave malattia paralitica che raggiunse l’apice negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale e anche in Inghilterra, Germania e altri paesi europei.

 

Ora, nonostante il fatto che non siano stati rilevati nuovi casi di virus della «polio selvaggia» in tutta l’Africa dal 2016, la Bill & Melinda Gates Foundation e i loro alleati dell’OMS hanno proclamato che la campagna di vaccinazione africana decennale da 4 miliardi di dollari di Gates utilizzando il vaccino antipolio orale aveva finalmente eliminato la temuta poliomielite. Era la fine di agosto.

 

Una settimana dopo, il 2 settembre, l’OMS è stata costretta a fare marcia indietro e ammettere che i nuovi focolai di polio in Sudan erano collegati a una serie in corso di nuovi casi di polio in Ciad e Camerun. Secondo l’OMS, ulteriori casi di polio sono stati registrati in più di una dozzina di paesi africani tra cui Angola, Congo, Nigeria e Zambia. Ma la cosa scioccante è che i focolai sarebbero tutti causati dal vaccino antipolio orale sostenuto da Gates.

 

La cosa scioccante è che i focolai sarebbero tutti causati dal vaccino antipolio orale sostenuto da Gates

In un commento rivelatore, un virologo del CDC coinvolto con l’OMS e la Fondazione Gates nella campagna di vaccinazione di massa della polio in Africa, parte di qualcosa chiamato Global Polio Eradication Initiative, ammette che il vaccino sta creando molti più casi di paralisi della poliomielite rispetto alla patologia chiamata ingannevolmente «polio selvaggia».

 

«Ora abbiamo creato più nuove emergenze del virus di quante ne abbiamo fermate», ha ammesso il virologo Mark Pallansch dei Centri statunitensi per il Controllo e la prevenzione delle malattie . La Global Polio Eradication Initiative (GPEI) è uno sforzo congiunto dell’OMS, dell’UNICEF, del CDC degli Stati Uniti, della Fondazione Bill & Melinda Gates e del Rotary International.

 

Secondo quanto riferito, Bill Gates era responsabile della guida della campagna per sviluppare il vaccino antipolio orale liquido e somministrarlo in modo massiccio alle popolazioni di Africa e Asia nonostante la quasi assenza di casi di «polio selvaggia».

«Ora abbiamo creato più nuove emergenze del virus di quante ne abbiamo fermate»

 

Secondo uno dei partner dell’iniziativa Gates polio, del Rotary International, «Gates ha guidato personalmente lo sviluppo di un nuovo vaccino antipolio che è ora nelle fasi finali dei test. Quando l’idea è stata avanzata, circa il tempo in cui si verificò l’ultimo caso di poliomielite in India, molti pensavano che il vaccino non avrebbe svolto un ruolo importante nell’eradicazione, ma Gates ha insistito». Quando qualcuno gli ha chiesto perché la poliomielite, che era quasi scomparsa in tutto il mondo, Gates ha risposto: «La poliomielite è una malattia terribile».

 

Questa risposta sembra curiosa, poiché ci sono malattie mortali molto più diffuse là fuori, tra cui la malaria o la diarrea cronica a causa di acqua non sicura e le scarse condizioni igieniche in tutta l’Africa che causano la morte per disidratazione, scarso assorbimento di sostanze nutritive o complicazioni infettive. Direi che entrambi sono anche «terribili». Nel 2016 la diarrea cronica è stata elencata dall’OMS come la seconda causa di morte nei bambini sotto i cinque anni in tutto il mondo. In Africa è stata causa di quasi 653.000 morti, ma il signor Gates e i suoi amici sembrano essere interessati ad altre cose.

