Il suicidio assistito durante il lockdown è una scusa ragionevole per i viaggi all’estero dei britannici

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La Gran Bretagna è entrata in un secondo periodo di isolamento per evitare che un’ondata di pazienti con COVID-19 invada gli ospedali. I viaggi di vacanza all’estero sono vietati. Tuttavia, il segretario alla sanità Matt Hancock ha affermato che, in via eccezionale, sarà consentito visitare la clinica svizzera per il suicidio assistito Dignitas.

 

Il segretario alla sanità britannica Matt Hancock ha affermato che, in via eccezionale, sarà consentito visitare la clinica svizzera per il suicidio assistito Dignitas

Ciò segue la costernazione dei media per una donna con cancro al seno in fase terminale che ha anticipato la sua prenotazione con Dignitas perché temeva che un divieto di viaggio lo avrebbe reso impossibile. Secondo i regolamenti di lockdown, i viaggiatori sono esentati solo per motivi di lavoro, istruzione o altri motivi legalmente consentiti.

 

Hancock ha dichiarato al Parlamento:

 

«I nuovi regolamenti sul coronavirus impongono restrizioni all’uscita di casa senza una scusa ragionevole. Viaggiare all’estero allo scopo di morire assistita è una scusa ragionevole, quindi chiunque lo faccia non infrangerebbe la legge. La questione di come supportare al meglio le persone nelle loro scelte alla fine della loro vita è una questione morale complessa che, se considerata, pesa pesantemente su tutti noi».

 

Hancock ha respinto le richieste di revisione della legislazione attuale che vieta il suicidio assistito. Tuttavia, ha accettato di avere un incontro online con Noel Conway, un 71enne affetto da una malattia dei motoneuroni che è diventato un simbolo del movimento per legalizzarlo.

«Viaggiare all’estero allo scopo di morire assistita è una scusa ragionevole, quindi chiunque lo faccia non infrangerebbe la legge»

 

Il parlamentare locale del signor Conway, Daniel Kawczynski, ha detto al Parlamento :

 

«In qualità di cattolico romano, ho recentemente cambiato idea su questo problema a causa del mio elettore Noel Conway che vive vicino a Shrewsbury. Gli ho detto: “Perché non vai in Svizzera?” E la sua risposta rimarrà con me per sempre: “No, sono inglese, voglio morire in Inghilterra”. E penso che sia estremamente importante che i nostri cittadini abbiano questo diritto».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge