Vaccino Coronavirus, l’accelerazione del programma «Warp Speed»

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl con il consenso dell’autore.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 


 

La Casa Bianca ha nominato uno “Zar” del vaccino contro il Coronavirus di Big Pharma per sovrintendere all’operazione Warp Speed. L’obiettivo è quello di creare e produrre 300 milioni di dosi di un nuovo vaccino per immunizzare contro il COVID-19 l’intera popolazione degli Stati Uniti entro la fine dell’anno, presumibilmente.

Per essere sicuri che le grandi compagnie farmaceutiche si impegnino al massimo per il progetto medico Manhattan, sono state completamente indennizzate dal governo degli Stati Uniti contro le responsabilità in caso di morte o di sviluppo di gravi malattie nei destinatari correlate all’accorciamento dei tempi di approvazione del vaccino

 

Per essere sicuri che le grandi compagnie farmaceutiche si impegnino al massimo per il progetto medico Manhattan, sono state completamente indennizzate dal governo degli Stati Uniti contro le responsabilità in caso di morte o di sviluppo di gravi malattie nei destinatari correlate all’accorciamento dei tempi di approvazione del vaccino.

 

La FDA e il NIH hanno rinunciato ai test preliminari standard sugli animali. L’esercito americano, secondo le recenti osservazioni del presidente degli Stati Uniti, viene addestrato per somministrare il vaccino, ancora sconosciuto, a tempo di record. Siamo sicuri che niente potrebbe andare storto?

 

 

Warp Speed (velocità di curvatura) è un termine mutuato dai media fantascientifici di Star Trek, definito come una velocità maggiore di quella della luce.

 

Nelle ultime settimane, miliardi di dollari sono stati promessi dai governi, dalla Bill and Melinda Gates Foundation e altri per accelerare un vaccino e testare trattamenti medici per combattere il COVID19, che si dice provenga da un nuovo ceppo di Coronavirus scoperto per la prima volta nel 2019 a Wuhan in Cina. Questa corsa alla creazione di un vaccino «miracoloso» è inquietante e suggerisce l’esistenza di un’agenda nascosta.

 

 

Lo zar in conflitto

Questa corsa alla creazione di un vaccino “miracoloso” è inquietante e suggerisce l’esistenza di un’agenda nascosta.

Secondo quanto riferito, l’operazione Warp Speed di Washington è stata ideata dal consigliere del Presidente, nonché suo genero, Jared Kushner. È gestita formalmente dal Segretario alla Salute e ai Servizi Umani Alex Azar e dal segretario alla Difesa Mark Esper, che lavorerà con un nuovo zar dei vaccini.

 

Lo Zar dei vaccini selezionato per l’operazione Warp Speed di Kushner è l’ex presidente della divisione Vaccini di GlaxoSmithKline, cittadino americano nato in Marocco, il dottor Moncef Slaoui. Dal 2006 al 2017 Slaoui è stato Presidente della Ricerca e Sviluppo globale e dei vaccini presso GlaxoSmithKline e ha fatto parte del team esecutivo e del Consiglio di amministrazione dell’azienda.

 

Mentre lavorava alla GSK, Slaoui ha guidato lo sviluppo di Cervarix. Il suo vaccino contro il cancro cervicale HPV Cervarix è risultato legato a decessi multipli o gravi effetti paralizzanti in molti pazienti.

 

Un rapporto di monitoraggio dell’OMS del 2017 ha rivelato che gravi effetti avversi del vaccino HPV di Moncef Slaoui includevano la sindrome dolorosa regionale complessa (CRPS), la sindrome da tachicardia posturale ortostatica (POTS) e la sindrome da affaticamento cronico (CFS) in misura «superiore a qualsiasi altro vaccino».  Non è rassicurante vederlo come zar di un vaccino accelerato.

 

Lo Zar dei vaccini selezionato per l’operazione Warp Speed di Kushner è l’ex presidente della divisione Vaccini di GlaxoSmithKline, Moncef Slaoui

Nel 2015 la Corte Suprema indiana ha indagato sulle accuse secondo cui le giovani ragazze dei villaggi indiani sono morte dopo aver ricevuto Cervarix dal GSK di Slaoui. È accaduto nel corso di test illegali del vaccino contro l’HPV in cui né alle ragazze né ai loro genitori è stato detto di cosa si trattasse. Secondo quanto riferito, lo studio è stato finanziato dalla Fondazione Bill e Melinda Gates.