 

L’insistenza di Gates nel promuovere la vaccinazione massiccia di un nuovo vaccino antipolio orale che la sua fondazione ha sostenuto in un momento in cui la polio anche nei paesi poveri dell’Asia e dell’Africa è praticamente inesistente, dovrebbe suonare forte campanello d’allarme. Se il suo obiettivo è aiutare più bambini africani a condurre una vita sana, semplici progetti di trattamento dell’acqua salverebbero molte più vite. O c’è qualcosa nel vaccino antipolio di cui non ci viene detto? Esiste l’alluminio come adiuvante documentato come paralitico del sistema nervoso centrale? O altre tossine?

L’insistenza di Gates nel promuovere la vaccinazione massiccia di un nuovo vaccino antipolio orale che la sua fondazione ha sostenuto in un momento in cui la polio anche nei paesi poveri dell’Asia e dell’Africa è praticamente inesistente, dovrebbe suonare forte campanello d’allarme

 

La Gates Foundation ha speso quasi 4 miliardi di dollari per sviluppare e somministrare il vaccino antipolio orale nei paesi più poveri del mondo a partire dal 2018. Ciò nonostante l’OMS abbia dichiarato che i casi di polio in Pakistan e Afghanistan sono passati da circa 350.000 all’anno a 33 in 2018. Non c’era stato un caso nelle Americhe o nell’Europa occidentale da prima che il progetto Gates polio fosse lanciato anni fa.

 

 

Definirlo?

Qui entra in gioco alcuni giochi linguistici molto sospetti da parte dell’OMS, Gates e compagnia. Stanno cercando di coprire le loro azioni affermando che la maggior parte dei casi di polio sono in realtà qualcosa che hanno deciso di chiamare paralisi flaccida acuta (AFP).

 

C’è qualcosa nel vaccino antipolio di cui non ci viene detto? Esiste l’alluminio come adiuvante documentato come paralitico del sistema nervoso centrale? O altre tossine?

Questa è una condizione debilitante con un quadro clinico praticamente identico alla poliomielite. Ma mantiene bassi i numeri della «polio».

 

Secondo il CDC degli Stati Uniti, nel 2017 ci sono stati oltre 31.500 casi documentati di paralisi flaccida acuta in soli 18 paesi. Questo si aggiunge a ciò che chiamano paralisi della polio associata al vaccino (VAPP). Tuttavia, dal punto di vista dei sintomi clinici, la poliomielite derivata dal vaccino, la polio selvaggia e la paralisi flaccida acuta sono identiche, così come la mielite flaccida acuta (AFM), un sottotipo di AFP. Con questa proliferazione di nomi seri dal suono medico per descrivere ciò che produce gli stessi sintomi medici, abbiamo un enorme terreno per la manipolazione.

 

Un documento scritto da Neetu Vashishi e Jacob Puliyel pubblicato sull‘Indian Journal of Medical Ethics nel 2012 ha scritto sullo sforzo di vaccinazione orale di massa di Gates-CDC-OMS in quel paese: «… mentre l’India è stata libera dalla polio per un anno, c’è stata un enorme aumento della paralisi flaccida acuta non polio (NPAFP). Nel 2011, ci sono stati altri 47.500 nuovi casi di NPAFP. Clinicamente indistinguibile dalla paralisi della polio ma due volte più mortale, l’incidenza di NPAFP era direttamente proporzionale alle dosi di polio orale ricevute. Sebbene questi dati siano stati raccolti all’interno del sistema di sorveglianza della polio, non sono stati indagati …».

Dal punto di vista dei sintomi clinici, la poliomielite derivata dal vaccino, la polio selvaggia e la paralisi flaccida acuta sono identiche, così come la mielite flaccida acuta (AFM), un sottotipo di AFP. Con questa proliferazione di nomi seri dal suono medico per descrivere ciò che produce gli stessi sintomi medici, abbiamo un enorme terreno per la manipolazione

 

 

Gli anni ’50

La definizione di casi di poliomielite o paralisi infantile come veniva chiamata durante l’epidemia negli Stati Uniti dopo la Seconda Guerra Mondiale, risaliva agli anni ’50 e agli scandali mortali soppressi che coinvolgevano il primo presunto vaccino antipolio sviluppato da Jonas Salk. Considerato oggi come un eroe medico, la verità riguardo a Salk è che era tutt’altro che eroico.

