Il Superstato europeo è cominciato: grazie a COVID, Conte e «frugali»

 

 

Il quadretto confuso quanto patetico lo avete visto tutti: il Consiglio dell’UE si è concluso a con un accordo di compromesso che ogni paese può rivendicare come una vittoria per sé.

 

L’Italia, la Spagna e gli altri paesi sostengono che l’importo totale del fondo di recupero – chiamato Next Generation EU – non è stato ridotto.

 

I cosiddetti paesi «frugali» hanno ottenuto un meccanismo di controllo più invadente sull’uso di fondi e ingenti sconti nei loro pagamenti al bilancio dell’UE.

 

La condizione per sovvenzioni e prestiti è che vengano utilizzati per investimenti precisi «nel rispetto dello stato di diritto».

 

Il fondo di recupero dell’UE prenderà in prestito denaro dai mercati emettendo obbligazioni dell’UE nel periodo 2021-2026. Dopo tale data, il rimborso delle obbligazioni avverrà fino al 2058 e, per essere in grado di farlo, l’UE introdurrà una tassazione diretta.

Il rimborso delle obbligazioni avverrà fino al 2058 e, per essere in grado di farlo, l’UE introdurrà una tassazione diretta

 

Forse è il caso di rileggere l’ultima frase: «l’UE introdurrà una tassazione diretta». Il lettore può capire da sé quello che questo significa: il passaggio dell’Europa da ente transnazionale a Stato in grado di imporre gabelle dirette sui cittadini. Questo è un salto di sovranità evidente; questo è un cambio di paradigna: questo è il nucleo del Superstato europeo che ci avevano detto non sarebbe mai arrivato.

 

E invece, grazie alla maxicrisi pandemica, eccoci a vedere realizzato anche questo incubo.

 

Una nuova tassazione diretta sulla plastica sarà quindi introdotta già nel 2021.

Gli euroinomani sono in solluchero, perché lo hanno capito:  è nato il nucleo di uno stato federale europeo, un bilancio indipendente dell’UE

 

Gli euroinomani sono in solluchero, perché lo hanno capito:  è nato il nucleo di uno stato federale europeo, un bilancio indipendente dell’UE. I mercati festeggiano lo stanziamento del debito debito.

 

I paesi membri che desiderano attingere alla nuova struttura devono presentare un piano entro settembre, che sarà analizzato dalla Commissione europea e entro tre mesi riceverà l’OK o sarà respinto. «Gli sherpa del Consiglio dell’UE possono supervisionare i piani nella loro attuazione e, su richiesta di uno di essi, possono convocare una riunione del Consiglio dell’UE per verificarli» riassume EIR.

 

Lo hanno detto tutti, ma vale la pena di ripeterlo ancora una volta: l’Italia è contributore netto della UE, per cui sta prendendosi i suoi soldi però perdendo la possibilità di spenderli come vuole, perché da ora decideranno altri.

 

Quello che è andato a fare Conte non è stato un trasferimento di danaro, è un trasferimento di sovranità. Verso l’Eurosuperstato

Crediamo sia limpido, quindi: quello che è andato a fare Conte non è stato un trasferimento di danaro, è un trasferimento di sovranità. Verso l’Eurosuperstato che nessuno ha mai voluto, o anche solo immaginato.

 

Quando qualcuno eseguirà correttamente i propri calcoli, il carattere scandaloso delle decisioni prese al Consiglio dell’UE del Conte festoso diventerà chiaro.

 

Al fine di convincere i cosiddetti paesi «frugali» ad accettare l’accordo, sono stati dati «sconti» ai loro pagamenti nel bilancio dell’UE, migliorando notevolmente la loro posizione netta.

Qualcuno ha deciso che i risparmi degli italiani sono troppi, bisogna rimetterli in circolo, o fare in modo che si involino lontano dallo Stivale

 

I Paesi Bassi, paradiso fiscale (chiedete a FIAT, o a Mediaset) leader dei quattro «frugali», hanno ottenuto uno sconto di 1,9 miliardi di euro, che rappresenta una riduzione del 78% della loro posizione netta attuale (i Paesi Bassi sono un contribuente netto di 2,46 miliardi di euro al bilancio dell’UE).

 

Abbuoni simili sono stati concessi alla Svezia (€ 1,069 miliardi), all’Austria (€ 565 miliardi), alla Danimarca (€ 377 milioni) e persino alla Germania (€ 3,667 miliardi), Paese dove, sotto sotto, spirano venti di collasso sistemico.

La classe politica italoide, da Andreatta in giù, pare essere messa dove sta  per svendere allo straniero, sia esso lo squalo singolo (ricordate il Soros del 1992) o un Paese intero. La Francia, la Germania, la Cina… oggi perfino il nano olandese ci frega

 

«Queste riduzioni lorde devono essere finanziate da tutti gli Stati membri in base al loro Reddito Nazionale Lordo», afferma la versione finale. Ciò significa che l’Italia, che dovrebbe essere un beneficiario dei fondi di «recupero» dell’UE, aumenterà i suoi pagamenti nel bilancio dell’UE.

 

Il solito discorso. Qualcuno ha deciso che i risparmi degli italiani sono troppi, bisogna rimetterli in circolo, o fare in modo che si involino lontano dallo Stivale. Talvolta, capita di sentire membri della sinistra e dell’establishment (quasi la stessa cosa, dai) dirlo apertamente. I risparmi degli italiani vanno tirati fuori dal porcellino di porcellana. Specie quando Germania ed altri Paesi il porcellino mica ce lo hanno, hanno, sotto sotto, debiti e megabanche che conducono speculazioni.

 

Un Paese senza onore e senza vergogna, che per di più ora sta contribuendo, con la pantomina e pure con i risparmi del popolo, alla costruzione del mostro europeo definitivo, l’Europa Stato Federale, l’Eurosuperstato.

Ci siamo abituati, del resto: la classe politica italoide, da Andreatta in giù, pare essere messa dove sta – magari nemmeno votata personalmente, come Conte, Monti, e domani Cottarelli o Colao – per svendere allo straniero, sia esso lo squalo singolo (ricordate il Soros del 1992) o un Paese intero. La Francia, la Germania, la Cina… oggi perfino il nano olandese ci frega.

 

Un Paese senza onore e senza vergogna, che per di più ora sta contribuendo, con la pantomina e pure con i risparmi del popolo, alla costruzione del mostro europeo definitivo, l’Europa Stato Federale, l’Eurosuperstato.

 

 

 

Roberto Dal Bosco