 

Nel 2012, mentre Slaoui era a capo del dipartimento per la ricerca e sviluppo globale e sviluppo di vaccini, e faceva parte del consiglio di amministrazione di GSK, la società è stata multata per $ 3 miliardi dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, la più grande ammenda mai comminata contro un’azienda farmaceutica.

Un rapporto di monitoraggio dell’OMS del 2017 ha rivelato che gravi effetti avversi del vaccino HPV di Moncef Slaoui includevano la sindrome dolorosa regionale complessa (CRPS), la sindrome da tachicardia posturale ortostatica (POTS) e la sindrome da affaticamento cronico (CFS) in misura «superiore a qualsiasi altro vaccino».

 

Tra le accuse c’era che GlaxoSmithKline aveva deliberatamente nascosto dati allarmanti sulla sicurezza del suo farmaco per il diabete più venduto, Advandia, alla FDA degli Stati Uniti. Dopo questo episodio, Advandia svanì silenziosamente dall’elenco dei prodotti di GSK.

 

Slaoui ha anche legami con i progetti della Bill & Melinda Gates Foundation. Faceva parte del comitato dell’Iniziativa internazionale per i vaccini contro l’AIDS finanziata da Gates. Lo IAVI è stato avviato nel 1994 in occasione di una conferenza della Rockefeller Foundation ed è supportato , tra gli altri, dalla Gates Foundation, dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive di Tony Fauci.

 

In una conferenza stampa della Casa Bianca del 15 maggio in cui il Presidente ha presentato Slaoui come capo del progetto di vaccino, Slaoui ha dichiarato: «Signor Presidente, di recente ho visto i primi dati della sperimentazione clinica di un vaccino contro il coronavirus. Questi dati mi fanno sentire ancora più sicuro che entro la fine del 2020 saremo in grado di somministrare alcune centinaia di dosi di vaccino».

 

Slaoui ha anche legami con i progetti della Bill & Melinda Gates Foundation. Faceva parte del comitato dell’Iniziativa internazionale per i vaccini contro l’AIDS finanziata da Gates

Anche se non lo ha detto, si stava chiaramente riferendo a Moderna e al suo vaccino a mRNA modificato, il primo vaccino statunitense autorizzato ad effettuare studi umani di fase I dopo che il governo degli Stati Uniti ha concesso alla società uno sbalorditivo finanziamento di $ 483 milioni per accelerare il vaccino contro il COVID -19.

 

Lo zar del vaccino Slaoui è ben disposto verso Moderna. Dopo aver lasciato GSK nel 2017 fino a quando non si è unito alla Operazione Warp Speed di Trump, Slaoui è stato nel consiglio di amministrazione di Moderna. Detiene anche azioni di Moderna per un valore di $ 10 milioni, opzioni che probabilmente aumenteranno di valore man mano che la velocità di curvatura aumenta. Ciò suggerirebbe un evidente conflitto di interessi con lo zar Slaoui, ma è solo l’inizio di questa saga, in cui milioni di vite sono potenzialmente minacciate da un nuovo vaccino geneticamente modificato inadeguatamente testato o provato.

 

 

Slaoui è stato nel consiglio di amministrazione di Moderna. Ciò suggerirebbe un evidente conflitto di interessi con lo zar Slaoui, ma è solo l’inizio di questa saga, in cui milioni di vite sono potenzialmente minacciate da un nuovo vaccino geneticamente modificato inadeguatamente testato o provato.

Moderna e Slaoui

A questo punto il principale candidato del governo degli Stati Uniti per aver vinto la gara della «velocità di curvatura» per lanciare un vaccino COVID-19 è proprio il Moderna Inc. a Cambridge, nel Massachusetts. È una coincidenza?

 

Moderna afferma che tra l’11 gennaio, data in cui hanno ottenuto la sequenza del DNA del virus dalla Cina, e il 13 gennaio – in soli due giorni – lavorando insieme al National Institute of Allergies and Infectious Diseases (NIAID) del NIH di Anthony Fauci, sono riusciti a finalizzare la sequenza per il vaccino mRNA1273 contro il nuovo Coronavirus.

 

A quel punto, Fauci annunciò piani senza precedenti per condurre studi umani di fase I sul vaccino senza testarlo sugli animali. La FDA ha rinunciato ai requisiti di pre-test su animali. I test di Moderna sul mRNA1273 sono stati finanziati dalla Coalizione sovvenzionata dalla Fondazione Gates per Epidemic Preparedness Innovations (CEPI).

 

L’attenzione di Fauci sul vaccino sperimentale mRNA contro il COVID-19 di Moderna mentre Slaoui stava guidando il suo sviluppo proprio presso Moderna è a dir poco impressionante. La compagnia afferma che il 16 aprile Moderna ha ricevuto un premio dall’agenzia governativa americana BARDA per $ 483 milioni per accelerare lo sviluppo del vaccino mRNA-1273.

 

Questo premio finanzierà lo sviluppo di mRNA-1273 per ottenere le licenze FDA e incrementerà il processo di produzione per consentire la produzione su larga scala nel 2020 per una risposta pandemica. A quel punto il valore delle azioni di Moderna di Slaoui è aumentato del 184%. Quindi, il 1° maggio, Moderna e Lonza Group hanno annunciato una collaborazione strategica mondiale per la produzione di mRNA-1273 con 1 miliardo di dosi all’anno previste. Questo non è un affare piccolo.

 

Il valore delle azioni di Moderna di Slaoui è aumentato del 184%. Quindi, il 1° maggio, Moderna e Lonza Group hanno annunciato una collaborazione strategica mondiale per la produzione di mRNA-1273 con 1 miliardo di dosi all’anno previste. Questo non è un affare piccolo

Il 6 maggio, Moderna ha presentato una relazione sul Form 8-K con la SEC, che includeva un’intervista pubblicata dal National Geographic a Anthony S. Fauci, direttore del NIAID, che descriveva la sua valutazione dei risultati dei test relativi alla fase 1 dello studio clinico in corso  su mRNA-1273. È stato abbastanza positivo.

 

Quindi, tra il 13 gennaio e il 25 marzo, Slaoui e il suo team di Moderna sono stati in grado di progettare il vaccino e di produrlo in modo tale da poter essere iniettato nell’uomo, ha affermato Slaoui a una rivista marocchina, L’Economiste. Mentre con Moderna, Slaoui è stato pienamente coinvolto nello sviluppo del vaccino mRNA contro il COVID-19.

 

Il 7 maggio, pochi giorni prima che Slaoui diventasse lo zar del vaccino di Trump, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha consentito che il vaccino RNA messaggero (mRNA) geneticamente modificato, mRNA1273, entrasse nella seconda fase di sperimentazione umana in estate. Il 12 maggio, la FDA ha dato il via libera per accelerate il vaccino mRNA di Moderna. Velocità di curvatura, sappiamo.

Hanno saltato i classici test sugli animali, di solito sui ratti, per passare direttamente ai test sulle cavie umane. Selezioneranno 600 adulti sani per l’esperimento e presumibilmente seguiranno la loro salute per 12 mesi dopo la seconda vaccinazione. Il piano è iniziare le vaccinazioni umane entro la fine dell’anno

 

Il 27 aprile, la FDA con il sostegno del NIAID di Tony Fauci nel NIH, ha permesso studi umani di Fase I senza precedenti sul vaccino mRNA mai approvato prima. Hanno saltato i classici test sugli animali, di solito sui ratti, per passare direttamente ai test sulle cavie umane. Moderna afferma che lo studio di Fase II valuterà la sicurezza, la reattogenicità e l’immunogenicità di due dosi di mRNA-1273 a distanza di 28 giorni. Selezioneranno 600 adulti sani per l’esperimento e presumibilmente seguiranno la loro salute per 12 mesi dopo la seconda vaccinazione. Il piano è iniziare le vaccinazioni umane entro la fine dell’anno.

 

 

I pericoli dell’mRNA?

Tutto ciò, nonostante l’evidenza di estremi conflitti di interesse tra NIAID e altre agenzie governative statunitensi con Moderna e ora lo zar del vaccino ed ex direttore di Moderna Slaoui, potrebbero essere trattati in modo più leggero, se non fosse per il fatto che la tecnologia a mRNA geneticamente modificato di Moderna è interamente sperimentale e mai approvata per l’uso come vaccino.

 

È la stessa compagnia ad ammetterlo: «L’mRNA è un sistema emergente … siamo ancora all’inizio della storia. Il nostro programma vaccinale più avanzato (CMV) è in fase di sperimentazione clinica di fase 2 e finora non abbiamo farmaci approvati»

È la stessa compagnia ad ammetterlo. Afferma: «L’mRNA è un sistema emergente … siamo ancora all’inizio della storia. Il nostro programma vaccinale più avanzato (CMV) è in fase di sperimentazione clinica di fase 2 e finora non abbiamo farmaci approvati». 