 

L’aumento nei casi di quella che allora veniva etichettata come poliomielite o paralisi infantile negli Stati Uniti iniziò a esplodere letteralmente intorno al 1946. È rilevante notare che una tossina cumulativa altamente pericolosa, un insetticida ora vietato noto come DDT, veniva promossa dagli Stati Uniti governo come un controllo «sicuro» di zanzare e mosche che si dice siano i «portatori» del virus della poliomielite.

 

Ciò che da allora è stato del tutto cancellato dal registro del governo è la precisa corrispondenza del numero di casi di bambini con sintomi di poliomielite acuta con il grado di irrorazione acuta di DDT e l’altrettanto preciso declino rispecchiato dei casi di poliomielite umana dalla fine degli anni Quaranta agli anni Cinquanta, dopo un forte calo dell’uso di DDT.

Considerato oggi come un eroe medico, la verità riguardo a Salk è che era tutt’altro che eroico

 

Nel 1953, il medico del Connecticut, Morton S. Biskind sostenne in pubblico che «la spiegazione più ovvia per l’epidemia di poliomielite: le malattie del sistema nervoso centrale … come la poliomielite sono in realtà le manifestazioni fisiologiche e sintomatiche dell’inondazione in corso sponsorizzata dal governo e dall’industria della popolazione mondiale con veleni del sistema nervoso centrale».

 

Il vaccino contro la poliomielite Salk è stato utilizzato per la prima volta nel 1955, ovvero due anni dopo il drammatico calo dei casi di polio registrati. Questo fatto è stato convenientemente dimenticato quando è stata promossa la narrativa che il nuovo vaccino da solo stava eradicando la temuta poliomielite.

Ciò che da allora è stato del tutto cancellato dal registro del governo è la precisa corrispondenza del numero di casi di bambini con sintomi di poliomielite acuta con il grado di irrorazione acuta di DDT e l’altrettanto preciso declino rispecchiato dei casi di poliomielite umana dalla fine degli anni Quaranta agli anni Cinquanta, dopo un forte calo dell’uso di DDT

 

Grave prova è stata presentata da medici e altri al Congresso degli Stati Uniti che c’era una chiara connessione tra le epidemie estive di poliomielite e i pesticidi di metalli pesanti usati in estate come il DDT. Sono stati ignorati.

 

La promozione del DDT come insetticida innocuo è stata così pervasiva che i bambini seguivano i camion che spruzzavano le strade e le piscine sono stati spruzzatecon DDT, credendolo innocuo.

 

Campagne pubblicitarie altamente emozionanti proclamavano che la polio mortale veniva misteriosamente trasmessa dagli insetti e che il DDT avrebbe protetto.

 

Agli agricoltori è stato detto di spruzzare ripetutamente le loro mucche da latte con DDT per proteggerle dagli insetti pericolosi. Il DDT ha quindi contaminato la fornitura di latte.

 

Campagne pubblicitarie altamente emozionanti proclamavano che la polio mortale veniva misteriosamente trasmessa dagli insetti e che il DDT avrebbe protetto.

L’uso del DDT esplose alla fine degli anni ’40 in tutti gli Stati Uniti. Come l’ha descritta una persona: «I genitori preoccupati sono andati oltre per proteggere i propri figli. Temevano il virus invisibile come se stesse dando la caccia ai loro figli. Hanno trasformato le loro case in zone sterili spruzzando costantemente insetticidi e lavando le pareti con disinfettanti».

 

Suona familiare.

 

 

Salk e Rockefeller

La ricerca sui vaccini di Jonas Salk e del suo rivale, Albert Sabin, è stata finanziata dalla National Foundation for Infantile Paralysis, in seguito nota come March of Dimes.

