Il sito Internet Movie Database avverte i genitori: lo show Netflix «Cuties» contiene scene «legalmente definibili come pedofilia»

 

 

Il «parental warning» del sito IMDB  (il più grande database di cinema al mondo, ora di proprietà di Amazon) sul nuovo film di Netflix «Cuties»  afferma letteralmente che alcune delle scene del film sono «legalmente definibili come pedofilia».

 

L’indignazione per il film, che si concentra su quattro ragazze pre-adolescenti che si preparano per una competizione di ballo, è esplosa dopo che il film completo è stato rilasciato ieri sera.

 

Come riportato da Renovatio 21, già nel trailer vi erano scene in cui le bambine vengono apertamente sessualizzate: secondo la trama, un  gruppo di undicenni si prepara ad una competizione di twerking, il ballo che fa vibrare le natiche in modo osceno.

 

Nessun media mainstream ha riportato il caso, mentre l’indignazione montava in rete al punto di vedere gruppi chiedere il boicottaggio del gigante dell’audiovisivo in streaming. Questa settimana sia la CNN che il New York Times (per la penna della columnist Maureen Dowd) hanno intervistato Reed Hastings, patron di Netflix. Nessuna delle due mega-testate ha pensato di fare anche solo una domanda sullo scandalo di Cuties.

 

Nessun media mainstream ha riportato il caso, mentre l’indignazione montava in rete al punto di vedere gruppi chiedere il boicottaggio del gigante dell’audiovisivo in streaming. Questa settimana sia la CNN che il New York Times (per la penna della columnist Maureen Dowd) hanno intervistato Reed Hastings, patron di Netflix. Nessuna delle due mega-testate ha pensato di fare anche solo una domanda sullo scandalo di Cuties.

Immagine

Una delle ballerine alza il top corto per mostrare completamente il suo seno nudo. Questo è legalmente definito come pedofilia e può essere estremamente angosciante per molti spettatori»

 

«Avviso dei genitori: durante una delle tante scene di danza altamente sessualizzate ed erotiche che sfruttano e oggettivizzano di proposito numerose ragazze minorenni vestite in modo succinto, una delle ballerine alza il top corto per mostrare completamente il suo seno nudo. Questo è legalmente definito come pedofilia e può essere estremamente angosciante per molti spettatori», afferma il testo sul sito web di IMDB .

 

Come riportato da Summit News, il sito quindi elenca quindi numerosi altri esempi di come le bambine nel film vengono sessualizzate.

 

«Trigger Warning: una ragazza di 11 anni guarda un video musicale rap femminile in cui le donne nude recitano attraverso la danza sia atti sessuali eterosessuali che lesbici. Un gruppo di danza femminile di 11 anni imita quindi questi movimenti sessuali su se stessi e l’uno sull’altro mentre la telecamera ingrandisce le parti del loro corpo mentre si contorcono eroticamente. Questo può essere molto angosciante per molti spettatori».

«Nudità del seno femminile di un minore durante una scena di danza erotica e riprese ravvicinate lunghe ed eccessive di seni, glutei e inguine allargate di ragazze di 11 anni vestite in modo succinto durante numerose routine di danza sessualizzate».

 

«Nudità del seno femminile di un minore durante una scena di danza erotica e riprese ravvicinate lunghe ed eccessive di seni, glutei e inguine allargate di ragazze di 11 anni vestite in modo succinto durante numerose routine di danza sessualizzate».

 

«Un paio di pantaloni di pelle stretti su una bambina di 11 anni vengono tirati giù con la forza nel mezzo di una zuffa; la telecamera guarda le mutandine scoperte».

 

I media, riporta Summit News, hanno risposto alla polemica incolpando gli «esponenti di destra» di essere «arrabbiati», per un film che è in realtà una «bella» storia di «formazione».

«Un paio di pantaloni di pelle stretti su una bambina di 11 anni vengono tirati giù con la forza nel mezzo di una zuffa; la telecamera guarda le mutandine scoperte».

Mentre terminiamo questo articolo, un colpo di scena: pare che IMDB, che pure è della concorrenza Amazon, abbia coperto lo scandalo, facendo sparire i commenti di condanna del film.

 

Resistere alla potenza della Cultura della Morte nell’era di Internet può sembrare davvero impossibile. Teniamo duro: per quanto cerchino di sommergere la Verità, essa sempre troverà il modo di tornare alla luce.

 

 

 

 

Immagine screenshot dal film Cuties