 

Moderna e altri che lavorano con i vaccini sperimentali mRNA geneticamente modificati sostengono che siano più sicuri dei vaccini a DNA modificato, dichiaratamente imprevedibili.

 

La ricerca sul vaccino a DNA ha trent’anni ma fino ad oggi non è riuscita a produrre un singolo vaccino con licenza. Moderna ha solo 11 anni e la tecnologia di editing genetico CRISPR che utilizza ha appena 5 anni. Ci viene detto che il mRNA è completamente diverso e sicuro.

 

Tuttavia, numerosi scienziati avvertono che, una volta all’interno del nucleo cellulare, i vaccini mRNA potrebbero modificare irrimediabilmente il DNA di una persona in modi imprevedibili.

La ricerca sul vaccino a DNA ha trent’anni ma fino ad oggi non è riuscita a produrre un singolo vaccino con licenza. Moderna ha solo 11 anni e la tecnologia di editing genetico CRISPR che utilizza ha appena 5 anni. Ci viene detto che il mRNA è completamente diverso e sicuro

 

Lo stesso NIH di Tony Fauci ha pubblicato un articolo scientifico sulle nuove prospettive del vaccino mRNA.

 

Si legge che: «Il rilevamento immunitario innato dell’mRNA è stato anche associato all’inibizione dell’espressione dell’antigene e può influenzare negativamente la risposta immunitaria. Sebbene gli effetti paradossi del sistema immunitario innato su diversi formati di vaccini mRNA siano compresi in modo incompleto, negli ultimi anni sono stati compiuti alcuni progressi nel chiarire questi fenomeni». Si tratta di scienza altamente sperimentale.

 

Un altro documento scientifico finanziato da diverse università cinesi e ripubblicato dal NIH nel 2019, rivedendo lo sviluppo della nuova tecnica di vaccini mRNA ha lanciato alcuni avvertimenti. Ha notato che c’erano «preoccupazioni per instabilità e bassa immunogenicità».

 

Numerosi scienziati avvertono che, una volta all’interno del nucleo cellulare, i vaccini mRNA potrebbero modificare irrimediabilmente il DNA di una persona in modi imprevedibili.

Inoltre, «i vaccini mRNA sono efficaci nell’espressione dell’antigene, ma la sequenza e le strutture secondarie formate dagli mRNA sono riconosciute da un numero di recettori immunitari innati e questo riconoscimento può inibire la traduzione delle proteine».

 

Non solo, ma «… molti di questi vettori hanno dimostrato tossicità in vivo, il che può limitare il loro uso nell’uomo».

 

Gli autori hanno concluso che: «Il meccanismo di risposta immunitaria istigato dall’mRNA resta da chiarire.

 

Gli autori hanno concluso che: «Il meccanismo di risposta immunitaria istigato dall’mRNA resta da chiarire (…) … molti di questi vettori hanno dimostrato tossicità in vivo, il che può limitare il loro uso nell’uomo»

Il processo di riconoscimento del vaccino mRNA da parte dei sensori cellulari e il meccanismo di attivazione del sensore non sono ancora chiari».

 

Il governo degli Stati Uniti, in un circolo così affiatato, legato al NIAID di Tony Fauci, la Gates Foundation e l’OMS, si sta muovendo senza deformazioni, ma piuttosto deformando le priorità umane per consegnarci un vaccino che nessuno può, in alcun modo, garantire che sia sicuro.

 

Se Moderna fosse così certa della sicurezza, avrebbe dovuto essere legalmente responsabile di eventuali danni dovuti al mRNA. Non lo fanno, né lo farà alcuna società di vaccini.

 

Se Moderna fosse così certa della sicurezza, avrebbe dovuto essere legalmente responsabile di eventuali danni dovuti al mRNA. Non lo fanno, né lo farà alcuna società di vaccini

Dobbiamo decidere se la portata delle morti in tutto il mondo, gonfiate o meno, presumibilmente di COVID-19, giustifica un simile esperimento sugli umani che potrebbe alterare la nostra genetica in modi imprevedibili e probabilmente tossici.

 

 

 

William F. Engdahl

 

Dobbiamo decidere se la portata delle morti in tutto il mondo, gonfiate o meno, presumibilmente di COVID-19, giustifica un simile esperimento sugli umani che potrebbe alterare la nostra genetica in modi imprevedibili e probabilmente tossici.

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Mariland GovPics via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)