 

«I genitori preoccupati sono andati oltre per proteggere i propri figli. Temevano il virus invisibile come se stesse dando la caccia ai loro figli. Hanno trasformato le loro case in zone sterili spruzzando costantemente insetticidi e lavando le pareti con disinfettanti»

Salk convinse le autorità sanitarie statunitensi nel 1954 che il suo vaccino antipolio conteneva solo virus inattivo (IPV) ed era assolutamente sicuro. È stato in grado di convincere le autorità di regolamentazione che le «procedure costose e difficili che erano state suggerite per l’individuazione di un possibile virus vivo residuo» nel suo vaccino avrebbero dovuto essere eliminate. Le prove sul campo del vaccino Salk nel 1954 furono rivelate dal Journal of the American Statistical Association: «… il 59% della sperimentazione era inutile a causa della mancanza di controlli adeguati».

 

Quel rapporto è stato ignorato dal Dipartimento della Salute degli Stati Uniti e dal La Fondazione Nazionale ha proclamato il vaccino Salk pronto per la messa in distribuzione nella primavera del 1955.

 

Già nel 1955 erano emersi risultati allarmanti dal vaccino Salk. Il suo vaccino, prodotto da Cutter Laboratories, venne somministrato a oltre quattrocentomila persone, per lo più scolari. In pochi giorni iniziarono ad emergere rapporti di paralisi. Entro un mese, il programma di vaccinazione di massa contro la poliomielite dovette essere sospeso. Nel giugno del 1956, i casi di poliomielite iniziarono ad aumentare drasticamente a Chicago nei bambini che avevano ricevuto il vaccino Salk. La Fondazione Nazionale ha inviato una lettera urgente ai suoi membri esortandoli a «rassicurare che l’attuale vaccino Salk è sicuro ed efficace per i pazienti, i genitori e altri nella vostra comunità che ancora ne dubitano inutilmente».

 

Il vaccino Salk venne somministrato a oltre quattrocentomila persone, per lo più scolari. In pochi giorni iniziarono ad emergere rapporti di paralisi. Entro un mese, il programma di vaccinazione di massa contro la poliomielite dovette essere sospeso

Il vaccino di Salk aveva causato settantamila casi di debolezza muscolare, centosessantaquattro casi di grave paralisi e dieci morti. Tre quarti delle vittime sono rimasti permanentemente paralizzati. Il segretario alla sanità, all’istruzione e al welfare si è dimesso e il direttore dell’NIH sidimise. L’incidente di Cutter è stato rapidamente minimizzato dal governo e le vaccinazioni sono riprese dopo 21 giorni di pausa, usando i vaccini dei Wyeth Labs. Anche quelli hanno prodotto casi di paralisi.

 

Tra il 1923 e il 1953, prima dell’introduzione del vaccino Salk, il tasso di mortalità della poliomielite negli Stati Uniti era diminuito da solo del 47%; L’Inghilterra aveva osservato un modello simile. A seguito dell’uso del vaccino di Salk tra il 1955 e il 1963, i casi di poliomielite negli Stati Uniti sono aumentati del 50% dal 1957 al 1958 e dell’80% tra il 1958 e il 1959. Ciò è stato nascosto da un cambiamento del governo degli Stati Uniti nella definizione della polio, tanto quanto l’OMS e il CDC lo fanno oggi in Africa. Le malattie che in precedenza erano state raggruppate sotto l’ombrello della «polio» iniziarono a essere segnalate come malattie separate. Uno di questi era la meningite asettica o virale, una malattia infettiva difficile da distinguere dal poliovirus, o la mielite trasversa, una rara infiammazione del midollo spinale o la sindrome di Guillain-Barré. Tutto questo era il risultato delle tossine diffuse utilizzate nel vaccino? Il governo e l’industria dei vaccini non erano interessati a sapere o raccontare.

 

Infine nel 1963 il governo degli Stati Uniti ha sostituito il vaccino IPV di Salk con un vaccino antipolio orale attenuato (OPV) sviluppato da Albert Sabin. In quanto vaccino a virus vivo, anch’esso era ed è in grado di dare ai suoi destinatari sintomi di poliomielite o polio. Salk testimoniò davanti a una sottocommissione del Senato nel 1977 che il vaccino antipolio orale Sabin aveva causato la maggior parte dei casi di poliomielite negli Stati Uniti dall’inizio degli anni ’60.

Ciò è stato nascosto da un cambiamento del governo degli Stati Uniti nella definizione della polio, tanto quanto l’OMS e il CDC lo fanno oggi in Africa. Le malattie che in precedenza erano state raggruppate sotto l’ombrello della «polio» iniziarono a essere segnalate come malattie separate

 

Eugenetica Rockefeller?

La National Foundation for Infantile Paralysis, che ha finanziato sia Salk che il suo rivale Sabin nello sviluppo di vaccini antipolio negli anni ’50, era gestita da due medici del Rockefeller Institute for Medical Research: il dottor Henry Kumm che aveva trascorso 23 anni con il Rockefeller Institute e il dottor Thomas Rivers.

 

Henry Kumm andò alla Fondazione Nazionale nel 1951 al culmine dell’epidemia di polio. Nel maggio 1953, Kumm divenne direttore della ricerca sulla polio al NFIP. In particolare, durante la seconda guerra mondiale Kumm era stato consulente civile del Surgeon General dell’esercito americano in Italia, dirigendo studi sul campo per l’uso del DDT contro le zanzare malariche.

 

Thomas Rivers era dal 1922 capo del reparto malattie infettive presso il Rockefeller Institute for Medical Research, diventando il direttore dell’istituto nel 1937. Come presidente dei comitati di ricerca e consulenza sui vaccini per la National Foundation for Infantile Paralysis, ha supervisionato gli studi clinici di Jonas Il vaccino di Salk del gruppo del dottor Kumm. Si potrebbe dire che la Fondazione Nazionale fosse una maschera per un imponente progetto di vaccino contro la poliomielite Rockefeller.

 

Si potrebbe dire che la Fondazione Nazionale fosse una maschera per un imponente progetto di vaccino contro la poliomielite Rockefeller

Il ricercatore sulla poliomielite David Oshisky ha dichiarato: «In verità, la polio non è mai stata l’epidemia violenta rappresentata dai media, nemmeno al suo apice negli anni Quaranta e Cinquanta. Dieci volte più bambini morirebbero in incidenti in quegli anni e tre volte di più morirebbero di cancro. Lo status speciale della poliomielite era dovuto, in gran parte, agli sforzi della National Foundation for Infantile Paralysis, meglio conosciuta come March of Dimes, che ha impiegato le più recenti tecniche di pubblicità, raccolta di fondi e ricerca motivazionale per trasformare una malattia orribile ma relativamente rara nella più temuta afflizione del suo tempo. Il genio della National Polio Foundation stava nella sua capacità di isolare la polio per un’attenzione speciale, facendola sembrare più minacciosa di altre malattie».

 

Quella Fondazione Nazionale era gestita dai dottori Rockefeller. Questo è quello che sta facendo la Fondazione Gates con il suo vaccino antipolio orale turbo in Africa, dove la poliomielite era quasi scomparsa prima della campagna di vaccinazione di massa dell’OMS e di Gates.

Qui il legame di dedizione all’eugenetica e ai pericolosi vaccini sembra unire sia i Rockefeller che Bill Gates, che per molti versi è semplicemente l’erede e la continuazione del mortale lavoro eugenetico dei Rockefeller

 

Qui il legame di dedizione all’eugenetica e ai pericolosi vaccini sembra unire sia i Rockefeller che Bill Gates, che per molti versi è semplicemente l’erede e la continuazione del mortale lavoro eugenetico dei Rockefeller. Tutto ciò dovrebbe far riflettere prima di considerare le dichiarazioni di Bill Gates sul coronavirus e sui suoi vaccini preferiti come la buona verità scientifica.

 

 

William Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

Immagine di CDC Global via Flicker pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)